Sandro Sermenghi


Sandrn Sarmng, pota in bulgnaiṡ pn ed duga e dimnndi mudren, al s las la matṅna dal vner di 13 d avrll dal 2012. Al St Bulgnaiṡ l arcrda con gratitdin l'amizzzia ed Sandrn - Sandro Sermenghi, geniale e modernissimo poeta in dialetto bolognese, ci ha lasciato la mattina di venerd 13 aprile 2012. Il Sito Bolognese ricorda con gratitudine l'amicizia di Sandro.


Sandrn Sarmng

L l nnic pota (o povta cum al dṡ l) surel chal scrv in bulgnaiṡ, mo ai piṡ anc ed fr dla lrrica in itaglin e d pastrucr con dli tri lngv europi. Ala pgina dla leteratra a cat ble d pz ed st autur, chi s pren rapreṡentatv dal s carter uriginl e spirituṡ, mo qu a in catar di ter, parch Sandrn l anc la panna fzila es al partzzipa a di cuncrs, al tn una rubrca ciam La Pgina dal Dialtt int la rivssta Laboratorio di parole in poesia, e al f anc untra mccia ed qu - lunico poeta surreale a scrivere in bolognese, ma si diletta anche con la lirica italiana e con pastiche in altre lingue europee. Alla pagina della letteratura si trovano due composizioni che ci sembrano rappresentative del suo carattere originale e spiritoso, ma in questa pagina ne troverete delle altre, perch Sandro un autore prolifico e partecipa a concorsi, tiene una rubrica chiamata La Pagina del Dialetto per la rivista Laboratorio di parole in poesia, e svolge diverse altre attivit.


Amur int na nt nuvenbrṅna

Eletrnica viṡin
t dntr ed m
cn la frza d un pr
ed vil rssi.

E rimirndet
l inpint eletrnic
ch'l dl mira ed btt
dnter al s ardur,
cazi da un solitri pundghn,
al m softur
al v in tllt
e am scpa un rel:
a vrv andr in rbita
cn t
al'lba dal plenilṅni
d una nt nuvenbrṅna.

P,
bel conpiter m,
cme una sajatta ttt d,
in viż vrs l incgnus
snza mai pi
vultrs indr!

 

Amore in una notte novembrina

Elettronica visione
sei dentro a me
con la forza di un prato
di viole rosse.

E rimirandoti
l'impianto elettronico
che ha migliaia di bit
dentro al suo hardware,
cacciati da un solitario topino,
il mio software
va in tilt
e mi sfugge un urlo:
vorrei andare in orbita
con te
all'alba del plenilunio
d'una notte novembrina.

Poi,
bel computer mio,
come un fulmine tutti due,
in viaggio verso l'inconosciuto
senza mai pi
voltarci indietro!

Poeiulatta un pc amra

L in arv dnca al Nadl
ttt pi bn vlaggna dvintr?
Anc l n Nv l qu chl arva
cum al vlaggna cminzipir?
Fr la gura, consumr,
d fra b mo dntr udir?
N n n, a n i sn brṡa,
pr una nva umanit
ttt insmm, frza e umilt!
A psn vnzer la batglia
ṡguminr la vl canja,
se a i mitn la volont
al nemg sr ṡbaragli!
P vinznt, ttt in girtnnd
cm rc in zl chd lṡ al mnnd!

 

Poesioletta un po amara

in arrivo dunque il Natale
tutti pi buoni vogliamo diventare?
Anche lAnno Nuovo qui che arriva
come lo vogliamo incominciare?
Far la guerra, consumare,
di fuori belli ma dentro odiare?
No no no, no non ci siamo,
per una nuova umanit
tutti insieme, forza e umilt!
Se ci mettiamo la volont
possiam vincer la battaglia,
sgominare la vil canaglia:
e il nemico si disperder!
Poi vincenti, tutti in girotondo
come arcobaleno che d luce al mondo!

 

Sadomo

L avva darst n
e al vivva con s pder,
un ciapaparpi incucal,
un pver forachicn ... pulttic!

I stven sura unṡla
con dla pinpinla e di ligr
e l nnic s amg l ra un strppi
che ttt i vner quand l ra br 
i andven a tra
a dn.

E i fven i sadomṡo,
con na mccia ed cadn znng frsst
e v d sguit,
cic patc d anfe naiv lcol,
extaṡi!

Dṡdndes la matṅna dpp,
rifit stra i sc dal rssc,
i n s arcurdven brṡa
quall chi avven cunbin
ala nt.

E dr che an i amanchva gnnta.

Frsi ... la poeṡ.

 

Sadomaso

Aveva diciassette anni
e viveva con suo padre,
un acchiappafarfalle rimbambito,
un emarginato... politico!

Abitavano sopra unisola
con della pimpinella e dei ramarri 
e lunico suo amico era uno storpio
col quale tutti i venerd quandera buio 
andavano a terra
a donne.

E facevano i sadomaso,
con grande quantit di catene cinghie fruste
e via di seguito,
ubriachi fradici damfe neve alcol,
extasiati!

Svegliandosi la mattina successiva,
rifiuti fra i sacchi delle immondizie,
non ricordavano
ci che avevano combinato
la notte.

E dire che non gli mancava niente.

Forse... la poesia.

 

Maronti dIschia

Magnlia
sura la t lrga fjja
allba
a scriv du parl
par Vidlba.

Ed chi darst frt
ed mndel
fra frasschi frsc
a dscur.

Dal ci ci ci ci
di uṡln ed fsta
a dscur.

E la buganvll lascultva
- fiur! -
aturti e cuntrta
s par la plma vva
chla s truvva
ed frnt ala surla
mrta.

E a pns, a pns...
a pns che frsi
a n brṡa fin
a spr che frsi
pi avanti
ancura una rmma
a inciustrar.

 

Maronti dIschia

Magnolia
sulla la tua larga foglia
all'alba
scrissi due parole
per Vitalba.

Di quei diciassette frutti
di mandorle
fra fresche frasche
parlai.

Del ci ci ci ci ri ci
di uccellini di festa
parlai.

E la buganvillea ascoltava
- fiorita! -
attorcigliata e contorta
su per la palma viva
che si trovava
di fronte alla sorella
morta.

E penso, penso...
penso che forse
non ho finito
spero che forse
pi avanti
ancora una rima
inchiostrer.

 


Dsstic parodsstic

- An um piaṡva brṡa chtum ṡgranfgnss -
la gva la furma cun la gratṡa!

La fla dal linzl

Ai f che una ragza antga

la m cunfs che un t ed mrz
la s truv d frassca matṅna
con i żnc' ttt pn ed grṡel,
e a s mder chla i dmandva
i mutv ed clavar
la n ps arspnnder ins d p!

La pens, la mnt indr
ai reznt avenimnt,
p la i g: O mma m,
f iarsra par la schla
cha m pist int la stanla
e int un fi a f żnucin!

Par s cnt, pensandi bn,
la sgnurṅna gran spiplṅna
la s arvd l in cal litn,
taila ed cnva al bianc linzl,
a zarchr col lardarl
lingran dal s urcn:

e spiegh f al bruṡurn
provoch dal dulz ṡgugil!

 







Distico parodistico

- Non mi piaceva che tu mi graffiassi -
diceva la forma al la grattugia!

Favola del lenzuolo

Accadde che una zitella

mi confess che un otto marzo
si scopr la mattina presto
con le ginocchia piene di croste,
e a sua madre che le chiedeva
i motivi di quellavaria
non seppe rispondere subito!

Ripens, la mente indietro
ai recenti avvenimenti,
poi le rispose: O mamma mia,
fu iersera per la scala
che mi pestai la sottana
e in un fiato fui ginocchioni!

Per suo conto, pensandoci bene,
la signorina impertinente
si rivide l in quel lettino,
tela di canapa il bianco lenzuolo,
a cercar col lardaiuolo
la granata del suo orecchino:

e sorrise, al divertente
del passato bruciorino!

 


Dna diamnt e br
ṅna

La dna chm aparss
d mża matṅna
quand i rż ed Fbo la brṅna
trasfurmen in luṡnt
diamantn
la m d una gran crga
d algr!

E d ros
a m aduren
par L!

 


Donna diamanti e brina

La donna che apparmi
in sul giorno
lorquando li rai fan di brina
cecanti brillii
diamantini
mi
allegra! 

E deros
mi adorno!


Bugh

Al piv
e a gurd incant
l gzz stta i fl da stnnder
in terza
chi s crren dr
cme tanti gabṅni ed funiv
int al paeṡg invernl inbianch
dal m Apenn bulgnaiṡ
e
am pr quṡi ed vdder,
l s,
socunt s:
chai sppa di ancuiln?

Arżunżarni la s mta?

Pnc

Quant ni i pnc
in gr al d d inc?

Snper n ed trp,
purtrp!

 



















Bucato

Piove
e guardo incantato
le gocce sotto i fili da stendere
in terrazza
che si rincorrono
come tante cabine di funivia
nel paesaggio invernale imbiancato
del mio Appennino bolognese
e
mi par quasi di vedere,
lass,
qualche sci:
che ci siano degli inquilini?

Raggiungeranno la loro meta?

Pinocchio

Quanti sono i pinocchi
in giro al giorno doggi?

Sempre uno di troppo,
purtroppo!

 


v, plp e sardl al mr!

Fiur dal m amur
strapzum v notrni in rva al mr
cn du sardl e un pulp a fr udur
e i rż d lṅna indur a drs calur.

Prz d un calzulr!

Quand i cid i s incuntrnn con
l sl che al calzulr col rmm
l avva inmuj, i inpinn un fn:
la rżżen la s cunsmma e: bum bum,
sugnnd dla murtadla in filunzn
i amaznn cal furfnt d un zavatn!








Uova, polpi e sardelle al mare!

Fior del mio amore
strapazzami notturne uova al mare
con due sardelle e un polpo a far odore
e i raggi di luna dorata a darci calore.

Porco calzolaio!

Quando i chiodi sincontrarono con
le suole che il calzolaio col rhum
avea inumidite, accesero un phon:
corrode assai la ruggine e: bum bum,
sognando mortadella in filoncino
accser quel marrano ciabattino!


Ala Prmma pgina
V s