CD, DVD e castt
CD, DVD e cassette


In sta pgina a mitrn ttti l recensin ed dssc, castt, CD e DVD in bulgnai - In questa pagina metteremo tutte le recensioni di dischi, cassette, CD e DVD in bolognese:


Fausto Carpani, "La Miriam" (e socuanti tri canzuntt), 2013

Fusto con la Mriam, s anvuda Cum as pl vdder qu stta, Fusto Carpn, al cantautur in bulgnaiṡ pi inpurtnt in ativit, al n mi mss ed lavurr, e defti in sti ltum n ai vgn fra socuanti reedizin dl su canzuntt, ttti nna pi bla ed cl'tra. Per l ra da "Dnanz ala Vtta!", publich in casatta dal 2002, che Fusto an fva bra un'armidanza (la s parla par "compilation") dl su canzuntt pi nvi. E p, fenalmnt, dal 2013 ai vgn fra ste CD che invzi, dl canzuntt nvi, l in d, in pi d un vlzer par Stefano Zuffi, mrt dal 2012 e che da muizssta l avva lavur con Carpn prpi fn al 2002. Stavlta a fr la mica pr l bli parl ed Fusto ai st chi gran drg d Antonio Stragapede, Ruggero Passarini e Marco Marcheselli, che Fusto al lavura con lur da un bl pz, fagnd al spetcuel "Carpn e i s amg", insmm anc a Gign Lvra ch'al lż in dialtt. E p ai di ter muizssta dimnndi brv, cunpgna Daniele Dall'Omo, Giannicola Spezzigu e Vincenzo Serra. Ai anc la vu dla Roberta Nanni, ch'la canta "La canta della Bionda", un pz qui ed cabar cant al sert dal Pnt dla Binnda. E al Pnt, salv prpi da Fusto dal 2004 e da cal d tgn snper dr cme un żardn dai volontri dl'Asociazin Culturl "Al Pnt dla Binnda", l n di d prutagunssta ed ste CD: "Pr un amg" la spiga che ai st un benefatur ch'an vl bra fr savair al s nmm mo ch'l salv li ativit, minazi d sfrt da una dunla ch'la n capva bra al valur dli iniziatv ed volontarit ch'i n al mi dla cultra sozil bulgnaia, p ai "Qu dal Navlli" ch'l' un'tra sgla finl pr l sert dal Pnt, e "Linea 19" ch'l' la canzunatta scrtta da Fusto pr nna dl cumdi dal grpp ed teter dal Pnt dla Binnda. L'tra prutagunssta dal CD l' l'anvudna ed Fusto, la Mriam, ch'la d al nmm al'armidanza e ch'la s vadd in copertna, mo naturalmnt ai anc Bulggna, ch'la n manca mi esnd che Fusto l "al pota dla memria" dla nstra zit, secnnd la definizin ed Gign Lvra. Sich dnca, "Caterina" (in itaglin) la cnta ed quand La Santa l'ariv in zit, in st mnter che "Il passamano di San Luca", "Ai Żardn Margartta" e "San Petronio" li n dedich a tr monumnt inpurtnt dla nstra bla zit. Par finr, ai "L t ed mrz", ch'l' una bla interpretazin ed quall ch'ai suzd par la Fsta dla dna. Spern che ads ai slta fra un ter CD, snza ch'as tcca ed str d'asptr 11 n!

Come si pu vedere qui sotto, Fausto Carpani, il pi importante cantautore bolognese in attivit, non ha mai smesso di lavorare, e infatti in questi ultimi anni sono uscite alcune riedizioni delle sue canzoni, che rivaleggiano in bellezza. Per era da "Dnanz ala Vtta!", uscita in cassetta nel 2002, che Fausto non faceva una raccolta delle sue canzoni pi recenti. Finalmente poi, nel 2013, uscito questo CD che, invece, di canzoni nuove ne ha 10, con l'aggiunta di un valzer per ricordare Stefano Zuffi, scomparso nel 2012 e che proprio fino al 2002 aveva accompagnato i lavori di Carpani. Stavolta a musicare i bei testi di Fausto ci sono personaggi del calibro di Antonio Stragapede, Ruggero Passarini e Marco Marcheselli, con cui il Nostro lavora da un pezzo nel quadro dello spettacolo "Carpn e i s amg", insieme anche a Luigi Lepri che legge diversi pezzi in dialetto. Ci sono poi altri musicisti di nome, come Daniele Dall'Omo, Giannicola Spezzigu e Vincenzo Serra, nonch la voce di Roberta Nanni, che esegue "La canta della Bionda", un pezzo quasi di cabaret cantato alle serate del Ponte della Bionda. E il Ponte, salvato da Fausto nel 2004 e da allora curato con amore dai volontari dell'Associazione Culturale "Il Ponte della Bionda", uno dei due protagonisti del CD: "Pr un amg" racconta dell'anonimo benefattore che ha salvato l'attivit, minacciata di sfratto da una donnetta che non capiva il valore delle iniziative di volontariato che rappresentano il meglio della cultura sociale di Bologna, poi c' "Qu dal Navlli" ch' un'altra sigla finale per le serate del Ponte, nonch "Linea 19" scritta da Fausto per una delle commedie del gruppo di teatro del Ponte della Bionda. L'altra protagonista del CD la nipotina di Fausto, Miriam, che d il nome alla raccolta e figura in copertina, ma naturalmente presente anche Bologna, che non manca mai dal momento che Fausto, come lo definisce Luigi Lepri, "il poeta della memoria" della nostra citt. Ed ecco "Caterina" (in italiano), che narra l'arrivo in citt di Santa Caterina de' Vigri, e poi "Il passamano di San Luca", "Ai Żardn Margartta" e "San Petronio" che celebrano tre importanti monumenti cittadini. Per finire, "L t ed mrz" una bella interpretazione dello svolgimento della Festa della donna. Adesso aspettiamo il prossimo CD: speriamo vivamente di non dover aspettare 11 anni!

Par cunprr al CD - Per acquistare il CD: tel. 339/3536585


L'Uomo che verr, film di Giorgio Diritti

L men ch'l  da vgnr Gin sbbit che a nuter dal St Bulgnaiṡ ste fllm al s piaṡ, parch l ft bn es al trta d una stria ch'l mi ch'a n s la dscurdaggna brṡa. Frsi al n brṡa un fllm stric, mo pi una spzie d un fllm in custmm mudren ch'al vl fr da vdder cum l'ra la vtta int al nstr Apenn durnt la Secnnda gura mundil, prmma che al mnnd al canbiss cum l ft da pc. La prt in dvv i suld nażssta i amzen ttt al pajaiṡ ed Mnt Sul, avṡn a Marzabt, l' fta in manra ed mustrr i ft snza per str trp l a druvr al sangv e al dulur come invzi ṡa ads, e stra i suld as vadd anc ch'ai ra di żven ch'i n vlven brṡa sparr, evitnd acs ed dr la culpa a ttt i tudssc, mo fagnd invzi da capr che, quand ai cpita un qul acs, la culpa l' dl'ideolog razssta, dl di e dla gura, cla brtta bstia ch'la pr fta apsta par tirr fra al pz ch's i sppa stramż ala żnt. E a murr l avṡn a Marzabt i fnn di cnno, dl dn e di vc', insmma ttt al pajaiṡ ch'al n ra brṡa and in gura. Dtt quasst, pst che Al St Bulgnaiṡ l un st sura al dialtt, dscurn dla slta inpurtanta ed fr un fllm ttt in dialtt, par mustrr mi i tnp in duv ai suzs incsa, e par dr pi realṡum al'azin. Purtrp, dal pnt ed vssta dal dialtt ste "Albero degli Zoccoli" bulgnaiṡ al cunvnz pc. La żnt in sla i bruntlven parch i gvn acs che al bulgnaiṡ al n brṡa acs, o parch la prunnzia di atr l'ra piotst catva. Per al pnt al n brṡa quasst: al dialtt da druvr naturalmnt al n ra brṡa quall ed Bulggna, mo quall dla muntgna, e anzi d un st particolr dla muntgna. Che p la prunnzia di cnno o dl ragzi żuvni la n fss brṡa bna, quall l as pl capr parch as trta ed żnt ch'i n n brṡa nd in dialtt (anc se, da di atr profesionssta, as pl pretnnder ch'i i stg-n un p pi dr). N, la crttica vaira l' par la gramtica: ai ra di atr ch'i adruvven al plurl metafontic, di ter al plurl invari (come, defti as f in socunti prt dla muntgna), ai ra chi dscurva coi ditng e chi snza, acs bsta ch'sppa, e ttt, snza ecezin o quṡi, i ṡbagliven a fr l dmand: int i dialtt dl'Emgglia-Rumgna, e sicuramnt a Bulggna e int la s muntgna ed mż, l dmand l vlen l'inversin, sich an frla brṡa l un erur, e l inpusbbil che i mrtir ed Mnt Sul i fssen di ṡbli acs int la s lngua mder. P ai al prt ch'al dṡ: "Csa i l?" e quall l un ter ṡgarn grand cme una c, parch l n di pc chṡ ed dmand ch'i n vlen brṡa l'inversin. Insmma, i n la fven brṡa in duv la i vlva, es i la fven in dvv n inpurtva brṡa. Alura, as vn na dmanda: mo in sti chṡ che qu, an srv mi fr cunpgna i americn, ch'i tlen l amaestradur dialetl pr insgnr a imitr l prunnzi difarnti dl inglaiṡ ai s atr? Int al nster chṡ al srv st anc pi inpurtnt, pst ch'as vlva adruvr una lngua difarnta da qualla ufizil. Mo as vadd che la filolog la n mi tlta trp s l sri, gnanc quand al prt che al dscurva (zrca) in dialtt al dṡ in itaglin "la chisa", con la e avrta! Mo s mi vsst un emiglin ch'al dṡ "chisa" in pst ed "chisa"? Masmamnt a cal tnp... Inc p in itaglin la żnt i adrven snper manc al congiuntv, mo l itaglin dl'Emgglia d una vlta (e anc d ads) al l ecmm, sich dnca al vlva adruv, anc se i parsung' i vṅnen dal ppol. Brvo Giorgio Diritti, fagnd dscrrer i t parsung' in dialtt in pst d un itaglin culur ed dialtt (e pc credbbil) t ft vver la t stria pi che ttti l bli pelccol ed Ppi Avti, per st'tra vlta brṡa dscurdret che, s'as f una ricostruzin, biṡugnar pr che anc la lngua adruv la sppa cla gissta!

Par savairen de pi sura L'Uomo che verr
La nstra recensin l' st zit int un st sura l lngv cinṅni e la cultra

Diciamo subito che a noi del Sito Bolognese il film piaciuto, perch fatto bene e relativo a una vicenda che non bisogna dimenticare. Pi che un film storico ci sembrato una specie di moderno film in costume, che mostra la vita sull'Appennino bolognese durante la Seconda guerra mondiale, prima che il mondo cambiasse completamente. La parte sul massacro di Monte Sole, vicino a Marzabotto, resa in modo da mostrare i fatti senza per indulgere sul sangue e la sofferenza com' invece di moda oggi, e tra i soldati nazisti ce ne sono anche che non vogliono sparare, cos che il film evita di dare la colpa del massacro ai tedeschi come popolo, e mostra invece che la responsabilit di certi fatti dell'ideologia razzista, dell'odio e della guerra, quell'orrore che sembra fatto apposta per far emergere la parte peggiore dell'uomo. E a morire vicino a Marzabotto furono bambini, donne e anziani, insomma tutto il paese rimasto dopo che gli uomini erano partiti per la guerra. Detto tutto questo, dato che il nostro sito tratta di dialetto, parliamo dell'importante scelta di girare in dialetto, per mostrare meglio il tempo passato e conferire maggiore realismo all'azione. Purtroppo, dal punto di vista dialettale, questo "Albero degli Zoccoli" bolognese non convince. In sala si sentiva protestare che il bolognese non cos, o che la pronuncia non era affatto buona. Per il problema secondo noi non questo: il dialetto da usare naturalmente non era quello di Bologna citt, ma quello, diverso, della montagna, anzi di un suo punto ben preciso. Che poi la pronuncia dei bambini o delle ragazze giovani non fosse buona si pu capire, trattandosi di non madrelingua (anche se ci si potrebbe aspettare pi cura da attori professionisti). No, la vera critica riguarda la morfosintassi: alcuni attori usavano il plurale metafonetico mentre altri, secondo la regola di varie parti della montagna, lo mantenevano invariato rispetto al singolare, c'era chi usava i dittonghi e chi no, alla rinfusa, e tutti, praticamente senza eccezioni, sbagliavano le domande: nei dialetti dell'Emilia-Romagna, e sicuramente in bolognese e in quelli della montagna media, le domande richiedono inversione, e non farla un vero e proprio errore, che sicuramente gli abitanti di Monte Sole, in quanto madrelingua, non commettevano. Il prete poi dice: "Csa i l?" e anche quello uno scivolone notevole, perch si tratta di uno dei pochi casi in cui l'inversione non ci vuole. Insomma, stata fatta dove non ci voleva e viceversa. Nasce spontanea una domanda: ma in questi casi non sarebbe meglio seguire l'esempio degli americani, che impiegano un "dialect coach", cio una figura professionale che insegna agli attori i diversi accenti dell'inglese? Nel nostro caso sarebbe stato anche pi importante, dato che qui dialetto non significava pronuncia diversa, ma sistema linguistico intero distinto da quello italiano. Si vede che la filologia non presa abbastanza sul serio, neanche quando il prete supposto dialettofono parlando in italiano dice "la chisa", con la e aperta, quando quell'emiliano che dice "chisa" e non "chisa" introvabile, e ancor pi doveva esserlo allora. Oggi poi il congiuntivo in ritirata, ma l'italiano di coloritura emiliana l'ha sempre avuto, e in gran parte ce l'ha ancora, e questo sarebbe dovuto emergere anche se i personaggi del film sono di estrazione popolare. Bravo Giorgio Diritti, facendo parlare i tuoi personaggi in dialetto anzich in un italiano regionale poco credibile hai dato pi vividezza al racconto di quanta ce ne sia in tutti i pur ottimi film di Pupi Avati, per la prossima volta non dimentichiamo che, facendo una ricostruzione, bisogna anche rispecchiare meglio la vera lingua utilizzata dai protagonisti dei fatti!

Per saperne di pi su L'Uomo che verr
La nostra recensione stata citata da un blog sulle lingue minoritarie e la cultura


Bn, mo da bn?

Bn, mo da bn? La Cunpagn "Arrigo Lucchini" l' nna ed qualli ch'l s dan de pi da fr anc dpp ala mrt dal s fundadur: l st as che Davide Amadei, sengrof e studiuṡ dal teter dialetl bulgnaiṡ, l inparss che l'Annamaria Lucchini l'avva dscurt int l chrt ed s pder dl castt in dvv che Arrigo al rezitva dl poeṡ par Rdio San Luchino, che sbbit ai salt fra ste CD! Al mrit l d ttta la cunpagn, ch'i an ft pi rcc ste dssc mitandi socuanti canzuntt dal s repertri, e d Davide, ch'l cur la copertṅna, adruvnd stra l ter l'OLM, l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna! Ai dimnndi poeṡ ch'li n piotst bli, la vuṡ ed Luchn l' puras eleganta, e l canzuntt li n algri e l s asculten vluntra (masmamnt la nmmr 11), la registrazin l' profesionl e la copertṅna l' una bla fotograf d Arrigo, dnanz a un bl panorma dla nstra Bulgnza. S'a vlssi mi cunprr al CD, telefon bn al'Annamaria Lucchini al nmmer 339/7046503, opr scrivi un mesg' eletrnic! info@arrigolucchini.it

La "Arrigo Lucchini" una delle compagnie pi attive anche dopo la morte del suo fondatore: bastato che Davide Amadei, scenografo e studioso del teatro dialettale bolognese, venisse a sapere che Annamaria Lucchini aveva scoperto fra le carte del padre alcune cassette in cui Arrigo reciteva delle poesie per Radio San Luchino, che subito uscito questo CD! Il merito di tutta la compagnia, che ha arricchito il disco inserendovi alcune canzonette del proprio repertorio, e di Davide, che ha curato la copertina, utilizzando fra l'altro l'OLM, l'Ortografia Lessicografica Moderna! Molte poesie sono piuttosto belle, la voce di Lucchini garbata ed elegante, le canzoni sono allegre e godibili (soprattutto la numero 11), la registrazione professionale e la copertina reca una bella foto di Arrigo, in primo piano davanti a un bel panorama della nostra cara Bologna. Chi volesse acquistare il CD pu telefonare ad Annamaria Lucchini, 339/7046503 o scriverle: info@arrigolucchini.it


Pizunra e Pizunra 2, una produzione Loop

Avn vnt al prmi (oh bla)! Par nadl dal 2006 ai vgn fra Pizunra, un DVD dla Loop produzin con un cartn anim in dvv i prutagunssta i n un pizn (ch'l la vu ed Gign Lvra) e una gża (Vito), con in pi cla gran maravajja dla nstra zit, i s cpp e al s panorma int un dpp-meżd d est pn ed sfoc. La gża la prva ed vnnder la s marcanz al pizn, ch'al s n in f con dla gran irun e dimnndi md ed dr ptrugnn. In pi ed ste curtmetrg', ttt ft in 3D al conpiter e cust d n ed fadga, ai socuanti żnt, da Gign Lvra ch'al spiga quall ch'al dṡ al pizn fn ala canta nva Vula Bulggna, tst ed G. Lvra, mṡica d Antonio Stragapede, vu ed Fusto Carpn, e p ai d documentri, n l interesnt magra e sura i pizn e cl ter, ch'l a nmm Al dialtt bulgnaiṡ al d d inc, al d un c a cum l mss al bulgnaiṡ inc, coli iniziatv pi inpurtanti ch'i s fan par la s difaia e valoriżazin, come al Curs ed Bulgnaiṡ urganiż stra i ter da ste St. Durnt al documentri as pl snter Gign Lvra, Fusto Carpn, Dagnl Vitli, Bertin ed Sra, Sandrn di Sarmng, Romano Danielli, Riccardo Pazzaglia e Carla Astolfi a dscrrer ed e in bulgnaiṡ, una scudra ed prmma pr al nster dialtt! Par savairen de pi: www.piccionaia3d.com Int al żnr dal 2007, Pizunra l vnt al secnnd prmi al Future Film Festival.

Mo la n finss mgga qu ragz, n n, par nadl dal 2007 ai vgn fra anc la Pizunra 2 (Un bl ul), e stavlta insmm a Pirn al pizn (snper con la vuṡ ed Gign Lvra) e a Lcio la gża (Vito) ai anc l'Arga (Carla Astolfi), la mujr ed Pirn, ch'la n dṡmtt mi ed bacajr mo la f dl pi bni tajadl! Al cartn anim l un p pi lng (15 mind invzi d 8), e anc in ste DVD che qu ai una mccia d ter qu da alchrs i bfi! Ai un documentri sura al gran Dizionri nv ed bulgnaiṡ scrtt da Gign Lvra e Dagnl Vitl, con un'intarvssta ai autr e la dirta dla preṡentazin, fta cum a sav int la Capla Farnaiṡa dla Cmna, p ai un documentri s la spjja e l tajadl ala bulgnaiṡa (e anc quall l un qul da alchrs i bfi), e p un ter, sura l butaig al'antga ch'ai in ttta la pruvnzia ed Bulggna, anc par fr da vdder cus'l fan li istituzin par dri una man. Insmma, sta Pizunra 2 l' bla almnc cunpgna la prmma, e n a s la sn ble guard un vaniżn ed vlt!

La Pizunra N 1 A natale del 2006 usciva "Piccionaia", DVD della Loop Produzioni con un cartone animato bolognese in 3D che vede protagonisti un piccione (la voce di Luigi Lepri) e una gazza (Vito), nonch la nostra bellissima citt, i suoi tetti e le sue vedute in un pomeriggio afoso d'estate. La gazza cerca di vendere delle merci al piccione, che resiste con ironia e tanti modi di dire bolognesi. Oltre al cortometraggio, tutto fatto in 3D al computer e costato dueLa pizunra N 2 anni di lavoro, ci sono vari bonus, da Luigi Lepri che spiega le espressioni utilizzate dal piccione alla canzone inedita Vula Bulggna, testo di L. Lepri, musica di Antonio Stragapede, voce di Fausto Carpani, e poi ci sono due documentari, uno molto interessante sui piccioni, l'altro, intitolato Al dialtt bulgnaiṡ al d d inc, uno stato del bolognese oggi, con le iniziative pi importanti portate avanti per la sua tutela e valorizzazione, come il Corso di Bolognese organizzato fra l'altro da questo Sito. Nel corso del documentario si possono ascoltare Luigi Lepri, Fausto Carpani, Daniele Vitali, Roberto Serra, Sandro Sermenghi, Romano Danielli, Riccardo Pazzaglia e Carla Astolfi parlare di e in bolognese, una squadra di prim'ordine per il nostro dialetto! Per saperne di pi: www.piccionaia3d.com Nel gennaio 2007, Piccionaia ha vinto il 2 posto al Future Film Festival.

Ma non finisce qui, perch a natale 2007 uscita anche "Piccionaia 2", e stavolta insieme al piccione Pirn (sempre con la voce di Luigi Lepri) e alla gazza Lucio (Vito) c' anche l'Argia (Carla Astolfi), moglie di Pirn, che non sta zitta un minuto e fa delle ottime tagliatelle! Il cartone animato un po' pi lungo (15 minuti anzich 8), e anche in questo DVD c' una lunga serie di succulenti bonus! Fra questi, un documentario sul gran Dizionario moderno di bolognese scritto da Luigi Lepri e Daniele Vitali, con un'intervista agli autori e la diretta della presentazione tenutasi nella Cappella Farnese del Comune di Bologna, poi c' un documentario sulla sfoglia e le tagliatelle bolognesi (succulente anche quelle, ben s'intende) e un altro sulle botteghe storiche della provincia di Bologna, in cui fra l'altro si mostrano gl'interventi istituzionali di tutela. Insomma, questa Piccionaia 2 bella almeno quanto la prima, e noi ce la siamo gi guardata un sacco di volte!

Par cunprr sti d chp lavr - Per comprare queste due magnifiche opere:
Pizunra 1

Pizunra 2


Canzuntt 1, 2, 3, 4, Quando i portici erano di legno, Bologna 2006

Canzuntt 1 Canzuntt 2 Canzuntt 3 Canzuntt 4 Quand i prdg i ren ed laggn!

l castt e i CD ed Fusto Carpn, al cantautur bulgnaiṡ pi inpurtnt ch'ai sppa in gr ads, i fan prst a andr v, sich dnca gni tant biggna che al Nster ai turna a bucr fra. E acs cco sta srie ed CD cant in bulgnaiṡ (e n in itaglin: Quando i portici erano di legno, s la stria d Bulggna). La manra pi ṡvlta par catr ste CD l' ciamr Fusto Carpn, al nmmer 339/3536585.

Cassette e CD di Fausto Carpani, il pi importante cantautore bolognese del momento, si esauriscono in fretta, per cui ogni tanto occorre che siano ripubblicati. Ed ecco quindi questa serie di CD cantati in bolognese (e uno in italiano: Quando i portici erano di legno, sulla storia di Bologna). Il modo pi rapido di trovare il CD telefonare a Fausto Carpani al numero 339/3536585.


Suona, Sisn! Bologna 2006

Suona, Sisn!A Bulggna ai un drg ch'al sṅna al manduln int na manra da lasr ed stupn ttt quant, anc i profesr ed mṡica con pi cca stta al nṡ, che normalmnt i n prnn pardunr a incin ed sunr snza savair lżer al spartt, ajutndes con un sistma ed ltter invent da l! Mo quasst l sul al pi cinn di mircuel ed Sisn, che al s nmm vair l Enzo Ventura: al mircuel pi grand l prpi cum al sṅna, mo anc al s md ed str in vatta al pelcsnic: un vciarln ed pi d 80 n ch'al schrza snza mi dr una parl ed trp, e l fz ch'al f, con eleganza e cls, i n un spetcol int al spetcol. Che spetcol, a dir vuter? Bn, mo Carpn e i s amg, in dvv Fausto Carpani al canta l su bli canzuntt in bulgnaiṡ, Gign Lvra al lż di b pz divartnt in dialtt, Ruggero Passarini al sṅna la fiṡarmnica, Antonio Stragapede la chitra e v ed ste ps. Quand i n ttt in vatta al plc, con Sisn in mż, al pbblic al v in ṡgużuvgglia, e acs, par qu ch'i vlen turnr a snter sta bla mṡica anc da str a c, ads ai ste CD, con Sisn ch'al sṅna di pz famṡ acunpagn da Ruggero e Antonio e ala fn una canzunatta, intitul Sisn, che Fausto l dedich al s amg. In bulgnaiṡ naturalmnt! Come snper, la manra pi ṡvlta par catr ste CD l' ciamr Fusto Carpn, al nmmer 339/3536585.

A Bologna c' un fenomeno che suona il mandolino in modo tale da lasciare a bocca aperta tutti, anche i professori di musica pi superciliosi, che mai potrebbero perdonare a un altro di suonare senza saper leggere le note, aiutandosi con un sistema di lettere di sua invenzione! Ma questo solo il minore dei miracoli di Sisn, al secolo Enzo Ventura: il miracolo pi grande proprio come suona, oltre al modo di stare sul palco: un vecchietto di pi di 80 anni che scherza senza mai una sbavatura, con espressioni facciali e un'eleganza che sono uno spettacolo nello spettacolo. Che spettacolo, ci chiederete? Si parla naturalmente di Carpani e i suoi amici, in cui Fausto Carpani canta le sue belle canzoni in bolognese, Luigi Lepri legge gustosi brani dialettali, Ruggero Passarini suona la fisarmonica, Antonio Stragapede la chitarra e cos via. Quando sono tutti sul palco, con Sisn al centro, il pubblico va in visibilio, e cos, per quanti vogliono riascoltare la loro bella musica anche da casa, a disposizione questo CD, con Sisn che suona pezzi famosi accompagnato da Ruggero e Antonio e, alla fine, la canzone "Sisn", che Fausto ha dedicato al suo amico - in bolognese, naturalmente! Come sempre, il modo pi rapido di trovare il CD telefonare a Fausto Carpani al numero 339/3536585.


Festa di matrimonio (Una vlta dr al Navlli), Bologna : Associazione Culturale Il Ponte della Bionda e Associazione Culturale Oasi dei Saperi 2005

Un bl spuṡalzzi dr al Navlli Stra ttti li iniziatv ed Fusto Carpn pr al nster dialtt ai al prmm CD in bulgnai, al prmm giurnaln sul in bulgnai e ads anc al prmm DVD dla stria dal dialtt! Al s cima Festa di matrimonio” con stt-tttol Una vlta dr al Navlli, e l intarz con cli tri ativit ed Fausto par salvr al pi ch’as pl dla prt pi bla e potica dal nster pas: cum a sav, l l st fra i promotr dla salvazza dal Pnt dla Binnda, l dal Navlli, e d’ed l ai p vgn fra una mccia ed rba bna. Socunt volontri pn ed vjja ed fr i an mss a pst ttta la żna dal Pnt restaur, a grtis e par ttt i zitadn bulgn che ads i fan la fla pr andr l ala dmanndga a crrer e spasegr a p, in biziclatta o col can. Da ste grpp ed benemrit ai vgn fra un’asociazin culturl intitol al Pnt dla Binnda che, insmm ala cunpagn omnima, l’ urganiż un’est da pluchrs i bfi int la żna dal Navlli, con una comdia belssima dirta da Giorgio Giusti, ch’al l’ scrtta insmm a Fausto. l sert li ren pni mur ed pbblic es ai ra anc pchi zinzl. Insmma, l st un suzs tl che l’asociazin, insmm a un’tra ciam Oasi dei Saperi” e al fotgrof Girardi, l’ mss fra ste DVD con ttta la cumdia! Anc se in st mnter che chi ragz i rezitven (prpi bn, stra l ter) ai pas d o tr aparcc’, la qualit l’ bna e as pl capr incsa, acs n al rdd es as cumv coi persong’, interpret stra i ter da Fausto, Bertin ed Sra, Gloria Pezzoli, Roberta Nanni, Maurizio Montanari e Luciano Manini. S’a vl avair stl du ur ed bulgnai e cultra, scriv bn a info@pontedellabionda.org opr viṡit al st www.pontedellabionda.org

Tra le tante iniziative di Fausto Carpani per il nostro dialetto c’ il primo CD in bolognese, il primo periodico tutto in bolognese e adesso anche il primo DVD della storia bolognese! Si chiama Festa di matrimonio con sottotitolo “Una vlta dr al Navlli”, ed collegato alle altre attivit di Fausto per salvare il pi possibile della parte pi bella e poetica del nostro passato: come noto, stato fra i promotori della salvezza del Ponte della Bionda, in zona Navile, e da quell’episodio sono nate tante altre belle cose. Un gruppo di volontari pieni d’entusiasmo ed energia ha risistemato la zona attorno al Ponte restaurato, gratuitamente e per tutti i cittadini bolognesi che adesso si affollano la domenica da quelle parti, per correre e passeggiare, a piedi, in bicicletta o col cane. Da questo gruppo di benemeriti nata l’Associazione Culturale Il Ponte della Biondache, insieme all’omonima compagnia, ha organizzato un’estate spettacolosa vicino al Navile, con una bellissima commedia diretta da Giorgio Giusti e scritta da questi e da Fausto. Le serate hanno attirato tantissimo pubblico, e le zanzare sono rimaste in disparte. Insomma, stato un successo tale che l’associazione, insieme alla consorella Oasi dei Saperi” e al fotografo Girardi, ha emesso questo DVD con l’intera commedia! Anche se durante il suo svolgimento (ottimo, fra l’altro) sono passati due o tre aerei, la qualit buona e si pu capire tutto, cos il pubblico ride e si commuove coi personaggi, interpretati fra l’altro da Fausto, Roberto Serra, Gloria Pezzoli, Roberta Nanni, Maurizio Montanari e Luciano Manini. Se volete avere queste due ore di bolognese e cultura, scrivete a info@pontedellabionda.org oppure visitate il sito www.pontedellabionda.org .


Carmina Pagana, Linz : CCP Records 2005

Al Prz, chp dal grpp Malntt, int la copertṅna dal CD Al grpp musichl metl paiṡ (heavy metal) Malntt l ft quall di d CD: dpp a Perle Per Porci, ch’a in cat la recensin pi in bs in sta pgina, ads i n vgn fra con Carmina Pagana. Anc stavlta quand n al mtt s al dssc as snt dla gran mṡica medievl un p inchietnta che p la dvnta un cunzrt ed Barlcc, con una vu ch’la pr stl col manarn e ch’la f pra da bn, e anc stavlta la copertṅna l’ ttta una sinfun infernl, per in bianc e naigher e brṡa con un quder dal Zencznt come cl’tra vlta, mo con in vatta la fza ed Prz, ch’al srv p al chp dal grpp. Qu stra l prel pr i prz e i pseudnim as vadd che a sti ragz ai piṡ al ninn, frsi parch l consider una bstia malnatta da socuanti religin, o frsi sul parch da nuter con al ninn as f di b salm, parstt e cudghn ch’i n tante bn da magnr. S, parch al grpp di malntt al f vssta d ser catv es al scrv che biṡggna bruṡr l cṡ ttti ed laggn dla Ṡvzia, per in verit i n di ragz nurml ch’i vlen sul fr dla stira e dla crttica sozil, e i al fan con la sca dla mṡica metl paiṡ. Al dssc l st publich da un editur austrac in bulgnaiṡ e in inglaiṡ (con l itaglin sul socuanti vlt) parch al dṡ acs che al metl paiṡ al v de pi fra v che da nuter, mo s’a in vl savair de pi a ps viṡitr al st www.malnatt.org

Il gruppo heavy metal Malntt (cio Sporcaccione”) ha prodotto il suo secondo CD: dopo Perle Per Porci, di cui trovate la recensione pi in basso in questa pagina, escono adesso con Carmina Pagana. Anche stavolta il disco comincia con una musica medievale un po’ inquietante che poi si trasforma in un concerto diabolico, con una voce spaccata e spaventosa sul serio, anche stavolta la copertina rievoca l’inferno, per in bianco e nero e al posto del quadro cinquecentesco dell’altra volta mostra l’immagine di Prz, cio il capo del gruppo. Tra le perle ai porci e gli pseudonimi, sembra di capire che a questi ragazzi il maiale piaccia, forse perch considerato un animale impuro da varie religioni, o forse solo perch alle latitudini nostrane col maiale si possono fare degli ottimi insaccati. S, perch il gruppo finge di essere adepto del male e inneggia all’incendio delle stavkirken, ma poi composto da ragazzi normali che vogliono fare satira e critica sociale con musica heavy metal. Il disco stato pubblicato da un editore austriaco in bolognese e inglese (l’italiano compare meno) perch sembra che l’heavy metal sia  pi popolare all’estero, ma se volete saperne di pi potete visitare il sito www.malnatt.org .


Canzuntt ft ed nv, Bologna : Fondazione Del Monte di Bologna e Ravenna 2003, di Fausto Carpani

Canzuntt ft ed nv Fusto Carpn l dezṡ ed pruprr l su canzuntt ttti ft ed nv, con di arangiamnt nv e una scudra ecezionl, tacnd da Antonio Stragapede, al chitarssta, e andnd ed lng con Vincenzo De Franco, Maria Rubino e Max D’Adda. Ai vgn fra un CD incredbbil, con 9 pz ch’a cgnusven ble (“L umarn con la brba e al capl, Armando, Al pustn dla Bevrra, Osvaldo, Al r dla filuzzi, Pr d Cavrra, Buenos Aires, Premavaira, Par la m mam”) e n ttt nv, “New York”, ch’al n ra mi st publich par l’emozin dal brtt atent di 11 ed setmmber dal 2001 (mo nuter dal St Bulgnai avven publich al tst socunt m prmma, e a n avven bra vl fr la censra nonostnt al dgsst par ttt chi mrt). Bn, i cardv? l canzuntt int la nva versin i n s arcgnssen gnanc e li n dimnndi pi bli! Anc s’av i CD e l castt vci, n a v cunsin sicr ed zarchr anc quasst! Al nmmer: 339/3536585.

Fausto Carpani ha deciso di proporre le sue canzoni in una nuova veste, con arrangiamenti nuovi e una squadra eccezionale, a cominciare da Antonio Stragapede, il chitarrista, e continuando con Vincenzo De Franco, Maria Rubino e Max D’Adda. Ne risultato un CD incredibile, con 9 pezzi gi noti (“L umarn con la brba e al capl, Armando, Al pustn dla Bevrra, Osvaldo, Al r dla filuzzi, Pr d Cavrra, Buenos Aires, Premavaira, Par la m mam”) e uno completamente nuovo, “New York”, che non era mai stato pubblicato per l’emozione del terribile attentato dell’11 settembre 2001 (ma noi del Sito Bolognese ne avevamo pubblicato il testo alcuni mesi prima, e non avevamo voluto censurarlo malgrado lo sgomento per tante vittime). Ci credereste? Le canzoni, nella nuova versione, non si riconoscono e sono molto pi belle! Anche se avete i CD e le cassette vecchie, vi consigliamo senz’altro di procurarvi anche questo! Al numero: 339/3536585.

3 amici 2 canzoni 1 dialetto, Bologna : Fondazione Del Monte di Bologna e Ravenna 2003, di Fausto Carpani, Annibale Modoni e Ruggero Passarini

3 amg, 2 canzuntt, 1 dialtt Ai suzs un d che Fusto Carpn al f ciam par telfon da Ruggero Passarini, muṡizssta bulgnai famu e bravssum, parch, insmm a Annibale Modoni, un ter drg dla mica, bulgnai spach mo dala fma internazionl, i avven arang du canzuntt bli e cgnus ed Fausto, Biziclatta e Buenos Aires. Dpp avair fin al lavurr i an ciam Fausto a cantr, e ai vgn fra sti d biln, par de pi coi tst stanp int un librtt d aconpagnamnt e anc la traduzin in spagnl ed “Buenos Aires” (con una mccia d err per, l ra mi turnr a dri un’uc dpp avair trascrtt!). S’a s interes, ciam bn Fausto! Al nmmer: 339/3536585.

Un giorno Fausto Carpani fu chiamato al telefono dal celebre e bravissimo musicista Ruggero Passarini, che insieme ad Annibale Modoni, altro mostro sacro della musica, bolognese purosangue ma di fama internazionale, aveva arrangiato due belle e famose canzoni di Fausto, Biziclatta e Buenos Aires. Dopo aver finito il lavoro, hanno chiamato l’autore a cantarle, e ne sono venute fuori queste due chicche, fra l’altro con l’accompagnamento di un libretto coi testi e la traduzione in spagnolo di “Buenos Aires” (ma con molti errori: era meglio controllare l’ortografia dopo aver trascritto la traduzione!). Se ne desiderate una copia, chiamate Fausto! Al numero: 339/3536585.


Perle Per Porci, Bologna : Il Male Production 2003

Perle per porci - Msica metl paiṡ As trta dal prmm CD metl paiṡ (heavy metal) ch’al sppa mi st ft in bulgnai, e anc sul par quasst al srv una nuvit da segnalr. Nuter dla mica metl pai a s n intindn pc, per as d av che, se n ai pi cal gner musichl, al guazar con ste prudtt d una band bulgnaia ch’l anc un nmm in bulgnai, i Malntt. Parch chi ragz i s n d da fr sicr: quand n al mtt s al dssc as snt dla gran mica medievl un p inchietnta che p la dvnta un cunzrt ed Barlcc, con una vu ch’la pr stl col manarn e ch’la f pra da bn. La copertna l’ st tlta da un quder dal Zencznt e in vatta al CD i an stanp una sna dl infren. E p a sn st cuntnt ed vdder ch’i an adruv l’urtugraf lesicogrfica par scrver i s tst. S, parch ads a v al psn dr: n d sti muizssta ch’i den ch’i n di malntt e p invzi i fan puld al s lavurr al s cima Helios Pu e l vgn al curs ed bulgnai urganiż dal St Bulgnai. S’a vl cunprr al CD, scrivi bn dal s st dla Raid: www.malnatt.org

Si tratta del primo CD heavy metal mai fatto in bolognese, e gi per questo sarebbe una novit da segnalare. Noi della musica heavy metal non ci intendiamo granch, per ci sembra che, per chi apprezza quel genere musicale, sar piacevole conoscere questo prodotto di una band bolognese con nome bolognese, i Malntt (= sporco). Perch questi ragazzi si sono senz’altro dati da fare: il disco comincia con una musica medievale un po’ inquietante che poi si trasforma in un concerto diabolico, con una voce spaccata e spaventosa sul serio. La copertina viene da un quadro cinquecentesco, e sul CD stampata una scena infernale. E poi ci ha fatto piacere vedere che per scrivere i testi stata utilizzata l’ortografia lessicografica: infatti uno di questi musicisti che si definiscono sporcaccioni e invece fanno le loro cose per bene si chiama Helios Pu ed stato al corso di bolognese organizzato da questo sito. Se volete comperare il CD, potete scrivergli a partire dal suo sito Internet: www.malnatt.org


Ai ra una vlta... Scufiatta rssa e La mnstra ed ss, Torino : Lazzaretti 2002, voce bolognese di Fausto Carpani

Scufiatta Rssa L editur Lazzaretti ed Turn al s invent una srie ed castt vddeo ciam “Al mnnd incant”. As trta ed cartn animLa Mnstra ed Ss par chi cnno in trai lngv: prmma ai una lngua regionl dl’Itglia, come pr eṡnpi al piemuntaiṡ, p ai la stassa fla in inglaiṡ e in franzaiṡ. La vuṡ l’ qualla d un piemuntaiṡ stit, e p d un inglaiṡ dl’Inghiltra e d un franzaiṡ dla Franza. Ads ai vgn fra du fl anc in bulgnaiṡ: la vuṡ da bulgnaiṡ stit l’ prpi qualla ed Fusto Carpn, ch’l anc tradtt i tst dl du fl es l scrtt incsa int l’urtugraf lesicogrfica. Chro ttt i viṡitadr dal St Bulgnaiṡ, s’av di cnno, in pst ed fri da vdder zrt schv ch’i ṡn ads, fi bn da vdder Scufiatta Rssa in bulgnaiṡ, inglaiṡ e franzaiṡ, acs i inpren qul e frsi i starn luntn da zrti matri, grzie a un’educazin nurml!

L’editore Lazzaretti di Torino ha concepito una collana di videocassette intitolata “Il mondo incantato”. Si tratta di cartoni animati trilingui per bambini: prima una lingua regionale d’Italia, come ad esempio il piemontese, poi la stessa favola segue in inglese e francese. La voce narrante, sia piemontese, sia inglese, sia francese, appartiene a un madrelingua. Due favole sono uscite anche in bolognese, e la voce del bolognese madrelingua proprio quella di Fausto Carpani, che ha anche tradotto i due testi utilizzando l’ortografia lessicografica. Cari visitatori del Sito Bolognese, se avete dei figli piccoli, anzich fargli vedere certe teleporcherie in voga oggi, mostrategli magari Cappuccetto Rosso in bolognese, inglese e francese, cos impareranno le lingue e si terranno lontani da certe follie, grazie a un’educazione normale!


Dnanz ala Vtta, dell’Improbabile orchestra Carpani&Zuffi

La nva casatta ed Fusto Carpn e Stven Żff Ai vgn fra, ai prmm d agsst dal 2002, la nva casatta ed nster ed “Carpani&Zuffi”, ch’l’ tttol Dnanz ala Vtta! Carpn al dimsstra un’tra vlta d ser un artssta a 360, bn ed fr dl canzuntt algri, mo anc dl cant ch’li n dl vairi poes in msica, pṅni ed sentimnt e d melod. In sta casatta Fausto al canta dl amur, pr esnpi in I brtt amrṡ; opr in Al Pnt dla Binnda, ch’la cnta di arcrd d un sgnuri ch’ai vn in amnt i mumnt pas con al s sprucajn in ste cantn mgic dla nstra bla Bulgnza, atai ala Bevrra: al tnp ch’al psa mudnd i st, al f da vdder anc de pi un amur ch’al tn bta. Stra li tri cs, a st pnt l dedich al fi scrtt da Carpn (sucesur d LA VACAMATA), ch’a ps catr dli infurmazin ala s pgina. Anc se st’afezin pr i nster st e la nstra żnt l’ sparguj un p par ttt al nster, una canta in dvv l’ l argumnt prinzipl l’ Premavaira: andnd a sps “in barlaida, dr a Raggn”, la natra ch’la se dṡdaṡṡda e l rundannni l fan vgnr al magn es l rinpssen l’lma ed ps (e qu la lirizit ed Carpn l’ ariv a un livl altssum: e p ai n ch’i crdden che al bulgnai al vga bn sul par sgargnazr …).

Ai p dl bald ch’l spighen con irun di ft suzd a Bulggna ai tnp ch’i s tirven s l brg con la zirla, cunpgna Al guasto!, o La rocca merdata, e dl canzuntt da rdder, pr esnpi Maisda Pocaspnta (ch’l’ dedich a ttt chi sugt ch’an i vgnar mi l ans dala fadga...).

Sich dnca, cunpr la nva casatta ed Carpn e Zff, parch Fausto an f mi cilla! A la cat fin i s cunzrt (al prugrm l int la pgina di Apuntamnt), opr ciamnd Carpn al s telefonn: 339/3536585.

uscita, ai primi d’agosto 2002, la nuova musicassetta di “Carpani&Zuffi” intitolata Dnanz ala Vtta (“Davanti alla Vita”)! Carpani dimostra ancora una volta di essere un artista a 360, capace di fare canzoni allegre, ma anche vere poesie in musica, ricolme di sentimento e melodia. In questa cassetta, Fausto canta d’amore, ad esempio in I brtt amrṡ (“I brutti innamorati”); oppure in Al Pnt dla Binnda (“Il Ponte della Bionda”), che narra dei ricordi di un signore, la cui memoria ripercorre i momenti passati con l’amata in questo magico angolo della nostra bella Bologna, nei pressi della Beverara: il tempo che passa trasformando i luoghi evidenzia ancor di pi un amore che regge.
Tra l’altro, a questo ponte dedicato il giornale scritto da Carpani (successore de LA VACAMATA), del quale potete trovare informazioni alla pagina relativa. Anche se questo affetto per i nostri luoghi e la loro gente disseminato un po’ per tutto il nastro, una canzone in cui l’argomento principale Premavaira (“Primavera”): passeggiando in barlaida, dr a Raggn (“in golena, lungo il Reno”), la natura che si risveglia e le rondini commuovono e riempiono di pace l’animo (e qui la liricit di Carpani ha raggiunto un altissimo livello: e dire che qualcuno pensa che il bolognese sia adatto solo per scherzare...). Vi sono poi ballate che spiegano con ironia fatti accaduti a Bologna nel Medio Evo, come Al guasto!, o La rocca merdata, e canzoni che muovono al riso, come Maisda Pocaspnta (dedicata a quelle persone cui non verr mai l’affanno per la fatica...).

Dunque, comprate la nuova casatta di “Carpani&Zuffi”, perch Fausto non fa mai cilecca! La trovate al termine dei suoi concerti (il programma alla pagina degli Appuntamenti), oppure chiamando Carpani al cellulare: 339/3536585.

Zantzinquant n in dialatt bulgnaiṡ, Canzoni di Carlo Musi, Quinto Ferrari, Fausto Carpani, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, 2002

Zntzincuant'n in dialtt bulgnaiṡ Ste dssc che qu l al prudtt ed du sert dedich ala canzn dialetl bulgnaiṡa. I cunzrt i n st ft ai 20 e 21 ed nuvmmber dal 2001 al Teter Dehon, par tachr la fsta par l aniversri ed Carln Mi, and d lng con la preṡentazin d un lber e un CD, ttt d ch’i an cme argumnt al prmm cantautur ptrugnn. I d cunzrt i fven prt dla manifestazin “Ttt i marted e i mrcuel a teter”, e i n st una spzie d antolog ed tr cantnt bulgnṡ: Mṡi (1851-1920), Qunto Ferri (1907-1995) e Fusto Carpn. Come pr al lber e al CD, anc stavlta ai st al contribt (in gbbi) dla Fundazin Dal Mnt ed Bulggna e Ravanna.

Questo disco la memoria sonora di due serate dedicate alla canzone dialettale bolognese. I concerti hanno avuto luogo il 20 e 21 novembre 2001 al Teatro Dehon, come apertura delle celebrazioni di Carlo Musi, proseguite con la presentazione di un libro e un compact disc imperniati sulla figura del primo cantautore bolognese. Inseriti nella rassegna “Ttt i marted e i mrcuel a teter”, i due concerti hanno rappresentato un excursus sulla produzione di tre esponenti della canzone bolognese: Carlo Musi (1851-1920), Quinto Ferrari (1907-1995) e Fausto Carpani. Come il libro e il disco dedicati a Musi, anche questo stato realizzato con il contributo finanziario della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna.

Carpani canta Musi, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, 2002

Carpani canta Musi Int al nuvmmber dal 2001, durnt quall di 150 aniversri dla nsita dal nstr autur, l st preṡent al pbblic al lber “Carlo Musi, il cantore della Bologna scomparsa”, a cra ed Fusto Carpn e Gign Lvra, stanp col contribt dla Fundazin Dal Mnt ed Bulggna e Ravanna. Insmm al vulmm ai ra un CD con vnt canzuntt cant prpi da Mṡi. Par preṡentr st’vra, Carpn l ft znc cunzrt al ex Uratri ed San Flpp Neri. Ste CD al vl ser una vlta de pi un md d onorr la figra dal prmm di cantautr bulgnṡ, ch’l rapreṡent l’nma popolr e plnta dla nstra zit stra ‘800 e ‘900.

Nel novembre del 2001, in occasione del 150 anniversario della nascita, stato presentato al pubblico il libro “Carlo Musi, il cantore della Bologna scomparsa” curato da Fausto Carpani e Luigi Lepri e stampato con il contributo della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. Allegato al volume vi era un CD contenente venti canzoni cantate da Musi stesso e il tutto stato presentato con cinque concerti all’ex Oratorio di San Filippo Neri. Questo CD vuole essere un ulteriore omaggio alla figura del primo cantautore bolognese che ha rappresentato l’anima popolare e arguta della citt fra ‘800 e ‘900.


Andrea Mingardi, “Ciao Rgaz”, 2000

Andrea Mingardi In prinzppi dal 2000, int al St Bulgnaiṡ, ai vgnva fra ste raunamnt: “L prpi un pch che i cantnt bulgnṡ grand, e inser int la nstra cultra, cmm Francesco Guccini (che da pc l ft un vocabolri dal dialtt ed Pvna), i n ven scuṡi mi ft l su considerazin universl in bulgnaiṡ, sich dnca al canzn in dialtt ed Bulggna ai avanza pi che ter al gner “pi cn” dla nustalg e di ft dal st (par drla ttta, Guccini l scrtt Al trsst in mudnaiṡ e l al difuṡur dla canzunatta bulgnaiṡa La fra ed San Lżer).”

L apl l st ascult da Andra Minghrdi, ch’l ft un dssc con ttti l tecnolog pi mudrni e una mccia ed cantnt famṡ a dri una man. Al CD, ch’al s cima “Ciao Rgaz” int l itaglin ed Bulggna (in bulgnai stit al srv “Ado ragz”), l dl melod fti pulidn, e dli interpretazin grandiuṡi, cunpgna qualla ed Lucio Dalla ch’al canta “Ai vsst un marzin”, o qualla d Ivan Marescotti ch’al rzita “Il conte Ugolino” in rumagnl, pr an dr p ed Guccini con la s “Fra ed San Lzer”, ch’i la cnten ttt.

Mo ste dssc al pl fr dimnndi bn al bulgnaiṡ anc int la soziet: l un gugil snter un quelcdn ch’al canta in ptrugnn pr li ardio nazionl! E as snt anc un stracantn ed żven ch’i sculten “Scc’mel” in mchina, e i den ch’l’ la s canzunatta prefer!

L’nnica maggna i n socunt stranbcc’: al bulgnaiṡ l una lngua difzzil, con dl raiguel da rispetr, brṡa un itaglin vgn ml, sich dnca, s’an s f atenzin ala gramtica e al parl, as dṡ di gran castrn. Alura al srv mi cavr zrt itaglianṡum (*“grndina” l sbagli, as dṡ “tinpsta” e anc *“parlr” al n eṡsst brṡa, parch ttt snza ecezin i dṡen “dscrrer”, *“l albicc” al srv “al biriccuel” o “al mugng” e v ed ste ps: ttti parl ch’l psven ser control int i vocabolri bulgnṡ, pr eṡnpi al Vitli-Lvra) o di err (al plurl ed “carazza” l “carzz”, brṡa *“carazzi”; an s dṡ brṡa *“s i n sul prs”, mo “i s n sul prs”, al plurl ed “bn” e “quajn” l “bn” e “quajn” etectera). In concluṡin, l’ra ura che quelcdn al mitss insmm i talnt muṡichl ed Bulggna fagnd qul pr al bulgnaiṡ, anc se st’tra vlta al sr mi fr lżer a un esprt, come pr eṡnpi Gign Lvra, brṡa sul un pz, mo ttta l’vra.

All’inizio del 2000, il Sito Bolognese pubblicava il seguente ragionamento: “Resta un peccato che i grandi cantanti bolognesi e inseriti nella cultura della zona, come Francesco Guccini recente autore di un dizionario del dialetto di Pavana, non abbiano quasi mai formulato le proprie considerazioni universali in bolognese, per cui alla canzone dialettale di Bologna resta soprattutto il genere “minore” della nostalgia e dei fatti locali (Guccini per la verit ha scritto Al trsst in modenese e ha reso popolare in bolognese La fra ed San Lżer).”

L’appello stato raccolto da Andrea Mingardi, che ha prodotto un disco con tutte le tecnologie pi moderne e ha chiamato un sacco di cantanti famosi ad assisterlo. Il CD, intitolato “Ciao Rgaz” secondo la variante dell’italiano usata a Bologna (in bolognese vero e proprio sarebbe “Ado ragz”), contiene melodie ben fatte, con interpretazioni grandiose, come quella di Lucio Dalla che canta “Ai vsst un marzin”, o quella di Ivan Marescotti che recita “Il conte Ugolino” in romagnolo, per non parlare di Guccini con la sua famosissima “Fra ed San Lżer”.

Ma il disco pu anche essere benefico per le fortune sociali del bolognese: un piacere sentire qualcuno che canta in petroniano sulle radio nazionali, e si sentono moltissimi giovani ascoltare “Scc’mel” in macchina e dichiarare che si tratta della loro canzone preferita!

L’unico punto debole sono i vari inciampi linguistici: il bolognese difficile, e ha regole che vanno rispettate, non si tratta di una corruzione dell’italiano, per cui, se non si sta attenti alla grammatica e al lessico, si commettono degli svarioni. Sarebbero dunque da eliminare certi italianismi (*“grndina” un errore, si dice “tinpsta”, idem per *“parlr” che non esiste, dato che tutti senza eccezioni dicono “dscrrer”, *“l albicc” sarebbe in realt “al biriccuel” o “al mugng” e cos via: si tratta peraltro di parole che si potevano controllare nei dizionari bolognesi, come il Vitali-Lepri) o errori veri e propri (il plurale di “carazza” “carzz”, non *“carazzi”; non si dice *“s i n sul prs”, ma “i s n sul prs”, il plurale di “bn” e “quajn” “bn” e “quajn”, ecc.). In conclusione, era ora che qualcuno riunisse i talenti musicali di Bologna facendo qualcosa anche per la sua lingua, ma la prossima volta sar meglio sottoporre a un esperto, ad esempio Luigi Lepri, non soltanto un pezzo, ma tutto il lavoro.


Ala prmma pgina
V s