l traduzin di dialetlog
Traduzioni dialettologiche


Int la stria dla dialetolog, i studiṡ i an adruv un zrt nmmer ed tst par dr un canpin ed dimnndi dialtt. Ai st al "Dialogo tra un padrone ed un suo servitore" publich da Attilio Zuccagni-Orlandini int al s Corografia fisica, storica e statistica dell'Italia e delle sue isole dal 1841, la "Parabola del figliuol prodigo" adruv da Bernardino Biondelli int al s Saggio sui dialetti gallo-italici dal 1845 e p tir fra un'tra vlta dal'Atlnt Lingusstic Itaglin, e ancura la fla nmmer nv dal prmm d dal Decameron, publich int un stracantn ed dialtt da Giovanni Papanti dal 1875 (ste autur l avva tlt a man un'ida ed Leonardo Salviati, ch'l avva ardtt insmm socuanti versin int al Zencznt). Anc s'l inpurtnt avair stl vci versin, biṡggna dr ch'li ren st tradtti cum as fva int l Otznt, prmma dl cuncusst dla dialetolog mudrna, sich dnca, dl vlt, l srven de pi par vdder cum an s arv brṡa da fr a tradṡer che ne par capr cum al fss ft al dialtt ed chi tnp. L par quasst ch'avn pins ed dmandr a un autur mudren ch'l snper st un drg con al bulgnaiṡ ed tradṡer socunt ed sti tst ala s manra - Nella storia della dialettologia, gli studiosi hanno utilizzato un certo numero di testi per dare un saggio di diversi dialetti. Ci sono stati il "Dialogo tra un padrone ed un suo servitore" pubblicato da Attilio Zuccagni-Orlandini nella sua Corografia fisica, storica e statistica dell'Italia e delle sue isole del 1841, la "Parabola del figliuol prodigo" usata da Bernardino Biondelli nel suo Saggio sui dialetti gallo-italici del 1845 e poi riportato in auge dall'Atlante Linguistico Italiano, e ancora la IX novella della prima giornata del Decameron pubblicata in un gran numero di dialetti da Giovanni Papanti nel 1875 (l'idea ripresa da Leonardo Salviati, che aveva creato una piccola raccolta di tale testo nel XVI secolo). Anche se importante disporre di queste vecchie versioni, bisogna riconoscere che erano state tradotte secondo modalit ottocentesche, prima che arrivassero le conquiste della dialettologia moderna, cos che a volte servono pi per stabilire come non si dovrebbe tradurre che per analizzare una fase diacronica superata. per questo che abbiamo pensato di chiedere a un autore moderno di sicura competenza nel campo del dialetto bolognese di tradurre alcuni di questi classici secondo modalit pi attuali.

Prmma ed tachr, per, arcurdn che ala pgina dal Vnt e dal Sul ai una fla d Esopo tradtta brṡa sul in bulgnaiṡ, mo anc int un vaniżn d ter dialtt dl'Emgglia-Rumgna e dintren (Tuschna, mmbria, Mrc, Vnet, Lumbard, Piemnt e Ligria, snza dscurdr San Marn) - Prima di cominciare, per, ricordiamo che alla pagina del Vento e del Sole si trova una favola d'Esopo tradotta non soltanto in bolognese, ma anche in una gran quantit di altri dialetti dell'Emilia-Romagna e dintorni (Toscana, Umbria, Marche, Veneto, Lombardia, Piemonte e Liguria, oltre naturalmente alla Repubblica di San Marino).


l versin dl Otznt
l versin mudrni


l versin in itaglin
 

Novella del Boccaccio

Dico adunque che n tempi del primo re di Cipri, dopo il conquisto fatto della Terra Santa da Gottifr di Buglione, avvenne che una gentil donna di Guascogna in pellegrinaggio and al Sepolcro, donde tornando, in Cipri arrivata, da alcuni scellerati uomini villanamente fu oltraggiata. Di che ella senza alcuna consolazion dolendosi, pens d'andarsene a richiamare al re; ma detto le fu per alcuno che la fatica si perderebbe, perci che egli era di s rimessa vita e da s poco bene, che, non che egli l'altrui onte con giustizia vendicasse, anzi infinite con vituperevole vilt a lui fattene sosteneva; in tanto che chiunque avea cruccio alcuno, quello col fargli alcuna onta o vergogna sfogava. La qual cosa udendo la donna, disperata della vendetta, ad alcuna consolazione della sua noia propose di voler mordere la miseria del detto re; e andatasene piagnendo davanti a lui, disse: - Signor mio, io non vengo nella tua presenza per vendetta che io attenda della ingiuria che m' stata fatta, ma in soddisfacimento di quella ti priego che tu m'insegni come tu soffri quelle le quali io intendo che ti son fatte, acci che, da te imparando, io possa pazientemente la mia comportare; la quale, sallo Iddio, se io far lo potessi, volentieri la ti donerei, poi cos buon portatore ne se'. Il re, che infino allora stato tardo e pigro, quasi dal sonno si risvegliasse, cominciando dalla ingiuria fatta a questa donna, la quale agramente vendic, rigidissimo persecutore divenne di ciascuno che contro all'onore della sua corona alcuna cosa commettesse da indi innanzi.


Parabola del figliuol prodigo

11 Un uomo aveva due figli. 12 Il pi giovane disse al padre: Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta. E il padre divise tra loro le sostanze. 13 Dopo non molti giorni, il figlio pi giovane, raccolte le sue cose, part per un paese lontano e l sperper le sue sostanze vivendo da dissoluto. 14 Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominci a trovarsi nel bisogno. 15 Allora and e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mand nei campi a pascolare i porci. 16 Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava. 17 Allora rientr in se stesso e disse: Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! 18 Mi lever e andr da mio padre e gli dir: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; 19 non sono pi degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni. 20 Part e si incammin verso suo padre. Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gett al collo e lo baci. 21 Il figlio gli disse: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono pi degno di esser chiamato tuo figlio. 22 Ma il padre disse ai servi: Presto, portate qui il vestito pi bello e rivestitelo, mettetegli l'anello al dito e i calzari ai piedi. 23 Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, 24 perch questo mio figlio era morto ed tornato in vita, era perduto ed stato ritrovato. E cominciarono a far festa. 25 Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, ud la musica e le danze; 26 chiam un servo e gli domand che cosa fosse tutto ci. 27 Il servo gli rispose: tornato tuo fratello e il padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perch lo ha riavuto sano e salvo. 28 Egli si arrabbi, e non voleva entrare. Il padre allora usc a pregarlo. 29 Ma lui rispose a suo padre: Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa con i miei amici. 30 Ma ora che questo tuo figlio che ha divorato i tuoi averi con le prostitute tornato, per lui hai ammazzato il vitello grasso. 31 Gli rispose il padre: Figlio, tu sei sempre con me e tutto ci che mio tuo; 32 ma bisognava far festa e rallegrarsi, perch questo tuo fratello era morto ed tornato in vita, era perduto ed stato ritrovato.


l versin dl Otznt
 

Novella del Boccaccio, versione salviatesca (XVI secolo):

A digh dunca, ch'in tal temp dal prim Re d'Zipr, dop l'acquist fatt a' la Terra Santa da quel franzos che ij disevan Gutfr d'Buion, l'intraviegn ch'una zenteldona d'Guscogna and pligrinand al Spulcr: e in tul turnar indrie, da ciert ladrunzie e homn dij malafatta alie u fat vrgogna; av pus m pinsar vu, quel ch'i fu fat. A tal ch'la slamintava pur assa stand d'mala vuoia, tant ch'la non truvava luogh, e cos las pins d'andar dal Re, prcha lie fes rason; ma i fu ditt da ziert, ch'la possiva metr al son coria par, che la n'far negotta, perch'el iera un hom fredd e tant da poch e cusi minchion, ch'non solament al ne feva justitia d'l pultrunarij, e d'linzuri e tuort ch ieran fatt a ialtr; ma, sa i niera ben fatt anch'a lu, con vituperi el slapassava, es li padiva: a tal ch'negun iera castiga, sben al vegnia humor a qual chun d'sfogars a farij dij dispiett ed le vergogn. Udend cos questa donna, com dsper, ne pussend l veder le vindett, e haver un po d'confort dal so dolor, las pins d'voler motezar e punzr al Re, ed tucaral in sal vivu d'la so dapucazin e saguradaria; e cos mal vsti, scavi e tutta imbratt, pianzend, la i and dinanz, e si i diss: "Signor mie, net pinsar chat sippa vegnu dinanz, perch't fagh le mi vendett delinzuri, ch'm'in sta fatt da ziert iut; ma, in scambi d'quelli, at priegh ben che t m insegn almanc a ch'mod a fadi a suportar quelli, cha intend chtin fatti dal zent atti, az cha possa imparar d'guvrnarmi, e d'suportar anca mi la mia cun patientia; la qual Dia sa ben, chat la dunar voluntiera, e tant pi cha ved, ch'ti hom da zo ed cus bona pasta".
All'ora al Re al sdnsunio, e sdesdans al cminz a pensa al fatto so e svurgn, a tal ch'al fe le vindet malament delinzuri ch'ieran sta fatt a quella donna, e po devint brusch contra tutt quij, ch'fevan cos che niera da far, n'havevan respett al hunor d'la curona sempr dalinanzi.

Novella del Boccaccio, versione papantiana (XIX secolo, traduttrice Carolina Coronedi Berti):

A degh dnca, ch'in t'al timp dal prem R d'Zipri, dp l'aquest fat dla Tra Santa da qul franzis ch' geven Gufred d'Buin, l'intravgn che una zentildona d'Guascgna and pelegrinand al Sepulcher: e in t'al turnar indr da ladrunzet e om d'malafata ai fo fat verggna, e a psi pinsar vo, qul ch'ai fo fat: d'mod ch'la s'lamintava purass stand ed mala voia, tant ch'l'an truvava lugh; acs la pins d'andar dal R, perch ai fes rasn. Ma i fo det da zert, ch'la pseva metr'al so cor in pas, che l'an far ngtta, perch l'era un om frd e tant dapoch e acs mincion, ch'non solamint an fava giustezia del pultrunari, e del'inzuri e tort ch'eren fat ai ater, mo s'ai n'era bin fat anch a lo, con vituperi al s'li passava, es li pateva; a tal ch'endson era castig, sebin vgnes l'umur a qualcon d'sfugars a fari di c'pt e del verggn. Udnd acs sta dona, cmod e c'pr, ne psnd vder el vendt e avir un po' cunfort dal so dulur, la pins d'vlir mutegiar e ponzr'al R, e tucarl in t'al viv dla so dapucagen, e trascuranza: e acs mal fst, sgarmi e totta sporca, pianznd la i and dinanz e s'i dess: "Sgnur mi en t'pinsar ch'at seppa vgn dinanz perch t'fagh el mi vendt del'inzuri, ch'm'ein sta fatti da zert galiut, ma in scambi d'qulli at pregh bin ch't'm'insgn almanch, cum t'fa a supurtar qulli, cha intnd ch't'ein fatti dal zint alti: azi ch'a possa imparar d'guernarom, e d'supurtar anca me la mi cun pazenzia; la qul Dio sa bin ch'at la dunar vluntira e tant pi, ch'a vd, ch't'i un om da z, ed acs bona pasta.
Alura al R al se dsuni, e c'tindands al cminz a pinsar al fat so, e al s'vergugn a tal ch'al fe el vendt malamint del'inzuri ch'i eren sta fat a qula dona; e po' al dvint brosch, cntra tot qui ch'faven coss, ch'n'eren da far e ch'n'aveven rispt al unur dla curna, simper da l inanz.
 

Parabola del Figliuol Prodigo (in Biondelli 1853, traduzione di Camillo Minarelli)

11 Un zert m ave du fi; 12 E al pi pzin d'questi dss al pder: P, dam la mi part dla roba che m'tocca; e lo i part la roba. 13 E dopo nen pur ass d, mess insm agn cosa, l'and v in t'un pajis luntn, e l al strussi la so roba, vivnd da trop murbin. 14 E dop ch'l'av strussi tutt, al vgn una gran carest in quel pajis, e lo cminz a truvrs in bisgn. 15 E l'and, e al s'mss al servezi d'un ztadin d'qul pajis, e quest al mand in t'un so lug a badr ai purz. 16 E l'aveva vuja d'imprs la so pnza d'qul jand ch'i purz magnven, e ensn j' in dva. 17 Intnt pensnd mi ai fatt su, al dss: Quant garzn in c d'mi pder i n dal pn d'avnz, e m qu intnt a mor d'fam! 18 A tur su, e s'andar da mi pder, e ai dir: P, a j fatt un gran tort al zl e a v; 19 Za a n'son pi degn d'sser ciam vster fil; tulm cm'un di vster garzn. 20 E tulnd su, al vgn da so pder. Minter l'era anc luntn, so pder al l' vst, e al s'muv a cumpassin, e currend'j incontra, al s'i tr al col, e s'al bas. 21 E al fil i dss: P, a j fatt un gran tort al zil e a v; za a n'son pi degn d'sser ciamn vster fil. 22 Allra al pder dss ai su servitr: Prst, tul fra l'bit mir e vstl, e mti in did l'anl, e i scrp in t'i pi; 23 E condus qu un vidl ingrass, e ammazzl, e fin tantara; 24 Perch st'mi fil era mort, e s' arsussit; l'era prs, e s' truv; e i cminzn a fr tantara. 25 Intnt al fil pi grand era in campagna, e vgnnd, e avsinnds a c, al sint la sinfun e i cantr. 26 E al ciam un servitor, e s'i dmand: Cosa fuss qust. 27 E lo i dss: L' vgnu vster fradl, e vster pder l' fatt ammazzr un vidl ingrass, perch al l' turn avir san e svlt. 28 Allra lo s'instizz, e a n'vleva andr dnter. Al pder d'lo donca vgn fra, cminz a pregrel. 29 Ma lo, arspundnd, dss a so pder: Guard, l' tant an ch'a v'srev, e mai a j dsubid a un vster cmnd, e vu mai a n'mi av d un cavrtt, da fr una striva con i mi amig; 30 Ma sbit po ch' arriv st'vster fil, chi s' magn tutt al s con del dunzzi, av ammazz un vidl ingrass. 31 Ma lo i dss: Fil mi, t t'i smper mig, e tutt la mi roba to;
32 Intnt cunvgnva fr tantara, e gder, perch st't fradl era mort, e s' arsussit; l'era prs, e s' truv.


l versin mudrni


La fla ed Boccaccio
(Traduzin ed Gign Lvra - Traduzione di Luigi Lepri)

Dnca, av da str a savair che al tnp dal prmm r ed Zpri, dpp che Gofrd d Buglin al dvint padrn dla Tra Santa, as d al chṡ che una dna nbil dla Guascggna land in pelegring al Sant Sepulcher. Turnnd ded l e ariv a Zpri, la s incuc cntr a socunt umarz infm chi laguantnn e, da cani prepotnt, i labranchnn con la frza e i la tgnnn fairma fagnd i s cmed. Sta pvra siagur lav tant gui par sta schrgna, chla pins ed dmandr giustzzia al r; mo i i gnn chal srv st tnp inttil, parch l ra un r acs moramaz, brtt sugt e vegabnnd, che, in pi d an dr mi incinna giustzzia ai s sddit, l ra acs indvvṡ da n cunbter gnanc qu chi fven dli angar a l stass. Sintnd sta brtta nva, ala pvra dna, chla n vlva brṡa fren zincuantanv, ai vns in amnt d andr dal r par fri da capr chl ra un r bcia prsa; e arivnd ttta dscalastr dnanz da l, la i dss zigajnd: - Sgnr r, a n sn brṡa vgn in fza a t par vendichrum dl schrni sub, mo, pst cham d avṡ che anca t t in va arzv magra, se t m insgnss la t meneghṅna par supurtrli, m a prv inparr pulidn paznzia e rasegnazin. E, Do m tstimni, a t in farv regl cum mrita cal galantmen che t t.
Al r, fn a cal mumnt grv e coi gnc stta al laṡn, quṡi cmm sal se dṡdss da un insnni e cminzipind prpi dalufaiṡa fta a cla dna che acs la f vendich pulidn, da cal d al dvint un persecutur snza remisin ed ttt chi maramn e farabtt avzz a ufnnder la s curṅna e a scargnr al s ppol.
 

Al fil strasinn (Traduzin ed Gign Lvra - Traduzione di Luigi Lepri)

11 Un men l avva d fi. 12 Al pi cn ed sti d al g a s pder: Pop, dm bn la prt ed patrimni cham tcca. E al pder al f l prt ed quall chai tuchva a scadagnn di d fi. 13 Dpp a socunt d al fil żuven al ciap al d d cpp, al s n and int un pajaiṡ a c d Do e l al s magn la pja stta, canpnd da spanzz e strasinn. 14 Quand l av spaiṡ anc lltma municja, in cal pajaiṡ ai vns una gran carast e l al cminzipi a ser pn d plmma e snza gnanc un gbbi. 15 Alura, par canpr, l and a sarvzzi da un paiṡn chal le mit a guarnr i s ninn. 16 L l arv vl cavres la ṡghssa parfn con la fva marṅna chi magnven i ninn, mo incin i dva gnanc dli s ed pulnt. 17 Alura al mit al zarvl in scuder, pinsnd: Ai garżn in c da m pder ai avanza dal pan e m, qu, ai una fm cha magnarv un brcc col cren! 18 A ciapar s es a turnar da m pder digandi: Pop, ai ft unangar cntr al zl e cntr ed t; 19 a n sn pi daggn d ser cunsidr t fil. Tm a vra cmm n di t garżn. 20 Acs, dezṡ cme un punpr, al s invi vrs la c ed s pder. Quand l ra anc luntn, s pder al le vsst e al i curs incnter coi luzln ai c, al le strich int un abrz es al le baṡ. 21 Al fil al dss: Pop, ai ft unangar cntr al zl e cntr ed t; a n sn pi daggn d ser cunsidr t fil. 22 Mo s pder al g ai sarvitr: Frza, purt qu al ftiri pi bl e tir m fil in cazarla, miti l anl int al dd e l schrp int i p. 23 Maz cal vidl grs tcc, ttt a magnr e chla sppa una gran tuglina, 24 parch ste m fil l ra mrt e l turn al mnnd, l ra dsprs e l st artruv. E i cminzipinn a fr ṡbcia. 25 Al fil pi grand al lavurva int i canp. Turnnd, quand l ariv ataiṡ a c, al sint ttt al tanani di sunadr e di balarn; 26 Al ciam un garżn e ai dmand csa i ra dr a capitr. 27 Al garżn l arspuṡ: Ai turn t fradl e t pder, dala cuntintazza, l ft amazr al vidl pi grs parch l al fil cn san e sluv. 28 Al fil grand al s inar e an vlva brṡa andr in c. Alura al pder l and fra par parsudrel. 29 Mo l l arspuṡ: i, m a fg al t intars da tant n, a n sn mi and cntr ai t rden, e t t an m mi d gnanc un cavrn par fr ṡbcia coi m amg. 30 Invzi, ads che ste t fil chl buc v ttt i t gbbi col buṡṅni l turn, par l t mss in vra al vidl grs. 31 S pder ai arspund: Fil m, t t snper mg e ttta la m rba l la t; 32 mo l ra un blig fr tuglina e str algher, parch ste t fradl l ra and al gabarit e l turn vv, l ra dsprs e l st artruv.


Ala Prmma pgina
Ala pgina dal Vnt e dal Sul
Ala pgina dal bulgnaiṡ come lngua ed traduzin

V s