Gianni Pallotti


żnr - gennaio 2013

Gianni Pallotti, nd a Marzabt, l st un cantnt e pota dla cultra bulgnaiṡa, in pi che un grfic ilastradur dala gran drma. L scrtt dimnndi, e al cantva l su canzuntt alternandi con l poeṡ ed s surla, l'Adriana Pallotti. Int i ltum tnp al s ra anc mss a sunr e cantr insmm a s fil Daniele. Gianni al s las un brtt d dal 2002, prmma ed psair registrr pr al s pbblic vuṡ e mṡica dl su canzuntt. Par furtṅna ultmamnt Daniele al s mss a purtr in gr l'eredit ed s pder, fagnd cgnsser a un pbblic pi grand ste autur, ch'al fva di tst senptic e irnic mo anc cumuvnt e pn d arcrd, con dl rmm pṅni ed duga e fantaṡ stra l bulgnaiṡ e l lngv furastri (pr eṡnpi stra "dialtt" e l inglaiṡ chestnut, ch'al v p dr castgn). Stand d'asptr che fenalmnt un editur ilumin al pbblica un bl CD con di chp-lavr cunpgna Caraibi e Balṡ, A mża str e Al piv, che Al St Bulgnaiṡ l ble mss al tst da di n int la pgina dla mṡica, a v fn da savair che int al Tb ai socuanti canzuntt ed Żvann cant da Dagnl, e p a insfilzn in sta pgina socuanti poeṡ scrtti da Żvann, dl fotograf e un arcrd ed s fil e n ed s surla.

Gianni Pallotti nato a Marzabotto ed stato un cantante e poeta di cultura bolognese, oltre che grafico illustratore di grande bravura. Ha scritto tanto, e cantava le sue canzonette alternandosi con la sorella Adriana Pallotti e le sue poesie. Negli ultimi tempi si era anche messo a suonare e cantare insieme al figlio Daniele. Gianni ci ha lasciati un brutto giorno del 2002, senza riuscire a incidere la sua musica e la sua voce per il proprio pubblico. Fortunatamente, nell'ultimo periodo Daniele si messo a portare in giro l'eredit del padre, facendo conoscere a un pubblico pi ampio questo autore dai testi divertenti e ironici ma anche struggenti e all'insegna del ricordo, con rime abili e fantasiose che incrociano il bolognese con le lingue straniere (ad esempio dialtt "dialetto" con l'inglese chestnut "castagne"). In attesa che finalmente un editore illuminato pubblichi un bel CD con capolavori quali Caraibi e Balṡ, A mża str e Al piv, di cui Il Sito Bolognese da anni ha inserito i testi alla pagina della musica, segnaliamo che su Youtube si trovano alcune canzoni di Gianni cantate da Daniele. Inoltre, presentiamo in questa pagina alcune poesie di Gianni, qualche fotografia e un ricordo scritto dal figlio e uno dalla sorella.

Daniele Pallotti canta La vtta l' un trno, di Gianni Pallotti
Daniele Pallotti canta Al piv, di Gianni Pallotti
Daniele Pallotti canta L inbarig, di Gianni Pallotti
Daniele Pallotti canta Calra, di Gianni Pallotti

 


Gianni e Daniele Pallotti
Gianni e Daniele Pallotti


Arcrd ed m pder
 

ed/di Daniele Pallotti
 

Mio padre Gianni, ossia Giovanni Pallotti (Marzabotto 1934 - Loiano 2002), con in tasca un mezzo diploma di ragioneria conseguito all'allora Istituto Aldrovandi ed San Stven znt e dṡdt, messi da parte i numeri, a un certo momento affida la sua carriera all'estro e all'inventiva che aveva affinato sin da giovane e, grazie anche alla sua maestria con matite e colori, diventa grafico pubblicitario. Apre un piccolo studio in via Col di Lana e per una trentina d'anni riempie la sua Bologna di stemmi, bozzetti, insegne e scritte di ogni tipo e su ogni genere di superficie. Sul suo biglietto da visita spicca la parola con la quale amava descrivere il suo lavoro: DECORECLAMPITTURA, che sintetizzava le specialit della casa. Gianni aveva tanti hobby, da uomo eclettico, colto che era, e ne ha coltivati diversi, ma ce n'era uno in particolare che lo aveva accompagnato sin da giovane: la chitarra! Gi, il suo fedele strumento. Non aveva una grande tecnica, era autodidatta e poco conosceva la musica, ma la suonava con tanta passione e, oltre alle dita, ci metteva il cuore, come in tutte le cose nelle quali credeva - e credetemi, gli veniva proprio bene!

Infatti, quando decide di "pensionarsi", oltre lasciare il lavoro lascia la sua Bologna (che, come ben noto, porter sempre nel cuore) per trasferirsi a Loiano, e l inizia uno dei momenti pi prolifici della sua vita: assorto nel verde e nell'assoluta quiete dell'Appennino, ci regala liriche e canzoni di vero pregio e spessore, dalle dissacranti e ironiche Trpa naigra, Al tanghro sfigh, L inbarig, La vtta l' un trno, alle pi ispirate, dolci e introspettive Al piv, Calra, A mża str, S't bla, La m serenta a Bulggna... Pi di duecento opere, tra versi, liriche e canzoni, portate a spasso per feste, sagre e serate a tema, col suo spettacolo In dialtt l pi fzil, condiviso con la sorella Adriana, anche lei fine poetessa in dialetto bolognese e in italiano, e accompagnati dalla chitarra classica dell'amico Bruno Zanella. Il trio d cos inizio ad una bella fase artistica, che dal 1997 li porta alla ribalta e a farsi conoscere dai tanti cultori del dialetto petroniano (del resto, conosceva Gign Lvra fino agli anni Cinquanta, e fra i due c'era una grande amicizia). Era una grigia mattina di dicembre quando "il treno" in corsa di pap as farm, al las qu incsa e l and ż al inpruvṡ, lasciando tanto dolore e sgomento tra tutti coloro che l'amavano e anche tra quelli che lo conoscevano solo per le canzoni. A dieci anni dalla sua scomparsa, ho deciso di portare avanti le sue canzoni e il suo spettacolo, per far s che la tradizione dialettale non scompaia e per rendere un giusto plauso alla sua bella musica... spero di esserne all'altezza! Arvddres pap.


Arcrd ed m fradl
 

ed/di Adriana Pallotti
 

In dialtt l pi fzil!. La provocazione di mio fratello Gianni si faceva ogni giorno pi insistente. E cos, come lui era riuscito ad archiviare ogni nota, ogni brano del suo idolo Domenico Modugno, cercai anchio di accantonare venti anni dedicati alla poesia in lingua. Inizi cos la nostra meravigliosa avventura dialettale: lui con la sua chitarra, le sue musiche e la sue canzoni ed io con la mie nuove poesie. Meticoloso maestro di metrica e di rime non mi perdonava nemmeno una piccola assonanza. Una intensa condivisione di ricordi e di sentimenti ci accomunava stimolandoci a vicenda.

Poi gli spettacoli, sempre pi frequenti, studiati con allegria e meticolosit con il prezioso supporto del giovane nipote, Mattia, alla tastiera e della professionalit di Bruno Zanella e la sua chitarra. Una costante ed affettuosa competizione ci ha visti momentanei rivali in molteplici concorsi di poesia dialettale, contendendoci molto spesso primi e secondi premi.

Sette anni intensi, irripetibili dove, forse, senza nemmeno renderci conto di avere affidato al nostro dialetto anche i pensieri pi intimi del nostro vissuto. Poi, allimprovviso, il destino lo ha pugnalato alle spalle frantumando progetti e sogni. In quel giorno freddo ed uggioso di dicembre, nella chiesa della sua Marzabotto, dinnanzi al grande crocefisso che lui stesso dipinse tanti anni prima, gli amici del dialetto cerano tuttied io lo salutai cos:


L ltum viż

A t vsst andr v con al ftiri pi bl, camṡa, cravta, mo snza capl.
A t vsst andr v snza al sul ne la lṅna, snza gnanc un augri ed bna furtṅna.
Int un d fradd e grṡ a t vsst andr v, pr un viż chan sarvva l schrp int i p.
In fnnd al sintr as avrt un rastl e t t and v, col m insnni pi bl:
Poeṡ e canzuntt cha savvn a memria, un insnni ṡvan la fn d una stria.
La fla dla vtta la n brṡa a culr: l una schla chlingna e l fta ed dulr.
E l inttil zarchr ed dscrrer pi frt, la cv dal destn l in brz ala srt!
E int un d fradd e grṡ, m a t vsst andr v con al ftiri pi bl e snza schrp int i p.

a.p.


Gianni Pallotti

Żvann l avva una gran drma a scrver dl canzuntt e dl poeṡ, cum as pl vdder qu stta, int un tst irnic con dl rmm dimnndi bn strulgh.
Gianni era molto abile a comporre versi e testi di canzoni, come si pu vedere dalle rime ironiche e assai fantasiose che seguono.

Al torro con l murid
(Escamllo)

Quassta l' l'aventra tragicmica
un p trssta e malincnica
ch'l' capit a un toreadrr.
I al cgnssn a Panplna e a Valadoldd,

i al cgnssn a Sivgglia, i al cgnssn a Madrdd:
s'ai una bla figra da fr
da ttta la Spgna i al mandn a ciamr:
Escamllo!

S pdr e s mder quand i l an badż
an i dbbi ch'savssen chi l ra Biżtt,
mo in Spgna Escamllo l un nmm uṡul
cum al sr Tonno par n dal Mlunzl.

In mż al'arna at d sicurazza
s'ai vl un torro ch'al sppa al'altazza
altazza... v bn, l l un mtr e trntn
per l un torro ed qu coi marn:
Escamllo!

Per quand i n prnti pr andr ala Plża
con gissta raṡ
n ai al tr ch'al s incza:
"G s la m
żnt cus'am vlv tr in gr?
Se lu-l l i marn, m cus'ja da dr?".

Al d dla corda al s avṡṅna orami
e l prpi al
ura ch'i tchen i gui.
Br
a parch l l n e trntad
l' ch'l' dl murid ch'i prn un grp d :
Escamllo!

li n acs grsi ch'l pren dl prggn
ed qualli vila ch'ai al maiṡ ed żggn.
E p par żnta l s r
npn anc e spass
mo l a torer ai v snper l istss.

Un d ai capit d lasrs andr,
acs ala Crmen al i vl mustrr.
La f Carmensta: "Mo scc'mel ch'murid!"
e la i imurtal con la s polarid.

L' st mand da ttti li agenz
in gr pr al m
nnd la s fotograf
parfn in Inghiltra in ttt i tablid
as vadd Escamllo ch'al msstra l murid.

I n ttt al'arna al znc dpp-meżd
(ch'i d
en ch'l tarde, chis p parch?)
con l papus
ni e al cudn con al fic
l'arva ala Pl
ża cal gran mazacrc
d Escamllo!

Ai la corda ch'l' in pn ṡvolżimnt
e la v ż
d tsta ttt'quanta la żnt
al pr che al pbblic al vga int i mt
con standing ovation par l ch'al cunbt

con znc-s vernic al l inbariagh
e in qutr e qutr t al l ble mat
ads cmm i fan ttt i brv matadrr
al tra stra l pbblic l'uraccia dal tr:
Escamllo!

Intnt ch'al s inchṅna arvuj int la mantgglia
al s inblza int na crna con una cavgglia
al scrumza al indr con na gran sculandr
e cl pvri murid l s n ttt'sparpadl!

La vadd Carmensta in tribṅna d unur
che l brg d Escamllo l cnbien d culur
l un ml dla madna e al biastamma tra i dnt
e la i fcca
ż un pactt d asurbnt
Carmensta!

Purtrp Escamllo al n brṡa dl scl
e al s biastmr solamnt in spagnl
mo al banderilro ch'l quall ch'l pi ataiṡ
par ttt i turssta al tradṡ in inglaiṡ.

Ads, che ormi s sparguj la vu
che al mnnd l l al torro pi famu
:
i an ft un bolro parfn i Pink Floyd
ch'as cima: Escamllo the King of Murid!

Quassta l' l'aventra tragicmica
un p trssta e malincnica
ch'l' capit a un toreadrr...
ch'as cima? Escamllo! Ol!

I tst dl canzuntt ed Gianni Pallotti - I testi delle canzoni di Gianni Pallotti


 Ala prmma pgina
  V s