Lessico e fraseologia

Il verbo "prendere"

Pu essere tradotto in bolognese, a seconda dei casi, con tr o ciapr.

In generale, si pu dire che tr la traduzione standard di prendere, mentre ciapr implica unidea di rapidit, e talvolta corrisponde allitaliano acchiappare: in tanti altri casi, per, per chi non sia un madrelingua bolognese la scelta tra le due forme pu essere difficile, poich non esiste una regola chiara e definita; abbiamo perci compilato una breve tabella di riferimento.

Ciapr

- abbronzarsi, prendere il sole: t ciap dal sul;
- afferrare velocemente:
i dutr i l an ciap pr i cav chl ra ble l chl andva al gabarit; l ariv d ura ed ciapr al vul un bichr;
- appassionarsi a qualcosa:
al i cipa gsst;
- catturare:
al cipa i fan; al cipa dl tnc; i an ciap i lder chi n and a rubr a c s;
- cogliere nel segno, azzeccarci:
t i ciap; al i acipa snper; l un ciapri;
- non cogliere nel segno, non azzeccarci:
t ciap par d fra; al n i cipa mi; azidnt a chi i cipa;
- gestire pi situazioni, essere in pi luoghi contemporaneamente:
an s pl bra ciapr daparttt, in d st, par d z e par d l
- impaurirsi:
al s ciap pra;
- impigliarsi in qualcosa:
l ciap int un spn, int una brca;
- perdere:
l ciap la pga;
- prendere in giro:
al le cipa pr al cl;
- prendere in mano:
l ciap int un bastn, na gran;
- prendere malattie:
l ciap la fardra, linflunza;
- prendere una sgridata, un rimprovero:
l ciap al s avair, una brav
- prendere un mezzo di trasporto (con idea di rapidit):
in d e d quter l ciap al trno, l aparcc, es l vgn a c
- prendere un odore, un sapore:
la chren l ciap l amur dl i; a str in cuna, al palt l ciap l udur dal sufrtt;
- prendere un voto:
ai ciap 30 al em;
- ricevere:
l ciap un scupazn; al l ciap int al bisachn;
- subire:
al cipa dl bt; al cipa una pga da gt; l ciap capt;
- vincere una mano a carte:
l ciap con l s ed brsscla;
-
frasi fatte:
chi la cipa l la s - le brighe vanno gestite da colui a cui toccano
l ciap al trt dal can - se ne andato
l ciap s es l and v (anche rust. al s ciap s) - se n' andato

Tr

- prendere in senso generico: t ż int al pit un p ed tajadl!; ai da tr fra i cucr dala spartra;
- abbracciare:
al la tl int nabraz;
- arrestare:
qu ed Pulzz i l an tlt s in st mnter chal rubva un'ardio;
- assumere un accento:
t tlt s la cadnza mudnaia;
- assumere un lavoratore:
l tlt un operri nv;
- comprare:
set v dal pchr, t bn dl spuntadr;
- prendere con s:
tt bn dr la val; t(t) tg t fradl;
- prendere in braccio:
ai tlt in brz m fil;
- prendere in carico, intraprendere:
cla fazannda qu a la ti a man m;
- prendere in giro:
al le tl in dnndla, al le tl pr al cl;
- prendere in parola:
a t ti in parla;
- prendere un farmaco:
l tlt unaspirna, una pilulna;
- prendere un mezzo di trasporto:
l tlt al trno, la mchina, un taccsi;
- raccogliere:
l tlt s din tra una cartza;
- ricevere:
v bn a trel in duv as na i mln!
- scambiare:
a t avva tlt par t fradl;
-
frasi fatte:
tla ml e mttla pz: di male in peggio;
t s e mtt l, che la s la vgnar: gli oggetti conservati, prima o poi possono venire utili

I nomi delle Porte di Bologna

Le Porte di Bologna possono essere chiamate usando diverse costruzioni.

1) con l'articolo e ed "di": la Prta ed Stra Stven, la Prta ed San Dun, la Prta ed San Vidl, la Prta ed San Mmel, la Prta ed Sant Iṡ, la Prta ed San Flṡ, la Prta dla Mascarla, la Prta dl Lm, la Prta ed Saragza, la Prta ed Galra, la Prta Mażur, la Prta ed Castin (si noti l'uso obbligatorio di Stra Porta Santo Stefano)

oppure

Prta San Stven, Prta San Dun, Prta San Vidl, Prta San Mmel, Prta Sant Iṡ, Prta San Flṡ, Prta Mascarla, Prta dl Lm, Prta Saragza, Prta Galra, Prta Mażur, Prta Castin (si noti l'uso obbligatorio di dl per Porta Lame)

Esiste anche la possibilit, sentita come pi classica, di usare Stra per tutte le strade che partono a raggiera dalle Due Torri:

la Prta ed Stra San Stven, la Prta ed Stra San Dun, la Prta ed Stra San Vidl, la Prta ed Stra Mażur, la Prta ed Stra Castin.

Espressioni alternative al superlativo

Come si detto al punto 20.5 del Manuale, spesso al posto del superlativo si usano degli intensificatori specifici a seconda degli aggettivi, oppure l'aggettivo frt, es. l brtt frt " molto brutto", di connotazione negativa. Per la connotazione positiva si usa l'avverbio snper :

l grand snper
l' bla snper
molto grande
molto bella

Va osservata la differenza tra l' bla snper " molto bella" e l' snper bla " sempre bella"

Un'altra possibilit l'espressione ch'an i dbbi, con connotazione in genere negativa ed eccessiva:

una fm ch'an i dbbi
un caṡn ch'an i dbbi
un inbezll ch'an i dbbi
una fame terribile
un baccano d'inferno
un imbecille senza speranza

A volte per pu anche avere connotazione positiva:

l acs inteligint ch'an i dbbi intelligentissimo

Analogamente, abbiamo dala o dla Madna:

una fm d(a)la Madna
un caṡn
d(a)la Madna
un inbezll
d(a)la Madna
una fame terribile
un baccano d'inferno
un imbecille senza speranza

Inoltre, si pu usare la costruzione d bn:

i an tir s una c, mo d bn granda
l una gran inteliginza, mo d bn granda veh!
l un spuzlintn, mo d bn spuzlintn!
al v cme una sajatta, mo d bn frt, veh!
hanno costruito una casa enorme
intelligentissimo
un puzzone tremendo
va velocissimo

poi molto frequente la costruzione articolo indeterminativo + sostantivo + da santufzzi (lett. "da sant'ufficio"):

un chld da santufzzi
un fradd da santufzzi
un plcc da santufzzi
una piva da santufzzi
un caldo soffocante
un freddo cane
una caciara assordante
una pioggia fortissima

Si possono anche usare dei paragoni enfatici, come ch'al pr nng' e tr (lett. "che sembra 11 e 3", cio le ore undici e tre quarti) o ch'al parva al d dal giudzzi ("che sembrava il giorno del giudizio") ecc.

Esclamazioni con snza

Indicano che qualcuno ha qualcosa in qualit o quantit invidiabile:

lu-l u: snza mchina!
scc'mel gurda l: snza c!
quel tipo ha un macchinone!
ma guarda in che reggia abita!

Esclamazioni con pc

Indicano che qualcosa in quantit assai scarsa o del tutto assente:

T l d indr i t bajc? Pca rba!
In canpgna, pca pzza!
Ti ha restituito i tuoi soldi? Ben poco!
In campagna c poca puzza (cio laria pulita)

Sono anche usate in funzione imperativa:

Pc plcc!
Pchi stri!
Non fate rumore!
(Fate) poche storie!

Si notino anche l unafza da pca pra ha unespressione impavida, avvezza a tutte le intemperie e il richiamo degli ambulanti di un tempo Dn, cur, cur, ai la bla insal, l bli patt, pca marca!, laddove marca merce scadente equivale a c poco scarto, cio la merce di buona qualit.

Il prefisso defuntivo

Parlando di persone decedute, si pu far precedere la loro designazione da pver povero, con leventuale aggettivo possessivo posposto:

al pver m nunn
la pvra m mam
al pver m mar
mio nonno buonanima
la mia mamma ora scomparsa
quel santuomo del mio defunto marito

In bolognese non si tratta per di un uso tassativo, mentre in italiano antiquato il prefisso defuntivo obbligatorio.

L'espressione al f, al d

usata a livello popolare per raccontare una conversazione:

alura al f, al d: "Ehi ch'al scṡa, mo qu ai ra m!" allora mi dice: "Senta, scusa, qui c'ero io!"

Naturalmente, un verbo solo sarebbe bastato:

alura al f: "Ehi ch'al sca, mo qu ai ra m!"
alura al dṡ: "Ehi ch'al sca, mo qu ai ra m!"


Torna alla prima pagina
Torna su
Naviga nel Sito Bolognese