Suntt ed Giuseppe Gioacchino Belli
Tradtt da Franco Bergonzoni

Giuseppe Gioacchino Belli, al pota ed Rmma


Muzzio Scevola allara

Tra ssei cherubbigneri e du patuje,
co le mano derto manettate,
Muzzio Scevola in tonica de frate
ann avanti ar Zoprano de la Truje.

Stava Porzenno a ssede in zu le guje
che sse vedeno a Arbano inarberate
Sora maschera, come ve chiamate?
er Re je disse, e cosa so ste buje? 

Dice:Sagra Maest, so Muzzio Scevola;
ve volevo ammazz; ma ppe n equivico
ho rotto un coppo in cammio duna tevola.

Ditto accuss, pe ariscont er marrone,
con un coraggio de sordato civico
1
se schiaff la mandritta in nel focone.

1Volutamente ironico. I soldati civici dello Stato pontificio non brillavano per coraggio.

Muzio Scevola dnanz al braṡr

Stra s carabinr e dr a un plutn
ed questurn, cmm un salm ligh,
Muzio Scevola, fst cunpgna un fr,
al f purt dnanz al r di Tuscn.

Pursnna, al r, l ra dimnndi sri.
Dala carga al d
ṡ al parunr:
al vster nmm, a m l arssi da dr,
e p, anc, csl mi ste putifri.

Muzio Scevola a sn, l arspnnd, e dpp,
chal le vlva amazr, ma in
ṡbli, ai d,
chl avva stianch un mmb
1 al pst d un cpp 2.

Dpp avair dtt acs, par vlair  paghr
fn in fnnd al s
ṡbli, bn dez,
al caz la man drtta int un bra
r.

1Voce in uso fra i muratori: vale per embrice, cio tegola piana, diversa dal consueto coppo, che tronco-conico
2Muzio (che poi sar detto Scevola perch forzatamente mancino) aveva scambiato un dignitario etrusco per il re Porsenna, e lo aveva ucciso: in senso figurato, aveva scambiato un coppo per una tegola
 

Er monno muratore

Pe vde cosa c ssopra le stelle
Che sse po ff diceveno le gente.
Fece uno: E che ce v? Nun ce v gnente:
frabbichiamo la torre di Babbelle.

Su, puzzolana, carcia, mattonelle
Io capo-mastro: tu soprintennente
Lavoramo, fijoli, alegramente!
E Dio intanto rideva a crepa-pelle.

 Gi ss ar par de la croce de San Pietro,
quanno, ched? Je simbroja er filello,
e invece dann avanti vanno addietro.

Gnisuno ppi capiva litajano:
e mentruno diceva: Qua er crivello,
lantro je dava un zecchio dacqua in mano.

La trr ed Babele

Par savair csai sura al vultn
dal zl, cmm as pl fr?, gva la
żnt.
E on al sentenzi: Sa m dar mnt
con la trr ed Babele a i arivn.

Avanti, che a sn fra dal invren,
e avnd tanti ur ed lṡ par lavurr
linpraia la n s bra da farmr.
Mo in cal mnter ridva al Pedretren.

Ormi i n lt pi che la trr di Aṡn;
mo la lngua s inbrja al inpruv
,
e invzi d andr s i van indr.

Di s cunpgn, incin capva pi,
e se n al dmandva: Dm i arn
ṡ,
prd
1 e calzṅna al vdva arivr s.

1Nel dialetto bolognese, il mattone si chiama prda, mentre le pietre si dicono ss, e le zolle di terra madn.
 

Er ciarlatano novo

C mo a Roma un dentista, un giuvenotto
nato a Vienna in dellisola de Como:
un medicone, un ciarlatano dotto,
che sse potra leg drento in un tomo.

Lui strappa denti de sopra e de sotto
tutti eguarmente a un pavolo per omo.
Chi sse ne caccia poi dieci in un botto,
ha lundecimo auffa: eh? Che bravomo!

Venne inortre un zegreto pe du giuli
ch unacqua bona assai pe d ssoccorzo
a chi esposto a li carci de li muli.

Basta intiggnece un pezzo de sfilarcio
e strufinasse, o de succhianne un zorzo
un momentino prima dav er carcio.
 

L incantabss nv

Da socunt d, ai in piza un dintssta,
nd a Vianna, una tra fra v,
un gran dutur, che al prv mtters in lssta
par vgnr iscrtt int lenzicloped.

Ed sura cmm ed stta, al chva i dnt
a un uro a bta, e se as in chva d
ṡ,
l a grtis quall di nng, e i s clint
i van v ttt cuntnt, tant l prez
.

E par vnt uro, a chi rṡga d andr
stta una mchina, al vannd una medg
na
miraculu
a, e fzil da druvr.

L absta un bichirn, da bvver stit,
o pr inmujri dntr una pzul
ṅna,
sbbit prmma dal bt, e al far eft.
 

Le carcere

Uscii quer giorno che Ppapa Leone1
fu incoronato: ma tte do un avviso,
che mejo cosa che de st in priggione
s e n ppo trovasse in paradiso.

L maggni pane, vino, carne e riso,
e loste nun te mette suggizione:
trovi in cammera tua tutto priciso,
senza pag n serva n piggione.

L drento nun ce piove e nun ce fiocca,
e nun c n governo n curato
che tte levino er pane da la bocca.

L nun lavori mai, sei rispettato,
fai er commido tuo, e nun te tocca
er risico dann mai carcerato.

1 Gioacchino Pecci, eletto Papa nel 1878.
 

La parṡn

Ai vns unamnist, e i m mittnn fra
dala par
ṡn; mo m a t mtt in av,
che cal st an f prpri incinna pra,
e l mi che truvrs in parad
.

L as mgna chren, psta stta e rṡ,
e l st an t mtt incinna sudizin;
int la t stanzia incsa l prez
,
snza avair da paghr gnnta ed pi
n.

O che al piva o che al naiva, a t garantss
che la t stanzia la n sr mi al br,
e incin al vgnar mi a fr dal fss.

Al lavurr? L mss int un cantn.
T p guardr la TV, e st sicr
che an i perccuel d andr in par
ṡn.

Li beccamorti

E caffari vi fa? Gnisuno more.
Sto po daria cattiva ggi ffinita:
tutti attaccati a sta mazzata vita
Oh va a ff er beccanorto con amore!

Povera cortra1 mia! Sta l ammuffita.
E ssi va de sto passo, e qua er Ziggnore
non allumina un po quarche dottore,
la profession der beccamorto ita.

Lannata bona fu ner diciassette2.
Allora s, in sta piazza, era un bel vive,
ch li morti fioccaveno a carrette.

Basta; chi ssa! Matteo disse jerzera
cun beccamorto amico suo je scrive
che c quarche speranza in sto collra.

1 Coperta funebre, che un tempo si poneva sul cataletto del morto.
2 Nel 1817 vi fu in Roma una pesante epidemia di tifo.

I becamrt

Cusavaggna da fr? Qu incin al mr.
L fin la calra da un bel pc:
ttt i stan bn, e a incin ai vn un rc
E un becamrt l snza un pc d arsr.

Al badl, l a durmr int un cantn,
e sla v ed lng acs, e nster Sgnur
an sugerss puld a un qulc dutur,
l destin a finr la profesin.

Ai anc chi s arcrda la mur
par la spagnla
1, quṡi znt n f.
Che b tnp! Mo purtrp i en pas v

Ads, par fr murr un pc ed żnt,
a se spra int la SARS, e p, chis,
che an fga la s prt l incuinamnt.

1 Negli anni che seguirono la prima guerra mondiale, lEuropa fu colpita da una epidemia, detta spagnola dal luogo della sua presunta origine, che caus milioni di morti.
 

Er caffettiere fisolofo

Lommini de sto monno so listesso
che vaghi de caff ner macinino:
cuno prima, uno doppo, e un antro appresso,
tutti quanti per vanno a un distino.

Spesso muteno sito, e caccia spesso
er vago grosso er vago piccinino,
e ssincarzeno tutti in zu lingresso
der ferro che li sfraggne in porverino.

E lommini accus viveno ar monno
misticati pe mano de la sorte
che sse li gira tutti in tonno in tonno;

e movennose oggnuno, o ppiano, o fforte,
senza capillo mai caleno a ffonno
pe casc ne la gola de la morte.
 

Al barssta filṡof

I men al f al barssta- v a l sav
chi n cmm al caf in grna int al ma
ṡnn?
nna prmma, nna dpp, e untra dr,
l grn i van insmm al s destn.

Int al girr, al suzd bn suvnt
che la grsa la dspsta la pi c
ṅna,
mo ttti quanti l grn, int un mumnt,
i n strich insmm e i dvnten na pulvr
na.

Int listassa manra v la żnt,
guid par man dal s destn, che al gd
ad armi
dr continuamnt ttt quant;

e scadagnn, muvndes a s md,
snza intnnder, in fnnd al v a finr,
l dvv an s pl fr ter che murr.

Chi va la notte, va a la morte

Come so le disgrazzie! Ecco listoria:
co quellinfernuperto de nottata
me ne tornavo da Testa spaccata
1
a settora
2 indovabbita Vittoria.

 Come l ppropio de Palazzo Doria
so ppe ssal Ssanta Maria nviolata
3,
scivolo, e tte do un cristo de cascata,
e batto apparteddietro la momoria.

Stavo pe tterra a ppiagne a vita mozza,
quanno cuna carrozza da siggnore
me pass accanto a ppasso de barrozza.

 Ferma, strill ar cucchiero un zervitore;
ma un vocino chesc da la carozza
je disse: Avanti, al; chi more, more.

1 Una via del centro antico di Roma.
2 A sette ore dopo lAve Maria. Dinverno, intorno alle 24.
3 S. Maria Vergine in via Lata, antico nome dellodierna via del Corso.

Un samaritn dal d d inc1

Cum i n l dṡgrzi! cco qu una stria.
Al trunva e al
lunva, a meżant,
cla sra che a turnva a ch
a ed trt,
dpp una zanna dala m Vitria.

Da Galra a m aviva par la rta
dla Prta dal Castl, ttta giz,
mo a
ṡblṡṡg, e a fg una gran spatach:
una casch al indr prpi da fta.

Tott amach, par tra a m lamintva,
quand a vadd arivr s da Galra
Ad
ṡi adi, un taxi, che al vultva

a man drtta, che ai ra manra
chal m arudss. Mo in cal mntr a sint
una vu
ṡ: Tra drtt, e lsel l.

1 Nella parabola evangelica, il buon samaritano soccorre il viandante trovato ferito lungo la strada; con ironia, si confronto quel gesto di misericordia con landazzo egoista del nostro tempo.


Ala prmma pgina
Turna ala pgina dl traduzin

V s