Âmos Lèli - Amos Lelli


Âmos Lèli dnanz al Palâz dal Rà Énzo int al dṡàmmber dal 2006

Âmos Lèli l é nèd a Bulåggna dal 1933 e l à biasè fén d'in prinzéppi al dialàtt bulgnaiṡ in cà dai nûn dala pèrt ed sô pèder, cuntadén dal prît dla Cråuṡ dal Biâc, e anc in cà dai nûn dala pèrt ed sô mèder, ch'i stèven int äl Lâm; anc i sû i i dscurêven in bulgnaiṡ. L é dvintè inżgnîr di conpiûter e l à dirèt al zänter d infurmaziån e documentaziån d un'ażiannda di telêfon. Da una vétta al fà pèrt dal Còro Stelutis ed Bulåggna, in dóvv in pió ed cantèr l à lavurè cme un mât a una rizairca såura la canzån popolèr dla nòstra regiån e l à strulghè la sculatta pr archivièr e lavurèr i tèst e äl meludî dal canzån ch'äli én stè méssi insàmm. L à dè apòg' infurmâtic al Sît Bulgnai pr i carâter da scrîver in bulgnaiṡ col conpiûter (e l é stè ló a fèr i carâter "Bulgnais" pr al PC). L à dè una man anc a Fàusto Carpàn, ch'al l à ciamè al strulgån eletrònic. L à fât da consulänt pr al Dizionèri bulgnai ed Gigén Lîvra e Dagnêl Vitèli. Dal 2008 al s é méss a tradûer in bulgnaiṡ la frèṡ dal dé dla Lògos, in pòst ed Bertén Sèra ch'l à fât al perîod 2001-2007 - Amos Lelli, nato a Bologna nel 1933, ha respirato il dialetto bolognese in casa dei nonni paterni, contadini del prete della Croce del Biacco e dei nonni materni, popolani di via delle Lame; anche i suoi genitori gli parlavano in bolognese. È ingegnere dei calcolatori e ha diretto il CED di un’azienda dei telefoni. Ha sempre fatto parte del Coro Stelutis di Bologna con il quale oltre a cantare ha svolto un’intensa attività di ricerca del canto popolare nella nostra regione realizzando un metodo di archiviazione e di elaborazione dei testi e delle melodie dei canti ritrovati. Ha fornito supporto informatico al Sito Bolognese riguardo ai caratteri per scrivere in bolognese col computer (producendo la serie dei font "Bulgnais" per il PC). Ha dato un mano anche a Fausto Carpani, guadagnandosi l’appellativo di strulgån eletrònic (cioè "mago dell'elettronica", insomma "consulente informatico"). Ha fatto da consulente per il Dizionario bolognese di Luigi Lepri e Daniele Vitali. Dal 2008 è diventato traduttore della frase del giorno della Logos, succedendo a Roberto Serra che si è occupato del periodo 2001-2007.

Amos Lelli su Youtube
 Traduziån in bulgnaiṡ d una canzån ed John Lennon - Traduzione bolognese di una canzone di John Lennon
Una rizairca d Âmos såura i cuntât stra la mûṡica bulgnaiṡa e qualla ed fòra vî. A psî ascultèr sta rizairca clicànd qué, invêzi såtta a psî lèżer la sô spiegaziån - Una ricerca di Amos sui contatti fra la musica bolognese e quella d'Oltralpe. Potete ascoltare la ricerca cliccando qui! Qui sotto potete invece leggere la relativa spiegazione.

La tradizione musicale (Musi) e burattinesca bolognese ha attinto alle esperienze musicali degli altri paesi. Qualche esempio.

Il Boccaccio, di Franz Von Suppé, disco a 33 giri/minuto: 1C  157-30 216/17 Q - EMI-ELECTROLA

Nella facciata A, dopo circa 20 minuti, c'è un brano con l'aria, conosciutissima (come le parole del ritornello che comincia – anche in tedesco – con: "la canzon firulirulì firulirulera...") di un "modulo" usato da cantastorie e burattinai. I brani cantati su quell'aria erano (e sono) chiamati "strofette del Boccaccio". Come esempio del mondo dei burattini, Riccardo Pazzaglia e il padre Ermanno hanno registrato per me un paio di strofette riportate, parzialmente, nel file sonoro.

Nella facciata B, dopo circa 40 minuti, c'è un brano del baritono Hermann Prey con la stessa musica della canzone di Carlo Musi "La mî prémma mråua". Di entrambi i pezzi riporto un breve assaggio (la prima strofa della canzone di Musi viene dal CD allegato al volume "CARLO MUSI" – Studio Costa Ed.). Da notare che nelle varie edizioni delle 67 canzoni di Carlo Musi, nella pagina di copertina del canto numero 45 ("La mî prémma mråua") si trova "Parole e Musica di Carlo Musi", mentre in testa allo spartito musicale si vede (in alcune edizioni) "Musica di F. Suppé".

Aggiunta 2010: Anche queste strofe vanno cantate secondo la stessa melodia:

Se ci fosse davvero una tassa
Sopra i nasi della nostra razza
Del suo naso il buon Sganapino
Pagherebbe un bel milioncino. (1934) Rit.

Rit. – La canzon pirulirulén pirulirulera
La canzon pirulirulén pirulirulera
La canzon pirulirulén che son qua pirulirulà
E l’amato sposerà.

Sganapino a desinar fu invitato
E rifiutar dovette d’un fiato
Perché non dicessero se era matto
A metter sempre il naso nel piatto. (1935) Rit.

Sganapino col suo naso a rampino
L’altra sera andò a bere un grappino
Ma il grappino era così schietto
Che mandò Sganapin sotto il letto. (1937) Rit.

Fin da piccolo il bel Sganapino
Imparò a sonare il violino
E per la strada, coi trilli suoi vari
Prende in testa dei grandi orinari. (1935) Rit.


E sicómm ch'avän détt che Âmos al fà däl rizairc såura la mûica popolèr emiglièna, a mitän qué socuànt ligâm: clichèi in vatta e a prî lèżer i tèst e ascultèr al còro ch'al i canta! - E dal momento che abbiamo detto che Amos svolge delle ricerche sulla musica popolare emiliana, mettiamo qui alcuni link: basta cliccarci sopra per leggere i testi e ascoltare la versione cantata dal coro!

Al Cìribiribi
Bâla bén biondina
Filastrocca
I signori a la cariola
Il barabano
Il gargiolaio
La bicicletta
La canapa
La Cionfa
Mamma mia vorrei vorrei
Ninna nanna di Medicina
Ninna nanna ferrarese
O vilàn
Piccolo corale popolare
Santéssum Cruziféss
Sia lodà


Anónzi fât da Âmos in żnèr dal 2013 - Annuncio di Amos del gennaio 2013: “Il Coro Stelutis di Bologna ha un discreto patrimonio (oltre 4000 canti) custodito nell’archivio www.corostelutis.org. Si tratta di canti popolari raccolti (registrati) nella montagna e nella pianura bolognesi fin dagli anni ’70. La maggioranza di essi è in lingua italiana, ma circa il 20% è in dialetto o in dialetto e italiano. Registrandosi nel sito www.corostelutis.org si potrà accedere all’archivio, dove, tra l’altro, è disponibile un manuale per la visita dettagliata a tutti i canti. Provate, e chissà mai che non vi imbattiate in qualche canto che appartiene ai vostri ricordi”.


Ala Prémma pâgina
Ala pâgina dla mûṡica
Và só