Piazza Marino, poeta contadino


Piazza Marino, poeta contadino Un grzie a Giuliano Piazza, fil ed ste pota anbulnt tant famuṡ, pr avaires d dal materil da fr sta pgina - Ringraziamo Giuliano Piazza, figlio del noto poeta ambulante, per averci fornito il materiale alla base di questa pagina.

Marino Piazza (o Piazza Marino come amava presentarsi) stato celebre cantastorie a livello nazionale, conosciutissimo in tutta la citt e la provincia bolognese. Era nato a Bazzano in 31 marzo 1909 ed morto a Bologna l8 luglio 1993. Un grande cantastorie che ha iniziato a frequentare la Piazzola nel 1936 e che ha lasciato il segno in molti di noi per la sua simpatia, umanit e bravura nel narrare ed inventare eventi, zirudelle e fatti. Non solo, ma anche per il modo divertente e spassoso che aveva nel presentarsi alla gente. Se Biavati ormai storia, Piazza Marino ancora memoria, perch molti ancora oggi lo ricordano col suo cappello mobile, mentre recita zirudelle ed elargisce allegria ai passanti davanti al suo banchetto in piazzola. (F. Siino, Associazione Nazionale Venditori Ambulanti, luglio 2008).

Una sintetica biografia ci permette di ricordare che Marino Piazza stato tra i pi conosciuti e seguiti cantastorie dellEmilia-Romagna e dellItalia settentrionale, autore di centinaia di testi popolari tra zirudelle, storie, canzoni, contrasti, ispirati sia ai grandi fatti della cronaca, sia agli avvenimenti della vita di paese che meglio si prestavano a essere raccontati in chiave ironica e grottesca. Dopo il primo convegno dei cantastorie, che si tenne a Bologna in piazza 8 Agosto nel 1954, ha sempre preso parte alle rassegne nazionali dei cantastorie iniziate a Gonzaga (MN) nel 1957 e poi proseguite in paesi della provincia di Piacenza e nel capoluogo e quindi a Bologna, dove nel 1970 venne eletto Trovatore dItalia. Piazza stato presente anche negli anni seguenti alle Sagre organizzate a Santarcangelo di Romagna. Numerosa stata anche la produzione discografica (45 giri e musicassette), edizioni Fonola e Italvox. Marino Piazza ha avuto laccortezza e la consapevolezza di custodire gelosamente copia di tutta la sua opera di autore ed editore. Questo ha permesso alle edizioni Calderini di Bologna di pubblicare un bel volume Piazza Marino poeta contadino del 1996. Gli autori (Giuliano Piazza, Pier Luigi Albertini, Gian Paolo Borghi, Gianni Molinari) hanno raccolto parte dellarchivio proponendolo in diverse sezioni. Contributi importanti si devono a Roberto Leydi, Francesco Guccini, Giorgio Vezzani ed altri. Riteniamo doveroso ed importante che anche la citt di Bologna renda omaggio con una targa a Piazza Marino proprio in quella stessa Piazza 8 Agosto dove per tanti decenni il pubblico bolognese ha potuto seguire e applaudire la sua arte di cantore e intrattenitore popolare. (Giorgio Vezzani, studioso di tradizioni popolare e direttore della rivista Il Cantastorie)

Da parte del Centro Etnografico di Ferrara un plauso alliniziativa di ricordare Marino Piazza, che renderebbe doverosa considerazione pubblica a uno dei principali rappresentanti della cultura popolare e che connoterebbe ulteriormente la bolognesit integrando la tradizione dei grandi del mercato petroniano che, in Piazza 8 Agosto a Bologna, rappresentata da Ragni e da Biavati. (Gian Paolo Borghi responsabile del Centro di documentazione storica/etnografico di Ferrara 2007).

"Ascoltare e guardare Marino Piazza voleva dire restituirci di colpo ad una tradizione secolare entro la quale temi e motivi di un vecchio passato si sovrapponevano a temi e motivi del pi vivo presente, della pi esplicita quotidianit" (Roberto Leydi).


Invece del gallo nel trappolino
c' rimasto il contadino

(1948)

Zirudla d un żuvnt
chan vl brṡa ser un marlt,
l ra szi int na gran fsta
mo ai vlva una galṅna a tsta.
Alura l cusl pens:
ai s genitr an i l brṡa dmand
ed tr una galṅna o un galtt,
l invzi pens ed mtter un trapltt,
un trapltt grand, mgga cinn,
ed qu chas cipa anc i fajn,
con di sprn e di dnt ed fr
che da l an i dbbi ed scapr.
Al trapltt al l mss ala sra
par fr in md che incin al le vdva,
ed dr dala fggna dal lcc,
par ciapr la galṅna o al galtt,
ttta la nt l armṡ cargh
parch incin al l and a tuchr.
Ala matṅna as lva al bur
l avva un s biṡggn da fr,
l avva anc tlt un purgnt
quṡi as la fva int l mudnt,
alura cmm al ps al crs
de dr dala fggna dal lcc,
e al sachṅna prpi sura al trapltt!
Snza str tant a pensr
al tca sbbit a mulr,
al f incsa z a tarṡc,
al trapltt al f ccc cic!
Al s atach atc ai baracui
al bur al tach a dr: Ahi, ahi!.
Dal gran culp chl ciap
in tra l casch,
e p al s liv in p:
e l tach a scapr v,
con di rel e di vrs,
chal parva l univrs!
La mujr la s lva da lt
la crr ala fnstra:
Mo cust?
Cur, cur, n anddi pian,
parch ai una bstia atc al sc dal pan!
L quand la vsst la trpla atc ai faṡ
land sbbit a ciamr ż i fi,
lur, sintnd ttta sta gatra,
i crsan ttt in mż alra
cardand che int al trapltt
ai fss armṡ una galṅna o un galtt
e invzi ai ra armṡ al pvar bur con al sactt!
Mo par l l st un brtt schrz
parch ads l armṡ gurz:
ai n armṡ sul n di bn
an lva pi s l s ed bastn,
con cl dn al f padla
tc e di la zirudla!

Il fornaio e la sposina
(e il marito lavora in officina)
(1950)

Zirudla, una spuṡlṅna
s mar al lavura in ufizṅna,
i andvan bn, i ren felz
cme d nżal in Paradṡ,
mo ai vgn un gust famiglir
a cuṡa dal furnr:
l un żuvnt ed ventqutr n
tant enrgic, snza dn.
Ttt i d ala matṅna
al purtva al pan ala spuṡlṅna
e int al scarzr ttt d l in c
un bl d i andnn ed l.
Al f alura un mumnt bl
suvral lt matrimognl:
i tachnn a fr di żg,
e al furnr al fva fg!
Mnter ch'i cuṡvn al pan ttt d felz
as snt al canpann al inpruvṡ!
Puvrtt n! Mo che brtt gui,
i an sun, mo chi sr mi?
Cusa pnsla sta spuṡlṅna?
La sra al furnr int la latrṅna,
e p, snza stres a ftr,
la crr sbbit a avrr.
Quand l ss al f avrt la s maravi:
la vsst chl ra s mar!
L al vn dnter e p ai dṡ:
Mo cum la cht in camṡ?
A m sn cav i pgn
parch a vlva fr al bgn!
L al d unuc int al cantn
e al vadd chai ra un panirn.
Mo d s, cus'l st afri?
l la i dss: L dal furnr!
al l las qu un mumintn
parch l and s da un incuiln!
L al f sbbit di suspt
al crr a vdder stta al lt
ed dr dal cum, stta l armu
al gurda int la stanzia, al gurda in c
al v a vdder in cantṅna
e p al dṡ: L int la latrṅna!
e s mujr pr an scrvr al chṡ:
Ar sra ai prs la cv!
L al crr ttt int un trt
e al v a ciamr al frb
alura ṡvlta la spuṡlṅna
lavrra sbbit la latrṅna:
al furnr al slta fra
bianc cme al lt dala gran pra,
al tarmva a pi non ps,
e as l'ra fta ads!
Al cipa al panirn in spla
e p al s amlla ż a bla!
mnter ch'al v ż la i suzd bla:
l incntra al mar lng ala schla.
Oh che bla cunbinazin.
a sn and a tr al panirn!
Alura cl ter al tach a dr:
V a purt al pn a m mujr!
L al dṡ: S, parch l cuntnta
a i dg i curntt e la carsnta!
E acs al furnr ai pas la pra
e a cl ter l cren i i sltan fra
e i s ṡlngan int al fr la schla
tc e di la zirudla!

Dopo una lunga e penosa passeggiata
(la ragazza smarrita lhanno ritrovata)
(1948, secondo il modello di G.C. Croce)

Zirudla cco qu
una ragza chl' da tr mar
al s anbruṡ al la vlva spuṡr
mo i s genitr i n g la vlvan brṡa dr!
Alura lur d ch'i ran acs ct
i an pens ed scapr ala nt.
E i genitr i s n maravi
quand la fila i n and a ciamr:
al lt l ra vd Mo l in duv la and?
nstra fila i s lan rub!
E ttta sta żnt in pinsr
i s mssan sbbit in gr
e, par md ed tachr bn,
i andnn a vdder in fnnd a Rn:
Caṡalcc', Ss, Vargh,
daparttt i an zarch,
s da Rila, a Puratta,
a Laghr e a Pian ed Satta,
a Castin e C ed Landn,
ż da Vd e p al Lavn.
Ad Anzla i s farmnn
e a ttt i al dmandnn:
Incin l vssta? Incin la cgnss?
La prta in c un bartuchn rss,
l tuṡ a stl novznt
e la i la permannt,
l du c zelst e un bl naṡn
e al rustt suvr'ai labrn,
l stra al binnd e al castgn
la i snpr un qulc cunpgn,
l' tr d cha sn dr a zarchrla
mo incin l bn ed truvrla!
Al Pnt dla Samż e a Calchra
i an zarch anc stra la gra,
ż da Gg e a Panzn,
Arbira e Bagazn,
Nunantla e Ravarn,
Ril, Castelfrnc e Manżuln,
Bażn, Savggn e lAbad,
Żapuln, Ponzn e Mntv,
al Castltt e Mnt Budl,
Seravl e Mnt Unbrr,
ala Zca e a Muntaiṡ
i s farmnn in mż al pajaiṡ,
i muntnn a cavl d un mll
i andnn a finr l s a Pavll,
Sstola, la Lma e l Abetn
mo sta ragza an l vssta incin.
I vnsn indr par da Fann,
da Lizzano e Gg Muntn,
Pian dla Gaccia e Montfiurn
i andnn a finr a San Pelegrn.
In piza i fnn una preghiera e un'ufrta
par truvr sta ragza prsa,
i s invinn ed bn umur
i pasnn da Frasinr,
Zrddal, Carpin, Bajṡ,
i arivnn a meżant prezṡ,
ż da Ruda, La Vggia e Sasl
i incuntrnn una dna con un ragazl:
Par piaṡir bna dunlṅna
avv vsst una spuṡlṅna
un bartuchn rss, una ftṅna żla,
ch'la v v drtta cme na cavla?
S, a l vssta al d dla Fra
ch'la muntva s la curra!
Tante grzie! Avn cap
s'al fss vaira ch'l stra qu!
S da Magreta, Curltt e Bażvra,
i D Muln, Furmżżn e Calchra
Castelvaider, Castelnv e i St Can,
C di Sla, Maranl, la Pzza e Sulgnn,
San Vd, San Dunn, Belvedr e Rla,
al Bituln, l Argsstal e Vgnla,
s da Marn e ala Sra Mazn
i lan truv int un bsc a cjjer i marn!
Col żuvnt i ren in cucgna
i armistiven i balṡ con la castgna.
I an purt a c la ragazla
tc e di la zirudla!


Ala prmma pgina
V s