Lber Lber bulgnṡ Libri


I lber eletrnic in bulgnaiṡ - Gli e-book bolognesi

Ttt i n ai vn fra un zrt nmmer ed lber sura Bulggna e al bulgnai, e n a in dscurn in sta pgina. S’a s autr d un lbr ed sta fta, mandsel, e n a in farn na recensin! mesg' scrivs - scriveteci!
Ogni anno si pubblica un certo numero di libri su Bologna e il bolognese, di cui parliamo in questa pagina. Se siete autori di un libro del genere, mandatecelo, e noi lo recensiremo! mesg' scrivs - scriveteci!

A vln anc dscrrer ed chi lber vc’ ch’i plen interesr al nster pbblic. Pian pian, sta pgina l’arv da dvintr una bibliograf virtul bn studi. Turn gni tant a dr n’uc!
Vogliamo anche trattare dei libri usciti da un po’ di tempo che possono interessare il nostro pubblico. Questa pagina dovrebbe gradualmente diventare un’accurata bibliografia virtuale. Tornate a trovarci ogni tanto!


Nuvit - Novit

Giovannino Guareschi, Al cunpgn Dn Camll, tradtt in bulgnaiṡ da Mrio Pedrn, Bologna : Pendragon 2017, 14 €, ISBN 978-88-6598-714-8

Ttt a cgnusn Dn Camll e al snndic comunssta Pepn, brṡa sul pr avair lt i lber d Guareschi, mo anc pr avair vsst l pelccol con Fernandel e Gino Cervi. I parsung' ed Guareschi i an ft al gro dal mnnd e, anc se ormi con ttt quall ch'ai suzs in pulttica la versin itaglina la pl parair un p pas d cutra, l editur Pendragon, ch'l in una chrta ed ttt i żg, l' cat la manra ed turnr a dri un p d frescazza: tradṡer incsa in bulgnaiṡ! L'ida l' bna pr una sflza ed mutv: prmma d nna, al bulgnaiṡ l dimnndi bl, e par quasst al vl snper la panna ed lżer i qu int la nstra lngua; secnnd, con stl stri ch'l dscrren ed canpgna emiglina, piant d fipi, fs, bsti buvṅni etz., una traduzin in dialtt la cunbṅna col paeṡg'; trz, ste lber l anc bn rius parch Pedrn, al tradutur, l lavur pulidn, adruvnd un bulgnaiṡ abastanza bl e riguruṡ (anc grzie al coretur urtugrfic, che in ste chṡ che qu al n brṡa un prugrm da conpiter, mo un adernt ala Bla dal Bulgnaiṡ, Fedrg Galn, ch'l d una bla man a rnnder pi ladṅna la letra). L vaira ch'ai socuanti costruzin ch'l san un p ed traduzin, per in generl l un gran ṡguazn turnr a lżer ste "Al cunpgn Dn Camll" scrtt in bulgnaiṡ. Sicmm ch'a savn che Pedrn l in di ter ble prnti, ttt a cunprr ste prmm lber dla srie, acs al sr pi fzil ch'ai vggna fra anc chi ter! E grzie ai erd dl autur, ch'i an d al parmss ed stanpr.

Tutti conosciamo Don Camillo e il sindaco comunista Peppone, non soltanto per aver letto i libri di Guareschi, ma anche per aver visto i film con Fernandel e Gino Cervi. I personaggi guareschiani hanno fatto il giro del mondo e, anche se gli avvenimenti politici degli ultimi anni hanno un po' ingiallito gli originali italiani, l'attivissimo editore Pendragon ha trovato la maniera di rendere loro la freschezza originale: tradurli in bolognese! L'idea buona per diversi motivi: anzitutto, il bolognese molto bello, e quindi vale sempre la pena leggere nella nostra lingua; secondo, con queste storie che parlano di campagna emiliana, filari di pioppi, fossi, animali della stalla ecc., una traduzione in dialetto ben intonata col paesaggio; terzo, il libro anche ben riuscito perch il traduttore Pedrini ha lavorato per benino, utilizzando un bolognese abbastanza bello e rigoroso (anche grazie al correttore ortografico, che in questo caso non un programma informatico ma un aderente alla Compagnia del Bolognese, ossia Federico Galloni, che ha dato un notevole contributo a render scorrevole la lettura). vero che alcune costruzioni ricordano che si tratta di una traduzione, per in genere molto piacevole leggere questo "Al cunpgn Dn Camll" scritto in bolognese. Siccome sappiamo che Pedrini ha degli altri libri pronti, tutti ad acquistare il primo della serie, affinch gli altri escano prima! Un ringraziamento agli eredi dell'autore, che hanno dato il consenso alla stampa del volume.


Luigi Lepri (Gign Lvra), Rusticn. Poesie in dialetto bolognese, con traduzione in italiano, Bologna : Pendragon 2016, 14 euro, ISBN 978-88-6598-755-1



 




Gign Lvra l dimnndi cgnus parch pr al nster dialtt l in d ed ttt i ti, bsta pinsr al Vocabolri o ai tant lber ed rmm e zirudl, o al rizt ed cuṡṅna in bulgnaiṡ, o ali edizin d tr autr. Ads al s divart a fr un ter lbr ed poeṡ, un p difarnti da cli tri: stavlta as trta ed cuvlinn crt, un pc znnic e dimnndi crttic, sura di argumnt dal pas che per i fan pinsr ala vtta d inc. Sicmm che ste lber nv al s piaṡ prpi dimnndi mo dimnndi, e che a fn fadga a dr una descrizin dla nuvit ch'l purt ala poeṡ bulgnaiṡa, a mitn qu stta tr eṡnpi. Par de pi, s'a vl snter socunt ed sti pzuln lt prpi da Gign, a ps andr int al Tb clicnd qu!

Luigi Lepri famoso per aver fatto di tutto a favore del nostro dialetto, basti pensare al Dizionario o ai tanti libri di rime e zirudelle, alle ricette della cucina bolognese o alle edizioni critiche di altri autori. Adesso si divertito con un nuovo libro di poesie diverse da tutte le altre: si tratta stavolta di pezzettini brevi, un po' cinici e assai critici, su argomenti del passato che per fanno pensare alla vita odierna. Poich quest'ultimo nato ci piaciuto veramente tantissimo ma ci risulta un po' difficile descriverne il carattere di novit per la poesia bolognese, ne daremo tre esempi qui sotto. Se poi volete sentirne alcuni letti dalla viva voce dell'autore, li troverete su Youtube cliccando qui!

 

 

Mariuln

Mariuln dal Sustgnn,
lta cme un stupi,
la tach a fr la furna
ra
quand l'avva sagg' n
e l' lavur ttta la vtta.

La n avva mi vsst al mr
e la i and in motoziclatta
con s mar, int al sln de dr:
una stianch d s da santufzzi.

I andnn in spiża,
la guard al mr e la g:
"cum l grand!".
P i s mitnn a sder in spi
ża,
pann con la murtadla
e brra Run
żn.
Dpp un pc, l
la n ps tartgnres ed dr:
"cum a
guz, inc!".

 

 

Galavrna

Fl d rba giaz ed galavrna,
tra ma
aggna cmm un balurd,
br
el ed pan, ed fi, ed rssc,
smnt, bistin mrt, furmnt,
incsa giaz, dvint zimnt.

Cum l' dra la vtta col żl,
canpr l' una gran fadga.
Spezialmnt pr una furmga.

 

 

La c

La m c l' fta ed tra,
a l' tir s col m man
p l' vgn
ż con la gura,
mo m a sn turn a tirrla s pian pian.

Snza c an s canpa bra.
Piotst snza c
a.

 


Claudio Tugnoli, Le mani dell'anima. Variazioni in dialetto budriese, Trento : Edizioni del Faro 2016, 14 euro, ISBN 978-88-6537-446-7

Claudio Tugnoli l un autur ch'al scrv dla rba bna sa in dialtt che in itaglin. Int al s dialtt, ch'al srv p quall dla canpgna ed Bdri, l tach a publichr dal 2012, quand l mss fra "Gli anni riapparsi in umilt di gloria", p l and d lng dal 2014 con "Terra terra inesausta matrice. Poesie dell’infanzia budriese", che ed ttt d ai la s recensin int al nster St. Quall di tr lber, ch'l bl anc par cmm l st ft dal editur, al turna a andr dntr int al dscurs dla memria, ch'l p al mutv ch'al prta Tugnl a scrver in dialtt, anc se bn e spass al i insflza dnter l itaglin, mo con un sprit dimnndi difarnt (stra l ter, i pz in budriaiṡ i n qu pi potic, cum l avva dtt Dagnl Vitli int la s prefazin a quall di d lber). Anc stavlta, int la prmma poeṡ as i acta al fl ed ttt al vulmm: una vlta l'ra la tra, ads i n l man, con na sflza ed md ed dr e d espresin, pr eṡnpi dr la bna man (inc as snt a dr dr la manza, mo al srv quall l). Al stl adruv l quall d n ch'al cnta dl partd in poeṡ, tacnd con la vtta cuntadṅna dla famajja d una vlta pr arivr a dl concluṡin pṅni ed filoṡof bna anc pr al d d inc, pr eṡnpi pinsnd ai amazamnt ch'i an ft int i paṡ dl Urint qu avṡn. Anc ste lber, cunpgna chi d ch'i n vgn fra prmma, i n scrtt int l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna (OLM) adat al bulgnaiṡ da Tizin Caṡla, e al vl żuntr una prda al fabricht dla memria e dla conservazin dal dialtt.

Claudio Tugnoli un autore di livello elevato, in dialetto e in italiano. Nel suo dialetto budriese rustico ha debuttato nel 2012 con "Gli anni riapparsi in umilt di gloria", seguito nel 2014 da "Terra terra inesausta matrice. Poesie dell’infanzia budriese", entrambi recensiti dal nostro Sito. Questo terzo nato, in un'edizione anche graficamente molto bella, riprende il tema della memoria che porta Tugnoli a scrivere in dialetto, anche se spesso inframmezzato dall'italiano, con un registro molto diverso (fra l'altro, "pi poetico" in budriese, com' stato notato da Daniele Vitali nella prefazione alla seconda raccolta). Anche stavolta la prima poesia riprende il Leitmotiv del volume: a suo tempo la terra, ora le mani, con una serie di modi di dire ed espressioni come bna man, la mancia. Lo stile poetico quello di un racconto in versi, che prende le mosse dalla vita contadina della famiglia di un tempo e arriva a delle conclusioni filosofiche generali, toccando anche temi di attualit come i massacri in Medio Oriente. Anche questo libro, come i due precedenti, nell'Ortografia Lessicografica Moderna (OLM) adattata al budriese da Tiziano Casella, e rappresenta una pietra in pi nell'edificio della memoria e della conservazione del dialetto.


Arrigo Lucchini, Innamorato di Bologna. Racconti e poesie, a curra di Davide Amadei e Annamaria Lucchini, Bologna : Pendragon 2016, 15 euro, ISBN 978-886598-715-5

Arrigo Lucchini (1916-1984) l st un parsung' inpurtnt dal nster dialtt, e anc un prutagunssta dal teter dialetl bulgnaiṡ: ai una cunpagn col s nmm ch'la v d lng a rezitr fn al d d inc. Davide Amadei, che da una mccia d n l dvint al stric e studiuṡ ufizil dal teter bulgnaiṡ (l ble scrtt i lber Cronache del teatro dialettale bolognese dalle origini ai nostri giorni e E t prlla! Bruno Lanzarini, un bolognese in palcoscenico), l tgn dr anc a ste vulmm ch'al dscrr ed Luchn insmm ala fila ed l: i an stanp socunt tst, un p in dialtt e dimnndi in itaglin, ch'i ren st scrtt prpi da Luchn. Int al cminzppi dal vulmm ai la stria dla s vtta con l dt pi inpurtanti, e p sparguj in z e in l ai dl fotograf in bianc e naigher e pr infn un spart muṡichl, snza dscurdr al nmmer ttt da rdder ciam "l quter vci", che la s cunpagn al le prta anc in gr es al l mss int un dssc ciam Bn mo da bn? che ste St ai ft la recensin socunt n indr. In copertṅna ai un dsaggn famuṡ ch'al f da vdder Luchn insmm al Du Trr e al s dtt prefer: inamur d Bulggna.

Arrigo Lucchini (1916-1984) stato un personaggio importante della cultura dialettale bolognese, e un protagonista del nostro teatro dialettale: a tutt'oggi funziona una compagnia che porta il suo nome. Davide Amadei, diventato da anni lo storico e studioso ufficiale del teatro bolognese (suoi i libri Cronache del teatro dialettale bolognese dalle origini ai nostri giorni e E t prlla! Bruno Lanzarini, un bolognese in palcoscenico), ha curato questo volume insieme alla figlia di Lucchini, per dare alle stampe vari testi, un po' in dialetto e molti in italiano, scritti dall'autore. All'inizio c' una nota biografica con le date pi importanti della vita di Lucchini, qua e l ci sono foto in bianco e nero e anche uno spartito musicale, senza dimenticare la scenetta "Le quattro vecchie" portata ancora in scena dalla compagnia e persino incisa nel disco Bn mo da bn? di cui abbiamo pubblicato la recensione qualche anno fa. In copertina un famoso bozzetto che ritrae l'autore con le Due Torri insieme al suo motto: inamur d Bulggna, ossia Innamorato di Bologna.


Al Parnaso bulgnaiṡ, a cra ed Francesco Pieri insmm a Federico Cinti e Federico Galloni, Bologna : Pendragon 2015

Ste lber che qu l un'antolog con un zrt nmmr ed poeṡ dla literatra itaglina pi granda tradtti in bulgnaiṡ da socunt autr. In pi di tr ch'i l an mss insmm, ch'i srnn p i tr F, ciov F. Pieri, F. Cinti e cal cunpunnt dla Bla dal Bulgnaiṡ ch'al s cima F. Galloni, ai anc divrs autr cgnus come Gign Lvra e Stefano Rovinetti Brazzi, che anca lur i fan prt dal Bla, e p ai Gastone Vandelli, Arrigo Lucchini e Anna Bastelli, e par finr d b sugt dscurt dal St Bulgnaiṡ, ch'i n l archittt Franco Bergonzoni, ch'l scrtt un lber dimnndi interesnt ch'as cima "Venti secoli di citt" es l dtt la s int un stracantn ed pgin dal nster St, e p Gianandrea Lanzara, un fiurintn żuven ch'l st un studnt dal Curs ed Bulgnaiṡ es l tradtt "S'i fosse foco" diretamnt dala s lngua ala nstra! Defti, in ste Parnaso bulgnaiṡ ai una bla mccia ed pzuln tlt dala nstra pgina dal bulgnaiṡ come lngua ed traduzin, in st mnter che chi ter i n st tradtt dai tr F parch i vlven rnnder pi conplt al panorma dla leteratra itaglina par dl zintunra d n dla s stria, snza dscurdres ed socunt autr clsic e d tri cultr, cunpgna Bertold Brecht e Pablo Neruda, o anc qu ch'i an scrtt in dialtt mo ch'i n ren brṡa di emiglin, pr eṡnpi Trilussa e Ignazio Buttitta. Al lber al vn con un DVD in duv ai i s pz interpret da Matteo Belli, ch'l n dl amstr e al lż prpi Cecco Angiolieri/Gianandrea Lanzara, e p ter pzuln i n lt da di ter parsung'. Ai anc dl figr, i nndiz, i tst uriginl e una lssta ed qu ch'i n and in bisca par dr una man a fr vgnr fra ste vulmm che, cunpgna a di ter ft da n di tr F, an s cta brṡa in librar (mo a l ps p cunprr dal editur Pendragon!).

Questo libro un'antologia di poesie della grande letteratura italiana tradotte in bolognese da diversi autori. Oltre ai tre curatori, ossia F. Pieri, F. Cinti e il membro della Compagnia del Bolognese F. Galloni, ci sono pure autori diversi e conosciuti come Luigi Lepri e Stefano Rovinetti Brazzi, anch'essi membri della Compagnia, nonch Gastone Vandelli, Arrigo Lucchini e Anna Bastelli, e poi due scoperte di questo Sito, ossia l'architetto Franco Bergonzoni, autore dell'interessantissimo libro "Venti secoli di citt" e contributore di diverse pagine del Sito Bolognese, e Gianandrea Lanzara, studente fiorentino del Corso di Bolognese che ha tradotto "S'i fosse foco" direttamente dalla sua madrelingua alla nostra! I lavori di vari traduttori ripresi dal libro vengono infatti dalla nostra pagina del bolognese come lingua di traduzione, altri sono stati tradotti dai curatori stessi per completare il panorama della letteratura italiana nei secoli, senza dimenticare vari autori classici e anche di altre tradizioni, come Bertold Brecht e Pablo Neruda, o ancora i dialettali, ma non emiliani, Trilussa e Ignazio Buttitta. Al libro abbinato un DVD con diversi componimenti interpretati da vari personaggi, fra cui un professionista della voce, Matteo Belli, che legge appunto Cecco Angiolieri/Gianandrea Lanzara. Vi sono anche varie illustrazioni, indici, i testi originali e una tabula gratulatoria coi nomi delle persone che hanno contribuito all'uscita del volume che, come iniziative precedenti di uno dei curatori, non sar distribuito in libreria (ma si trova presso l'editore Pendragon!).

           

I Puffi parlano in dialetto bolognese!
Traduzione di Luigi Lepri e Daniele Vitali
Editore Pendragon

recensione

 

Luigi Lepri, Daniele Vitali (a cura di), Poeti petroniani del Duemila. Poesie in dialetto bolognese con versione italiana, Bologna : Pendragon 2015, 14 euro, ISBN: 978-88-6598-650-9

Ste libartn l qualla dl trai antolog dla poeṡ bulgnaiṡa ch'li n vgn fra int la stria dal nster dialtt: dal 1943, Luigi Longhi al publich "Poeti petroniani del Novecento", con 15 autr, e dal 1962 ai vgn la vlta ed Fernando Panigoni, ch'al f un ter lber con 22 autr. Ads, Gign Lvra e Dagnl Vitli i an mss fra al sguit, ste "Poeti petroniani del Duemila" ch'al preṡnta 25 autr, una prt anc al mnnd e dr a scrver i s cuvln, una prt ch'i s an las da pc mo ch'a s i arcurdn ttt pulidn, cunpgna Sandrn Sarmng, un gran amg dal St Bulgnaiṡ. Dpp a una prefazin ed Gign e nna ed Dagnl, al vulmm al tca con i autr in urden alfabtic: prmma una crta spiegazin dla s vtta, e p socunt pzuln dla s produzin (da 3 a 6, mo al dipnnd da quant i n lng). Stra i autr, ch'ai ttt i s nmm in copertṅna, ai n anc d dla canpgna, par fr un omg' a ttt qu ch'i scrven int i dialtt dla pruvnzia, es ai anc d autr pi vc' che per i n i ren brṡa int li antolog vgn fra prmma: l' st una manra par ranndr omg' anc a lur. Al lber, che naturalmnt l int l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna cunpgna ttt chi ter lber publich da Pendragon, l st preṡent du vlt in televiṡin int utbber dal 2015: da Gign Lvra e Dagnl Vitli int al salt ed Giada Guida, par TRC, e p da Gign Lvra e Aldo Jni int al Nutiziri Bulgnaiṡ, in duv ai anc socunt pzuln dla preṡentazin che Gign e Dagnl i an ft ala librar dla Coop int i Urvvṡ. Par la leteratra bulgnaiṡa l prpi un bl mumnt!

Questo libretto la terza antologia della poesia bolognese uscita nella storia del nostro dialetto: nel 1943, Luigi Longhi pubblic "Poeti petroniani del Novecento", con 15 autori, e nel 1962 fu la volta di Fernando Panigoni, che produsse un'altra pubblicazione rappresentativa di 22 autori. Adesso il terzo nato, a cura di Luigi Lepri e Daniele Vitali: "Poeti petroniani del Duemila" presenta 25 autori, una parte ancora viventi e in attivit, una parte scomparsa da poco ma ancora ben viva nella nostra memoria, come nel caso di Sandro Sermenghi, un grande amico del Sito Bolognese. Dopo una prefazione di Lepri e una di Vitali, il volumetto presenta gli autori in ordine alfabetico, cominciando con una breve nota bibliografica e continuando con alcuni brani della produzione di ciascuno (da 3 a 6, a seconda della lunghezza). Fra gli autori, tutti elencati in copertina, se ne trovano anche due di fuori citt, in omaggio a tutti coloro che scrivono nei dialetti della provincia, nonch due bolognesi ma scomparsi prima del Duemila che mancavano dalle antologie precedenti: anche in questo caso, la loro presenza serve a omaggiare tutti coloro che hanno scritto fra la seconda e la terza antologia poetica bolognese. Il libro, che naturalmente scritto nell'Ortografia Lessicografica Moderna in cui escono tutti i volumi bolognesi di Pendragon, stato presentato due volte in televisione nell'ottobre del 2015: da Luigi Lepri e Daniele Vitali nel salotto televisivo di Giada Guida su TRC, e poi da Lepri e Aldo Jani per il Nutiziri Bulgnaiṡ, dove si possono vedere anche alcuni pezzetti della presentazione fatta dai due curatori alla libreria Ambasciatori di Via degli Orefici. Per la letteratura bolognese un momento felice!


Luigi Lepri, Recipes from Bologna. The traditional food from the Capital of Italian cuisine. 70 classic and popular dishes With original Bolognese texts. Traduzione di Matthew De La Cruz, Bologna : Pendragon 2015, 15 euro, ISBN: 978-88-6598-638-7


Dal 2008 ai vgn fra un lber spetacoluṡ ed Gign Lvra ciam "Mica solo tortellini!", con dl gran rizt dla cuṡṅna bulgnaiṡa. Cal lber, ch'a in cat la recensin e socunt eṡnpi int al nster st, l av un gran suzs, tant ch'i l an turn a stanpr int la s edizin uriginl, col rizt in bulgnaiṡ e in itaglin, e p, ads, anc in inglaiṡ. Mo quassta l' un'edizin nva: defti, l itaglin l spar, e ai sul la versin bulgnaiṡa e inglaiṡa, tradtta da un studnt americn ch'al st a Bulggna e ch'l nmm Matthew De La Cruz. Tradṡer un lbr ed cuṡṅna al n brṡa un'inpraiṡa da pc, sich dnca stavlta al mrit i l an in tr: l autur ch'al f snper znter con ttt i s lber, l editur Pendragon ch'l snper dala prt dal dialtt e ch'l av sta bl'ida uriginl ed fr un lber in bulgnaiṡ e inglaiṡ snza l itaglin (anc se l itaglin l sarv par la traduzin) e al tradutur, apnt, ch'l prpi lavur puld (l'nnica crttica l' che, int al tradṡer l'introduzin dl autur, l un p inpastiz i aznt e chi ter sggn).

 

Nel 2008 uscito uno splendido libro di Luigi Lepri intitolato "Mica solo tortellini!", con tante ricette della tradizione culinaria bolognese. Quel libro, di cui trovate la recensione e vari esempi in questo sito, ha avuto un gran successo, tanto da aver visto prima una ristampa dell'edizione originale, quella con le ricette in bolognese e in italiano, e adesso una nuova edizione in inglese: l'italiano sparito, e resta la versione bolognese accanto a quella inglese, frutto della traduzione eseguita da uno studente americano residente a Bologna di nome Matthew De La Cruz. Tradurre un libro di cucina un arduo cimento, per cui stavolta va reso merito a ben tre soggetti: l'autore, che indovina sempre tutti i suoi libri, l'editore Pendragon pilastro del dialetto e cui va riconosciuta l'idea originale di pubblicare un volume in bolognese e inglese ma senza l'italiano (che servito per da lingua di base per la traduzione) e, appunto, il traduttore, che ha lavorato molto bene (l'unica osservazione riguarda il fatto che, traducendo l'introduzione dell'autore, ne ha confuso un po' i diacritici).


Cantico dei Cantici - Canta dl Canti, traduzione in dialetto bolognese di Stefano Rovinetti Brazzi, traduzione in italiano e commento di S.E. Card. Gianfranco Ravasi, a cura di Aldo Jani No ed Enrico Pagani, San Giovanni in Persiceto : Maglio 2015, prezzo 17 euro

La Canta dl Canti l' un tst sura al amur ch'al vn dala Bbbia. L' av una gran inpurtanza int la stria dla cultra cristina es l' anc la raṡn par ttti cl madn naigri ch'ai in gr pr al mnnd (bsta pinsr a qualla ed San Lcca): par savair al parch, a ps guardr int al lber a pgina 66, int al cumnt ft dal cardinl Ravasi, ch'l anc l autur dal tst in itaglin. La versin itaglina che in tant i cgnssen ads l' st fta dal grc, mo sicmm che l uriginl l scrtt in żud antg, alura qu ai la s versin tradtta in dirta. Invzi, la versin bulgnaiṡa l' st fta da Stven Ruvintt Brz partnd dal grc, sich dnca ste autur int la s introduzin al spiga che par quasst gni tant ai dl difarnz stra al tst in bulgnaiṡ e quall in itaglin: dal rst, la stria dla traduzin di tst cristin l' dimnndi interesanta, bsta pinsr a quall ch'ai suzd quand Erasmo da Rotterdam al canbi la traduzin ed San Girlom (che, nonostnt i s ṡbli, l st tante Do inpurtnt ch'l avanza snper al sant di tradutr). Ruvintt Brz al spiga anc al parch ed socuanti deziṡin ch'ai tuch ed tr par tradṡer La Canta dl Canti in dialtt, e acs as inpra che al sugt fitzzi "ai", che socunt parlnt catln i n adrven quṡi pi, l invzi brṡa sul nezesri par dscrrer int al bulgnaiṡ stit e curt, mo al sruv dimnndi anc par tradṡer dal grc! Par finr, biṡggna dr che dal 2013 Ruvintt l publich un ter tst religiu in dialtt, I Vangli dal Nadl, ch'a in cat la recensin un p pi stta. Par savairen de pi sura La Canta dl Canti in dialtt.

Il Cantico dei Cantici un testo biblico sull'amore. Ha avuto grande imporanza nella storia della cultura cristiana ed anche il motivo per cui ci sono tante madonne nere sparse per il mondo (basti pensare a quella di San Luca): per scoprire tale motivo, si pu consultare il libro a pagina 66, servendosi del commento del cardinale Ravasi, che anche l'autore del testo in italiano. La versione italiana conosciuta dai pi viene dal greco ma, siccome l'originale scritto in ebraico, se ne pubblica qui la traduzione eseguita direttamente da tale lingua. Invece, la versione bolognese stata fatta da Stefano Rovinetti Brazzi a partire dal greco, per cui questo autore nella sua introduzione spiega l'origine di alcune differenze esistenti fra il testo bolognese e quello italiano: del resto, la storia della traduzione dei testi sacri assai interessante, basti pensare alla vicenda della nuova traduzione della Bibbia a cura di Erasmo da Rotterdam per emendare il testo tradotto da San Girolamo (che, nonostante gli errori commessi, ha avuto una tale importanza storica da essere tuttora il patrono dei traduttori). Rovinetti Brazzi spiega anche il motivo di alcune scelte operate per tradurre Il Cantico dei Cantici in dialetto, cos si scopre che il soggetto fittizio "ai", che alcuni parlanti un po' scarsi hanno quasi dismesso, invece non soltanto necessario per parlare in bolognese correttamente, ma risulta anche alquanto utile per tradurre dal greco! Per finire ricordiamo che, nel 2013, Rovinetti ha pubblicato un altro testo religioso in dialetto, I Vangli dal Nadl, di cui si trova la recensione pi sotto. Per saperne di pi sul Cantico dei Cantici in bolognese.


Silvano Rocca, La Vtta. Poesie in lingua bolognese con traduzioni in italiano, a cura di Luigi Lepri, Bologna : Pendragon 2015, ISBN 978-88-6598-624-0, prezzo 15 euro

 

Silvn Rca (1939-2012) l st un pota bulgnai di pi particolr, con una gran capazit ed żughr con la s lngua, al dialtt bulgnai, e d tirri fra l rmm pi difzzil da catr par ttt chi ter. Ste St al i avva ble dedich un spzi con socuanti dl su poe, ch'l s plen catr anc sparguj in z e in l pr l nstri pgin, parch ai n fva anc d ucain, come quand ai vns fra al Vocabolri Vitli-Lvra, che l ttt i d al fva un pzuln in rmma con una parla ch'al i avva cat dnter. In ste st ai anc la s poe pi cgnus, La Vtta. Ads sta poeṡ la d nmm a un lber, tgn dr da Gign Lvra, publich da Pendragon e finanzi dal'ANCeSCAO ed Bulggna, un'asociazin in dvv Rca l ra st un pz grs. In ste lber ai dimnndi dl su poeṡ, selezion int la gran produzin ed st autur. Al dṡ acs Gign ch'l ft fadga a dlżer i pz da mttri dnter, parch ttt i n dimnndi b e dggn d un pota vair. Al lber, naturalmnt, l int l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna (OLM), adruv da Rca, da Gign e da Pendragon.

Silvano Rocca (1939-2012) stato un poeta bolognese assai notevole, dalla gran capacit di giocare con la sua lingua d'elezione, il dialetto bolognese, componendo rime assolutamente originali. Questo sito gli aveva gi dedicato uno spazio con diversi suoi componimenti, e altri si possono trovare sparsi fra le nostre pagine, perch il Nostro produceva anche versi d'occasione, come dopo la pubblicazione del Dizionario Vitali-Lepri: ogni giorno, Rocca componeva un pezzetto in rima con una parola trovata in quel volumetto. In questo sito c' anche la sua poesia pi conosciuta, La Vita, che adesso d nome anche a un libro curato da Luigi Lepri, pubblicato da Pendragon e finanziato dal'ANCeSCAO di Bologna, di cui Rocca era stato un dirigente. Il libro contiene molte delle sue poesie, selezionate nella vasta produzione dell'autore. Il curatore Lepri afferma di essersi trovato in imbarazzo a scegliere i lavori da inserire, perch tutti sono belli e parlano di un poeta autentico. Naturalmente, il tutto nell'Ortografia Lessicografica Moderna (OLM) utilizzata dallo stesso Rocca, da Lepri e da Pendragon.

 


Gianni Cavriani e Roberto Serra, Canzuntt Bulgnaiṡi - Antologia della Canzone Bolognese: spartiti, accordi, testi in bolognese, traduzioni, Bologna : Pendragon 2014, ISBN 978-8865985526, prezzo 15 euro

La Bla dal Bulgnaiṡ e l editur Pendragon i an ft zntr un'tra vlta: ai ra apanna vgn fra l poeṡ ed Gign Lvra (cfr. qu stta), che sbbit dpp ai salt fra ed lng anc Canzuntt Bulgnaiṡi, un'antolog ed mṡica ptrugnna da sunr e da cantr. S, parch Bertn Sra l trascrtt int l'OLM i tst dl canzuntt e al muṡizssta Żvann Cavarin, adiritra, al i mss al spart e i s acrd: acs, ttt qu ch'i n bn ed lżer al pentagrma, ed gratr la chitra e anc ed scantarlr i pran divartres con i clsic dla canzunatta ed Bulggna! L' una gran bl'ida par pasr una bla serta in barca, ṡmurznd la televiṡin e invidnd i s amg a str algher con un bl zucn ed vn. I d autr i an av dimnndi drma e ssta, parch i an ft una bla selezin ed pz cgnus, ch'i praticamnt di nno ed Bulggna, pr eṡnpi L ra Faṡl e Pirn al Furnr ed Mṡi o La Madunṅna dal Burg San Pr ed Qunto Ferri, insmm a dl canzuntt dimnndi inpurtanti par la nstra leteratra, cunpgna Pr ed Cavrra ed Fusto Carpn o Al Barcarl dal Trabb ed Zaiṡer Malservisi, snza dscurdr i pzuln ch'i n dvint famṡ grzie a Adriann, Marin Mdici, Agustn Sassi e v ed ste ps. Ai anc dl canzuntt "popolr", ch'al srv a dr ch'an s cgnss brṡa l autur mo che la żnt i li an snper cant dimnndi vluntra int li ustar, pr eṡnpi La mchina żla, La Fra ed San Lżer, Mar la Gurza, Al sulfanr, ecz. I d autr i an ft una pccola introduzin, Żvann par la prt muṡichl e Bertn par la prt dialetl, ch'la d una man al letur pr adruvr ste lber. Frza pr, ttt a cantr!

La Compagnia del Bolognese e l'editore Pendragon hanno fatto centro un'altra volta: erano appena uscite le poesie di Luigi Lepri (cfr. sotto) che subito sono state raggiunte da Canzuntt Bulgnaiṡi, antologia musicale petroniana da suonare e da cantare. Infatti, Roberto Serra ha trascritto in OLM i testi delle canzoni e il musicista Gianni Cavriani ci ha addirittura aggiunto lo spartito e gli accordi, a beneficio di tutti quanti sappiano leggere le note e suonare un po' la chitarra e cantare, per divertirsi con i classici della canzone di Bologna: un'idea per passare una serata di baldoria, spegnendo la televisione e invitando gli amici a trascorrere un momento in allegria vuotando un fiasco di vino. I due autori si sono particolarmente distinti nella selezione dei pezzi, alcuni cos conosciuti da essere diventati degli inni di Bologna (L ra Faṡl e Pirn al Furnr di Carlo Musi o La Madunṅna dal Burg San Pr di Quinto Ferrari), altri molto importanti per la nostra letteratura (Pr ed Cavrra di Fausto Carpani o Al Barcarl dal Trabb di Cesare Malservisi), senza dimenticare i brani resi famosi da Adriann, Mario Medici, Agostino Sassi e cos via. Non mancano le canzoni "popolari", nel senso che non se ne conosce l'autore ma che sono sempre state in voga nelle osterie, come La mchina żla, La Fra ed San Lżer, Mar la Gurza, Al sulfanr, ecc. Aprono il libro due introduzioni, una musicale firmata da Cavriani e una dialettale ad opera di Serra, per aiutare il lettore a utilizzare il libro con profitto. Forza, tutti a cantare!


Luigi Lepri (Gign Lvra), Rime e zirudl in dialetto bolognese, con traduzione in italiano, Bologna : Pendragon 2014, ISBN 978-8865985496, prezzo 13 euro

Gign Lvra l n di autr pi preṡnt in ste St, e a i avn anc dedich una pgina pr l su poeṡ e ativit. In tant n ch'al s d da fr pr al dialtt bulgnaiṡ, ai n d ed ttt i ti, fagnd stra l ter dl traṡmisin ala rdio, dl rubrc int i giurnl, d vocabolri e una mccia ed sert con Fusto Carpn, in dvv che Fusto al canta e Gign al lż l poeṡ ed dimnndi autr e, gni tant, anc nna dl su. Per an i ra mi st un lber ch'al publichss i s pzuln, e acs fenalmnt ads l vgn fra. Gign an vl brṡa ciamr i s pzuln dl poeṡ, anc s'ai n socunt ch'i prnn benssum ser cunsidr acs, cum al dṡ Dagnl Vitli int la s prefazin. Secnnd al slit pr i vulmm publich da Gign e dal editur Pendragon, anc quasst che qu l scrtt int l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna (OLM), adruv anc da ste St. In copertṅna, cum av ble vsst spass, ai un dsaggn ed Naca (Augusto Majani), un ilustradur bulgnaiṡ ch'al s fva dr dal v ai tnp ed Carln Mi. Per l poe ed Gign l n n bra fti sul par cuntr di qu dal pas: ai n anc socuanti ch'li n dimnndi mudrni, pr enpi "Sparr" o i t pzuln ch'i tchen con "Lna chegadbbi". A ttt i letr a i augurn un bn lżer, e al autur a i dn un'ida: frza Gign, pbblica bn anc i pz che stavlta i n n bra vgn fra!

Luigi Lepri uno degli autori pi presenti in questo sito, che gli ha anche dedicato una pagina per le sue poesie e attivit. In tanti anni di lavoro per il dialetto bolognese, ne ha fatte di tutti i colori, ad esempio trasmissioni radiofoniche, rubriche sui giornali, due dizionari e un gran numero di serate insieme al cantante Fausto Carpani, in cui Gign legge le poesie di vari autori e, ogni tanto, anche qualcuna delle sue. Mancava per un libro che pubblicasse i suoi pezzi, e finalmente la lacuna colmata. Gign non vuol chiamare poesie i suoi componimenti, anche se alcuni potrebbero benissimo portare questo nome, come nota Daniele Vitali in prefazione. Come negli altri volumi pubblicati da Gign e dall'editore Pendragon, anche stavolta si usa l'Ortografia Lessicografica Moderna (OLM), utilizzata anche da questo Sito. In copertina, come nei lavori precedenti, campeggia un disegno di Nasica (Augusto Majani), un illustratore bolognese celebre ai tempi di Carlo Musi. Per le poesie di Gign non servono solo a rievocare il passato: alcuni pezzi sono assai moderni, come "Sparr" o gli otti componimenti che cominciano con "Lna chegadbbi". A tutti auguriamo buona lettura e all'autore diamo un suggerimento: perch non pubblicare prossimamente anche i lavori finora inediti?


Fedora Servetti Donati, Rime e rimatori dialettali bolognesi dall'ottocento ai giorni nostri. Appunti di storia locale, Budrio : Comune 2013

Nuter dal St Bulgnaiṡ avn ble scrtt socuanti vlt che Bdri l una spzie ed secnnda capitl dialetl dla nstra pruvnzia. Defti, Tizin Caṡla da dimnndi n l in d ed ttt i ti pr al dialtt budriaiṡ, fagnd di crs pr i cnno e pr i grand, urganiżnd di spetcuel, tgnand dr ai "Quadren pr al dialtt" publich dala Cmṅna ed Bdri e v ed ste ps. I budriṡ per i s fan lṡer al pail parch i n lsen brṡa Caṡla da par l: defti ai di autr nv ch'i an inpar a scrver al dialtt con l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna (OLM) grzie a Caṡla, e che p i tren ed lng par la s cavdgna, cme pr eṡnpi la Gioconda Can, snza dscurdres che Clavin Tugnl l ble publich d lbr ed poe in budriaiṡ, e defti la recensin prmma ed quassta la dscrr prpi ed l. E p ai i autr ch'i n n pi con n, cme Sergio Vecchietti e Giordano Villani, e p ai socunt tr autr ch'i an lavur pi indr int al tnp e che, frsi, i n srnn mi st dscurt snza la Fedora Servetti Donati. St'autrz, ch'la s las dal 2003, l'ra una personalit di stdi e dl rizairc dal s pajaiṡ e anc dimnndi pi in l: la s ocup ed ttt quall ch'al girva aturn a Bdri, e dnca anc dal dialtt, che anca l al le savva puld. Defti, dal 1982 la f una confernza pbblica sura la poeṡ int al dialtt ed Bdri ch'la d curg' a Caṡla a tachr a scrver anca l e che l' av cme sguit una srie d stdi, ch'i dvintnn p un librtt che ormi an s catva pi. Sich dnca, l n pas, s fila, la Lorenza Servetti ch'a ps vdder int la fotograf dla pgina di arcurdn bulgnṡ con un cartl scrtt in dialtt, l' dezṡ ed turnr a publichr cal librtt coi stdi ed s mder mo anc con di b stanpn d una vlta e con dimnndi tst ed poeṡ e zirudl. P la i anc insfilz un'apendz in duv ai anc la rba di scritr pi reznt ch'a in dscurven prmm, cunpraiṡ Fusto Carpn che, anc s'al scrv es al canta in bulgnaiṡ parch l st adut da Bulggna da un bl pz, per l snper tgn s l su radṡ budriaiṡi. Insmma, par savairen de pi sura la leteratra budriaiṡa in dialtt, bsta ch'a dmanddi in Cmṅna cum as f pr avair al bl lber dla Fedora e dla Lorenza Servetti!

Sul Sito Bolognese abbiamo gi scritto varie volte che Budrio una specie di seconda capitale dialettale della nostra provincia. Infatti, Tiziano Casella da tanti anni si d continuamente da fare per il dialetto budriese, tenendo corsi per bambini e adulti, organizzando spettacoli, curando la collana dei "Quaderni per il dialetto" pubblicati dal comune di Budrio e cos via. I budriesi per spiccano per non aver lasciato Tiziano da solo: ci sono infatti autori nuovi che hanno imparato a scrivere il dialetto con l'Ortografia Lessicografica Moderna (OLM) grazie allo stesso Casella e che ora continuano a produrre autonomamente, come ad es. Gioconda Can, senza dimenticare che Claudio Tugnoli ha gi pubblicato due libri di poesi in budriese, di cui parla proprio la recensione precedente a questa. Ci sono poi autori da poco scomparsi come Sergio Vecchietti e Giordano Villani, e poi vari altri che risalgono al passato e che, forse, non sarebbero mai stati scoperti senza il lavoro di Fedora Servetti Donati. L'autrice, che ci ha lasciato nel 2003, era una personalit nel mondo della ricerca, non solo di Budrio: si occupata di tutto ci che riguardava il suo paese, e quindi anche del dialetto, che parlava correttamente. Infatti, nel 1982 tenne una conferenza pubblica sulla poesia dialettale budriese, che incoraggi Casella a cominciare a scrivere e che fu seguita da una serie di studi, divenuti poi un libretto ormai introvabile. per questo che, l'anno scorso, sua figlia Lorenza Servetti (ritratta dal nostro Sito con un cartello scritto in dialetto), ha deciso di ripubblicare quel volume con gli studi della madre ma anche con delle belle foto d'epoca e svariati testi di poesie e zirudelle. Ha anche inserito un'appendice coi lavori degli scrittori pi recenti sopra citati, fra cui si trova anche Fausto Carpani che, pur scrivendo e cantando in bolognese in quanto da molto tempo bolognese d'adozione, ha per sempre tenuto alle sue origini budriesi. Insomma, per saperne di pi sulla letteratura dialettale budriese, basta chiedere in Comune come trovare il bel libro di Fedora e Lorenza Servetti!


Claudio Tugnoli, Terra terra inesausta matrice. Poesie dell’infanzia budriese, San Cesario di Lecce : Manni 2014 - ISBN 978-88-6266-561-2, prezzo 13 €

Clavin Tugnl l nd ala Mżulra d Bdri, anc s'al st ed c a Trnt, in duv l insgn filoṡof al lico e al'universit. L scrtt socunt lber in itaglin, ed filoṡof mo anc ed poeṡ, e p dal 2012 l publich al s prmm libartn ed poeṡ int al dialtt budriaiṡ, Gli anni riapparsi in umilt di gloria, che ste st l in f la recensin dignd ch'l ra prpi un bl qul ch'ai fss salt fra un autur nv ch'al scrivva dla poe bna in dialtt, par de pi con l'urtugraf gissta (par quall l ra st ajut da Tizin Cala, un gran drg che, pr al dialtt budriai, l in d ed ttt i ti). Anc stavlta avn un bl libartn ed poe in budriai, con l'urtugraf mssa a pst da Cala, con un tttol in itaglin leterri e publich dal stass editur dla Bs'Itglia, ch'as vadd che al bulgnai e i s frad i i pien anc a l. In pi, ai un'apendz dl autur pna ed filoof, e una prefazin ed Dagnl Vitli che, dpp avair spiegh socunt qu sura l poe ed Tugnl, al f una descrizin e una clasificazin dal budriai. Al lber al sr preent in utbber a Budr opr ala Mżulra, intnt a ps lżer la prefazin con un bl clcc.

Claudio Tugnoli nato a Mezzolara di Budrio, anche se abita a Trento dove ha insegnato filosofia al liceo e all'universit. Ha scritto alcuni libri in italiano, di filosofia ma anche di poesia, e nel 2012 ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie dialettali, Gli anni riapparsi in umilt di gloria, che qui recensimmo a suo tempo osservando come fosse positiva l'apparizione di un nuovo autore di poesia di buona qualit in dialetto, oltretutto in ortografia corretta (pregio quest'ultimo per il quale stato decisivo Tiziano Casella, genius loci budriese attivissimo per il locale dialetto). Anche stavolta ci troviamo di fronte un bel volumetto di poesie in budriese con l'ortografia curata da Casella, un titolo in italiano letterario e lo stesso editore salentino dell'altra volta, che a quanto pare apprezza quanto noi bolognese e dialetti affini. Inoltre, ci sono un'appendice filosofica dell'autore e una prefazione di Daniele Vitali che, dopo aver formulato alcune riflessioni sulle poesie di Tugnoli, descrive e classifica il dialetto budriese. Il libro sar presentato in ottobre a Budrio o a Mezzolara, intanto potete leggere la prefazione con un semplice clic.


Matteo Nunzi, La vci dela Mnima. La Madnna a l'Ulivto e Vejjte nantra mulica. La storia delle apparizioni mariane del 1943 a Lugnano in una cronaca dell'epoca e altri racconti in lingua locale dalla valle del torrente Minima nell'Altotevere umbro. Proposta ortografica di Daniele Vitali, Trestina : Sabbioni 2014 - ISBN 978-88-909564-1-6, prezzo 18 €

Matteo Nunzi l un ragz ed 25 n nd a Lugnn, una frazin ed Citt di Castello. Ste Castl al n bra Castl Mażur o Castl d Ajn, mo un st piotst luntn da Bulggna, pst ch'al s atrva int la vl dal Tvvere, al fimm ch'al ns (pr un pail) int la pruvnzia ed Furl e p al psa par la pruvnzia d Arżż, dpp par l'mmbria e da l fn a Rmma. Nonostnt quasst, i dialtt ed Castl e d Lugnn (ch'i s arven mo i n n bra prpi l istss qul) i n interesnt anc par nuter, prmma d nna parch i dialtt i s pien ttt, e p parch sta prt dl'mmbria setentrionl l' ciap dimnndi dal'Emgglia-Rumgna, masmamnt int l vuchl. Int al febrr dal 2013, in st mnter che Dagnl Vitli l ra inpgn a scrver al s lber sura i dialtt rumagn insmm a Davide Pioggia (cfr. la recensin qu stta), l st cuntat da Mato ch'al vlva un ajt par dezder cum s avss m da scrver ste dialtt dl'Itglia Zentrl mo con l vuchl acs ingunbi par culpa ed nuter rumagn e emiglin. Acs ttt d i s n mss a lavurr, Mato registrnd dla żnt ed Castl e d Lugnn (pr enpi s pder Franco e d parsung' fam a Castl, Dino Marinelli e Giovanni Ottaviani), Dagnl ascultnd ttta cla rba e pruvnd ed pruprr un'urtugraf ch'l'andss bn pr al lugnanai. Quand al i ariv d ura, Mato al l' adruv pr al s lber canbind dimnndi pc, e Dagnl l in aprufit ed ttt al lavurr ch'l avva ft par scrver un capttol sura a Castl e a Lugnn int al lber s i dialtt rumagn. Acs al s lber e quall ed Mato i n vgn fra praticamnt insmm, n in żnr e cl tr in febrr dal 2014. Al lbr ed Mato, ch'l anc dl bli fotograf in bianc-e-naigher ch'l vnen dal pas e dli tri a culr fti dal autur, al tca con un'introduzin pna ed sapinza scrtta in itaglin, p ai una prupsta ortogrfica ed Dagnl e dpp as tca con dl gran stri ttti in lugnanai. Al lber l st preent ai 29 ed mrz al lico clsic ed Castl, con Mato, Dagnl e anc Utavin e Marinl, ch'a i vd int la fto n a man stanca e cl'tr a man drtta ed Dagnl, dnanz a dimnndi studnt dal lico e a dimnndi parsn pi in et ch'i dscrren puld in dialtt, parch al castln, e anc de pi al lugnanai, i n anc piotst adruv dala s popolazin. Ai anc un st dedich al lber, in lugnanai, itaglin e inglai, e p a ps anc vdder la prupsta ortogrfica. Sta fazannda, ch'la n gnanc fin parch Mato al vrv scrver una gramtica lugnanaia snper con la consulnza ed Dagnl, la f da vdder che grzie al dialtt as pl fr amizzzia es as pl lavurr insmm anc con tant chilmeter ed distanza e con di dialtt acs difarnt.

Matteo Nunzi un venticinquenne nato a Lugnano, frazione del grande comune castellano. Non si tratta di Castelmaggiore o Castel d'Aiano, ma di Citt di Castello, localit posta nella valle del Tevere, il fiume che (per poco) nasce in provincia di Forl-Cesena e poi scorre attraverso la provincia d'Arezzo e l'Umbria, fino ad arrivare a Roma. Nonostante ci, i dialetti di Castello e Lugnano (simili fra loro ma non identici) sono interessanti anche nella nostra prospettiva, anzitutto perch i dialetti ci piacciono tutti, e poi perch questa parte dell'Umbria settentrionale ha subito un forte influsso linguistico dell'Emilia-Romagna, in particolare per quanto riguarda il vocalismo. Nel febbraio del 2013 Daniele Vitali, mentre lavorava con Davide Pioggia al libro sui dialetti romagnoli (cfr. la recensione qui sotto), stato contattato da Matteo, che gli chiedeva aiuto per fissare l'ortografia di questo dialetto dell'Italia Centrale dal sistema vocalico cos complicato per influenza emiliano-romagnola. cos iniziata la collaborazione, con Matteo che registrava castellani e lugnanesi (come suo padre Franco e due personaggi noti di Castello quali Dino Marinelli e Giovanni Ottaviani) e Daniele che, ascoltato tutto quel materiale, doveva proporre un'ortografia adatta in particolare per il lugnanese. Quando c' riuscito, Matteo ha adottato quasi interamente quel sistema per il suo libro, mentre Daniele ha colto l'occasione per parlare del castellano e del lugnanese anche in un capitolo del suo libro sui dialetti romagnoli. Cos i due lavori sono usciti praticamente insieme, uno nel gennaio e l'altro nel febbraio del 2014. Il libro di Matteo, corredato da fotografie storiche in bianco e nero e scatti a colori dello stesso autore, si apre con una profonda introduzione seguita dalla proposta ortografica di Daniele, dopodich iniziano i racconti in lugnanese. Il volume stato presentato il 29 marzo al liceo classico di Castello, con Matteo, Daniele e anche Ottaviani e Marinelli, che potete vedere nella foto uno a sinistra e l'altro a destra di Daniele, davanti a diversi studenti del liceo e a numerose persone pi adulte che parlano bene il dialetto perch il castellano, e ancor pi il lugnanese, sono ancora piuttosto in voga tra la popolazione. Al libro anche dedicato un sito trilingue (lugnanese, italiano e inglese), inoltre si pu consultare la proposta ortografica. Questa vicenda, che avr un seguito poich Matteo vorrebbe scrivere una grammatica del lugnanese sempre con la consulenza di Daniele, mostra che grazie al dialetto si pu stringere amicizia e collaborare anche con tanta distanza linguistica e geografica.


Daniele Vitali e Davide Pioggia, Dialetti Romagnoli. Pronuncia, ortografia, origine storica, cenni di morfosintassi e lessico. Confronti coi dialetti circostanti. Consulenza fonetica di Luciano Canepari, Verucchio: Pazzini 2014 - ISBN 978-88-6257-180-7, prezzo 20 €

L un pzuln che Dagnl Vitli e Davide Pigia i van d lng a lavurr sura i dialtt rumagn (cum a ps vdder anc ala pgina dla dialetolog dal nster st), mo stavlta i descrven praticamnt ttt i dialtt ed pianra (e anc socunt ch'i n adruv in muntgna), dscurnd dla s fontica, dla s fonolog e dl su trasfurmazin durnt la stria, e p i dan anc socuanti infurmazin sura la gramtica e l parl ed ttt sti dialtt, e par cunpimnt dal mz i mtten anc una prupsta par scrvri pulidn, ch'la s cima Urtugraf Rumagnla Cumṅna (URC), secnnd i prinzppi ch'i ren ble st mustr int i s lavurr prezednt. Ste stdi, ch'al tn dr ala cavdgna dli per ed Friedrich Schrr, al v anc un pz pi in l: defti, ste gran lingussta ed Vinna l avva studi l'evoluzin di dialtt rumagn ttt insmm, in st mnter che Vitli e Pigia i dan ttt i elemnt ch'i i vlven par capr cum la s sppa urganiż la Rumgna dal pnt ed vssta dal dialtt, acs che fenalmnt as pl fr una clasificazin con ttt i s mutv spiegh pulidn. Ai anc na mccia ed parangn con i dialtt ch'i se dscrren ttt d aturn ala Rumgna: qu ed Pṡaro, Bulggna, Frra, Arżnta (FE), Citt di Castello e Lugnn (PG) e p, con l su raṡn, anc Gg' (BO) e Marmirl (MN). Al nster st l dedich una pgina apsta a ste lber, e p, masmamnt, ai la pgina dal Vnt e dal Sul, con na sflza ed versin ed cla sturila d Eṡpo ch'l srven par fr da snter cum i sṅnen ttt sti dialtt. Sta pgina, ch'la trta (e d in man in man la tratar snper de pi) ttt al teritri dl'Emgglia-Rumgna e anc l pruvnzi qu avṡn dli tri regin, l' una sculatta dimnndi ttil par dr un'ida ed ttt i dialtt, e anc par capr al parch dla s clasificazin. Insmma, un lavurr acs da nuter an s ra prpi mi vsst: ai una mccia ed st che fenalmnt as s cum i bacjen, e p ai una mccia d idi ṡbagli che grzie a ste lber l van dntr int al bidn dal rssc!

Daniele Vitali e Davide Pioggia si sono gi occupati a pi riprese dei dialetti romagnoli (come si pu vedere anche alla pagina della dialettologia di questo sito), ma stavolta descrivono praticamente tutti i dialetti della pianura (e anche alcuni della montagna) dal punto di vista fonetico, fonologico ed evolutivo, con diverse informazioni anche sulla morfosintassi e il lessico e la proposta di un'Ortografia Romagnola Comune (ORC) che segue i principi gi enunciati dagli autori nei lavori precedenti. Questo studio, che si inserisce nel solco tracciato dai fondamentali lavori di Friedrich Schrr, va per oltre: infatti il grande linguista viennese aveva studiato l'evoluzione storica dei dialetti romagnoli nel suo complesso, mentre Vitali e Pioggia danno questa volta gli elementi necessari per fare luce sull'articolazione interna della Romagna, consentendo una classificazione motivata dei dialetti romagnoli. Vengono anche fatti vari confronti coi dialetti che circondano la Romagna: Pesaro, Bologna, Ferrara, Argenta (FE), Citt di Castello e Lugnano (PG) e poi, per diversi motivi, Gaggio Montano (BO) e Marmirolo (MN). Al libro dedicata una pagina di questo sito e, soprattutto, va segnalata la pagina Il Vento e il Sole, con le diverse versioni della storiella esopica utili a far sentire come suona ciascun dialetto. Quest'ultima, che riguarda e riguarder via via tutto il territorio dell'Emilia-Romagna e anche le province confinanti delle regioni vicine, gi da s un modo utilissimo di farsi un'idea dei diversi dialetti, per capire i motivi della loro classificazione. Nel complesso, si tratta di un lavoro mai visto nella nostra regione, che copre un gran numero di zone finora mai descritte e sfata tantissimi vecchi miti.


Stefano Rovinetti Brazzi (traduzione di), I Vangli dal Nadl, Bologna : Pendragon 2013, con un CD

I Vangli dal Nadl I Vangli i n ble st tradtt pr al pas: dal 1862, al cnt Carlo Pepoli al publich a Lnndra L Evangli secnnd Mat; dal 1995, Riccardo Nicoletti al mss fra Al Vangli ed nster Sgnur Ge Crsst secnnd San Lcca; Pietro Milizia l tradtt Al Vangli ed nster Sgnur Ge Crsst secnnd San Żvn dal 1997 e L'Apucalssa d San Żvn dal 2000; p ai turn fra un'tra vlta Riccardo Nicoletti con I t di Apstol dal 2001 (avn scrtt ttt i tttol int l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna - OLM, mo par catr cum i i an scrtt i s tradutr a ps andr ala lssta di lber ala fn ed sta pgina). Per ste libartn l socuanti caratersstic difarnti. Prmma d nna, l st tradtt dal uriginl grc, brṡa dal itaglin, parch Stven Ruvintt Brz l insaggna grc e latn al Galvni, e l pins che in sta manra al psva ser pi cunfurum al tst. E p Stven, ch'al f prt dl'Asociazin itaglina di pota in dialtt, l snper st parsuṡ che al dialtt l dimnndi adt par fr dla leteratra, es l snper zarch ed dimustrr st'ida fagnd dl traduzin bli natti e secnnd di critri che una vlta l anc spiegh in Vaticn, quand al preparva ste bl libartn. Anc qu dla Pendragon i dan la cunfairma d ser editr ed prmma qualit: cum avn ble dtt un vaniżn ed vlt, ormi Antonio Bagnoli l praticamnt l "editur ufizil dal dialtt bulgnaiṡ" (e anc pi in l), e al pbblica sul di lber scrtt cum v int l'OLM. Stavlta per al s mss insmm al prt ed San Sigiṡmnnd, sich dnca par cunprr ste librtt biṡggna ch'a guarddi l su istruzin. Un ter cuvln inpurtnt da dr, e che da un pz al f snper prt di lber in bulgnaiṡ dla Pendragon, l ch'ai anc la s vuṡ, mssa int un bl CD con Gign Lvra ch'al lż al tst e monsgnur Giovanni Catti ch'al dṡ socuanti urazin ed nadl.

I Vangeli sono gi stati tradotti in passato: nel 1862, il conte Carlo Pepoli pubblic a Londra L Evangli secnnd Mat; nel 1995 Riccardo Nicoletti cur Al Vangli ed nster Sgnur Ge Crsst secnnd San Lcca; Pietro Milizia ha tradotto Al Vangli ed nster Sgnur Ge Crsst secnnd San Żvn nel 1997 e L'Apucalssa d San Żvn nel 2000; poi stata nuovamente la volta di Riccardo Nicoletti con I t di Apstol del 2001 (abbiamo scritto i vari titoli in Ortografia Lessicografica Moderna - OLM, ma per vedere come li hanno scritti i rispettivi traduttori potete consultare la bibliografia alla fine di questa pagina). Per questo libretto ha varie caratteristiche che lo distinguono dagli altri. Anzitutto stato tradotto dall'originale greco anzich dall'italiano, perch Stefano Rovinetti Brazzi insegna greco e latino al liceo Galvani, e ha pensato che questa modalit gli consentisse di essere pi fedele al testo. Inoltre Stefano, che appartiene all'Associazione nazionale poeti e scrittori dialettali, sempre stato convinto che il dialetto sia molto adatto come lingua letteraria, e ha sempre cercato di dimostrare questa convinzione con belle traduzioni formalmente rigorose, nel rispetto di criteri che una volta ha anche esposto in Vaticano, durante la preparazione di questo bel volumetto. Anche l'editore Pendragon grandioso: come abbiamo ripetuto tante volte, ormai Antonio Bagnoli si pu definire "l'editore ufficiale del dialetto bolognese" (e non solo), e pubblica unicamente libri scritti in OLM. Per quest'impresa poi si consociato con la parrocchia di San Sigismondo, cosicch per acquistare l'opera bisogna seguire le istruzioni apposite. Un altro particolare importante, che da tempo contraddistingue tutti i libri in bolognese della Pendragon, la presenza del supporto sonoro, con un CD in cui Luigi Lepri legge il testo e monsignor Catti recita alcune poesie natalizie.


 Amos Lelli, Roberto Serra, Fl bulgnaii. Favole tradizionali bolognesi, Bologna : Pendragon 2013, ISBN 978-8865981535, prezzo: 20 euro, con un CD allegato

Ste "Fl bulgnaiṡi" l un ter chp lavur ed chi b sugt dla Bla dal Bulgnai in colaborazin con Pendragon, ch'l l editur ed ttt i lber mir publich ultmamnt int al nster dialtt. As trta d un lber con 57 fl dla nstra tradizin, che socunt rizercadr, masmamnt mos dal Cro Steltis e Paolo Giacomoni dal Grpp emiglin, i an ardtt in dimnndi n. P ai ariv mos Lli e Bertn Sra, ch'i an mss ttti stl fl int l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna (OLM) es i an ft un'introduzin pna ed dutrna ch'la s f dr dal v. Ste lber al stppa un b ch'a sintven ttt, parch l'ltma a mttr insmm dl fl l'ra st la Carlla Corondi Brti, con d lber che ormi i n difzzil magra da catr. In pi, in chi d lber an i ra bra dimnndi fl che invzi l s cten qu, e p biggna ażuntri che con al lber as arzvv anc un CD in duv ai la vu ed ttt i fularn ch'i an cunt stl fl. Sicmm ch'i n ttt sparguj int i divrs st dla pruvnzia, i dscrren in di dialtt difarnt, mo al lber l scrtt int al bulgnai dla zit, parch l al pi studi e, par quasst, al pi fzil da scrver. Naturalmnt, d'in man in man ch'ai sr di stdi sura di ter dialtt, as pr fr anc l su versin, mo intnt s'a in vl savair de pi sura i dialtt dla pruvnzia a ps guardr la pgina apsta ed ste St. Per bra trp, parch ai l fl d mos e d Bertn ch'l stan d'asptr d ser lti, e l prpi un gran guazn a lżri, a v al gin n ch'a li avn ble lti ttti! - 2016: recensin dla rivssta dl IBC.

Questo "Favole tradizionali bolognesi" un altro capolavoro di quei bei tipi della Compagnia del Bolognese in collaborazione con Pendragon, editore di tutti i libri migliori usciti ultimamente nel nostro dialetto. Si tratta di una raccolta con 57 favole o fiabe della nostra tradizione, che diversi ricercatori, in particolare Amos del Coro Stelutis e Paolo Giacomoni del Gruppo emiliano, hanno raccolto in tanti anni. Poi sono arrivati Amos Lelli e Roberto Serra, che le hanno trascritte tutte nell'Ortografia Lessicografica Moderna (OLM) e hanno redatto un'introduzione specialistica di tutto rispetto. Questo volume colma una lacuna molto sentita, perch l'ultima a fare una raccolta di fiabe era stata Carolina Coronedi Berti, con due libri ormai quasi introvabili. Oltretutto, non contenevano diverse fiabe presenti invece in questo libro che, va detto, corredato da un CD in cui si sentono le voci dei vari narratori. Poich questi ultimi provengono da tutta la provincia, parlano dialetti diversi, ma il libro stato scritto in bolognese cittadino che, essendo il pi studiato, anche il pi facile da scrivere. Naturalmente, man mano che si approfondiranno le conoscenze sugli altri dialetti, si potranno anche fare le relative versioni, ma intanto per saperne di pi sui dialetti della provincia si pu consultare l'apposita pagina di questo Sito. Senza dimenticare per che le favole di Amos e Roberto sono l in attesa, e fra l'altro leggerle un gran divertimento, come possiamo garantire noi che le abbiamo gi lette tutte! - 2016: recensione della rivista dell'IBC.


Giorgio Campi, F pr snper al t nmmer. 130 poeṡ in dialtt bulgnaiṡ, Bologna : Pendragon 2012, ISBN 978-8865981658, prezzo: 15 euro, con un CD allegato

F pr snpr al t nmmer! A n avven gnanc ft in tnp a fr la recensin dal lber "Urazin al Sgnur, ala Madna, ai Sant" che Pendragon, ciam par schrz "l editur ufizil dal dialtt bulgnaiṡ" (mo ed ste ps an sr pi mgga tant un schrz), l publich un ter vulmm. Stavlta as trta ed 130 poeṡ ed Giorgio Campi, un autur ch'l a quall di s tr lber. Defti, l avva tach con Al sumarnaz e p l ra and d lng con Baci da caf, stanp da di tr editr, ch'i ren prpi belssum, sich Al St Bulgnaiṡ al l avva incurag col su recensin, parch ai ra d avṡ ch'ai fss vgn fra un parsung' inpurtnt dla leteratra bulgnaiṡa. Ads l' una fsta psair dr che al nster Giurgn al n fta un'tra dl su, anzi cum al dṡ al tttol int la copertna, "l ft al s nmmer"! Par finr, du parl s l'urtugraf: al secnnd vulmm l ra ble st mss int l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna da Gign Lvra mo, pr un bli dl editur d alura, i tttol i rn avanz int al md ed scrver vc', adruv int al prmm vulmm (ch'la s capva, mo la n tgnva dr a incinni raiguel). Ads fenalmnt, grzie al ajt d mos Lli, ttt ste trz lber l int l'urtugraf gissta e, cum l ble dtt n di prmm letr: "Che guazn lżer stl bli poe scrtti cum v!". Un'tra bla surpraia l al CD alegh, con 62 poe lti dal autur. Grzie a ttt: Canpi, Lli e Pendragon!

Avevamo appena recensito il libro "Urazin al Sgnur, ala Madna, ai Sant" che Pendragon, soprannominato scherzosamente "l'editore ufficiale del dialetto bolognese" (ma di questo passo non sar pi tanto uno scherzo), ha pubblicato un altro volume. Stavolta si tratta di 130 poesie di Giorgio Campi, un autore arrivato alla terza raccolta. Aveva infatti cominciato con Al sumarnaz e continuato con Baci da caf, per i tipi di altri editori: due lavori bellissimi, che avevano indotto Il Sito Bolognese a incoraggiarlo tramite recensioni positive, ritenendo che fosse emerso un personaggio importante della cultura bolognese. Adesso un lieto evento poter annunciare un altro exploit dell'autore, il quale, come dice il titolo in copertina, "ha fatto il suo numero"! Per finire, due parole sull'ortografia: il secondo volume era gi stato messo nell'Ortografia Lessicografica Moderna da Luigi Lepri ma, per una svista dell'editore di allora, i titoli erano rimasti nel vecchio sistema grafico, quello usato nel primo volume e che era comprensibile ma non seguiva praticamente regole. Adesso, finalmente, grazie all'aiuto di Amos Lelli, l'intero terzo libro scritto correttamente e, come ha gi commentato uno dei primi lettori: "Che piacere leggere queste belle poesie scritte bene!". Un'altra bella sorpresa il CD allegato, con 62 poesie lette dall'autore. Grazie a tutti: Campi, Lelli e Pendragon!


Urazin al Sgnur, ala Madna, ai Sant. La preghiera in dialetto bolognese, a cura di Gabriella Gallerani, Enrico Pagani, Roberto Serra, Bologna : Pendragon 2012, ISBN 978-8865981481, prezzo: 15 euro

San Ptrni In ste lber a catar dli urazin e di sarmn in dialtt ed Bulggna e di s dintren: pr gni pz ai scrtt al nmm dal rizercadur e dl infurmadur, e p anc al nmm dal st, sich dnca al vulmm as pl adruvr anc par vdder cum a se dscrr int un zrt pajaiṡ dla nstra pruvnzia (e anc a Castelfrnc e Pimz, in duv as adrva un dialtt ed tp bulgnaiṡ, nonostnt che sti d paṡ i sppen fin in pruvnzia ed Mdna int i n Vnt dal Novznt). Ai un'introduzin ed Bertn Sra ch'la spiga incsa (anc la quistin dl'urtugraf: quand i an ps, i curadr ed ste lber i an adruv l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna ed ste St), e p anc dl bli riproduzin ed santn, dala colezin d Enrico Pagani. La preṡentazin ed ste vulmm, publich da Pendragon ch'l' ormi "l editur ufizil dal dialtt", la sr ai 24 ed li, mo a ps ble snter Bertn Sra a spieghr socunt cuvln int la preṡentazin fta par televiṡin e a qualla fta in librar!

In questo libro troverete preghiere e sermoni dialettali di Bologna e dintorni: per ogni pezzo indicato il nome del ricercatore e dell'informatore, nonch quello della localit, per cui il volume si pu utilizzare anche per studiare la parlata di vari luoghi della nostra provincia (nonch di Castelfranco e Piumazzo, nonostante i due paesi siano stati aggregati alla provincia di Modena negli anni '20 del '900). L'introduzione di Roberto Serra spiega la metodologia (e l'ortografia: quando stato possibile, si impiegata l'Ortografia Lessicografica Moderna usata anche da questo Sito), e ci sono delle belle riproduzioni di santini tratti dalla collezione di Enrico Pagani. La presentazione del libro, pubblicato da Pendragon che ormai si pu considerare "l'editore ufficiale del dialetto", si terr il 24 luglio, ma per un'anteprima con Roberto Serra potete dare un'occhiata alla presentazione in TV e alla presentazione in libreria!
 


Davide Pioggia, Fonologia del santarcangiolese, prefazione di Giuseppe Bellosi, con un'appendice di Daniele Vitali e Luciano Canepari, Verucchio : Pazzini 2012, ISBN 978-88-6257-107-4, prezzo: 60 euro

Fonologia santarcangiolese Biggna prpi dr che al dialtt rumagnl ed Santarcnżel l una gran furtṅna: an bastva la s leteratra dimnndi inpurtanta (pr eṡnpi, l poeṡ ed Tonino Guerra, Raffaello Baldini o Gianni Fucci), ads ai anc vgn fra ste stdi prufnnd, sri e bn urdin ed Davide Pioggia, "Fonologia del Santarcangiolese": ai 673 pgin ed spiegazin e d tst mss int un'urtugraf che da par l la d ble un'ida eṡta dal sistma fonolgic, e p ai un gran nndiz e anc un artccol ed Dagnl Vitli e Luzin Canepri (che dal 1995 i avven lavur ala stassa manra sura al dialtt bulgnaiṡ) s l particolarit dla prunnzia dal dialtt ed Santarcnżel. Int la s introduzin, Giuseppe Bellosi al d, e l prpi ran, che Pioggia l "un linguista a chilometro zero", parch, in pi d avair cr e nma pr i s qu, al st anc prpi a Santarcnżel, e al vdd i parlnt ttt i d, anc se i tchen a vgnr vc'. Biggna anc dr che ste vulmm l st pins pr ser al prmm ed ttta una sflza ed stdi sura ste dialtt (dpp ala fonolog, ai da vgnr fra la gramtica con la costruzin dla fr), e che Pioggia al s ble ocup dal riminaiṡ insmm a Dagnl Vitli, e p l ft di ter lavurr inpurtnt s i dialtt rumagn, snza dscurdr al gran bl st www.dialettiromagnoli.it. Anc se Al St Bulgnai al dscrr masmamnt dal dialtt ed Bulggna e di s dintren, a n psven bra fr da manc ed segnalr ste gran librn, che par n l un enpi ed dialetolog emiglina-rumagnla bn fta: i dialtt dla nstra regin i n n gnanc st studi cum i meritarnn, nonostnt che int l'universit ed Bulggna ai sppa una ctedra ed dialetolog (e ste lber naturalmnt, cunpgna a ttt chi ter lber inpurtnt vgn fra da sti n, l st ft snza ne ajt e ne incoragiamnt da cla catdra inttil).

Fortunati i dialetti che, come quello di Santarcangelo di Romagna, oltre a vantare una produzione letteraria di tutto rispetto (basti pensare alle poesie di Tonino Guerra, Raffaello Baldini o Gianni Fucci), sono anche oggetto di uno studio approfondito, rigoroso e sistematico come questo volume di Davide Pioggia "Fonologia del Santarcangiolese": 673 pagine di spiegazioni e testi letterari messi in un'ortografia che gi di per s una buona descrizione del sistema fonologico, seguiti da un corposo indice analitico e da un articolo di Daniele Vitali e Luciano Canepari (che nel 1995 avevano compiuto un analogo lavoro proprio riguardo al dialetto bolognese) sulle peculiarit fonetiche del santarcangiolese. L'introduzione di Giuseppe Bellosi definisce giustamente Pioggia "un linguista a chilometro zero", facendo osservare che, oltre ad essere competente e appassionato, anche presente sul territorio, e ha un rapporto quotidiano coi parlanti, ormai sempre pi anziani. Va aggiunto che questo volume concepito come il primo di una serie di studi sul santarcangiolese (dopo la fonologia prevista ad es. la morfosintassi), e che Pioggia ha al suo attivo uno studio sul riminese fatto con Daniele Vitali e altri lavori importanti sui dialetti romagnoli, fra cui l'eccellente sito www.dialettiromagnoli.it. Anche se Il Sito Bolognese si occupa soprattutto del bolognese e dintorni, non poteva non segnalare un lavoro come questo, che rappresenta un esempio nella dialettologia emiliano-romagnola, ancora non studiata sufficientemente malgrado esista una cattedra di dialettologia all'universit di Bologna (ma questo lavoro, come tutti gli altri lavori importanti degli ultimi anni, uscito a prescindere da quella cattedra).


Claudio Tugnoli, Gli anni riapparsi in umilt di gloria. Poesie in dialetto budriese, San Cesario di Lecce : Piero Manni 2012, ISBN 978-88-6266-405-9; prezzo: 13 euro

Poeṡ in budriaiṡ Anc se al tttol al f pinsr a dla leteratra itaglina, ste lber, publich da un editur dla Pgglia l ... una raclta ed poeṡ int al dialtt ed Bdri, par żnta scrtti da un autur ch'al st ed c int al Trintn! Quasst al bastarv par dṡdr la curioṡit dal pbblic, mo biṡggna anc ażuntri socunt cuvln: l poeṡ li n di arcrd d infanzia, e al protagonssta l quṡi snper al pder dl autur, ch'al rapreṡnta l virt antghi ed chi men ch'i lavurven da br a br, i tgnven snper la parla e i guardven al mnnd snza fres inbarluchr dai qu nv ch'i slten fra. Naturalmnt, ai anc di ter parsung', come l autur fangn e p cnno e żuvnt, s mder, l bsti dal curtl, i vṡn ed c (che in budriaiṡ i s cimen vṡinnt), i fenmen dla natra. Ai di chṡ che, anc se Clavin Tugnl al cnta la s stria, ai n sppa di ter ch'i s arcgnssen in quall ch'al dṡ, e brṡa sul a Bdri. Al vulmm al finss con una spiegazin ed Tizin Caṡla, che da tant n ai d ed ttt i ti pr al dialtt a Bdri, con di riṡultt spetacolṡ (e n l prpi quall d avair mss tant ter paiṡn a scrver). L st prpi Caṡla ch'l mss l poeṡ ed Tugnl int l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna, naturalmnt adat al dialtt ed Bdri (in duv as dṡ galna e lna invzi che galna e lna), in md e manra che al lber l interesnt anc dal pnt ed vssta lingusstic, parch scrivnd al dialtt cum v as pl fr da capr anc ai bulgnṡ, ai muntanr, ai mudnṡ, a qu dla Bsa Itglia e anc a qu ed fra v cum al sṅna al dialtt ed sta spzie ed secnnda capitl lingusstica dla nstra pruvnzia.

Malgrado il tenore letterario italiano del titolo, questo libro, pubblicato da un editore pugliese, ... una raccolta di poesie nel dialetto di Budrio, per di pi scritte da un autore residente in Trentino! Tanto basterebbe per risvegliare la curiosit del pubblico, ma vanno aggiunti altri particolari: le poesie riguardano ricordi d'infanzia, il cui protagonista quasi sempre il padre dell'autore, che rappresenta le virt di quegli uomini di una volta che lavoravano dalla mattina alla sera, mantenevano sempre la parola data e guardavano con distacco le novit mondane. Naturalmente, ci sono anche altri personaggi, come l'autore prima bambino e poi adolescente, sua madre, gli animali da cortile, i vicini di casa, i fenomeni naturali. probabile che, anche se Claudio Tugnoli scrive in chiave autobiografica, altri si riconoscano nelle sue vicende, non soltanto a Budrio. Il volume si conclude con una spiegazione di Tiziano Casella, che da tanti anni attivissimo per il dialetto budriese, con risultati spettacolari (uno dei quali proprio quello di aver spinto a scrivere tanti suoi concittadini). stato lo stesso Casella a volgere le poesie in Ortografia Lessicografica Moderna, ovviamente adattata al budriese (in cui "gallina, luna" sono galna, lna laddove il bolognese cittadino ha galna, lna): in questo modo il libro interessante anche dal punto di vista linguistico perch mostra agli abitanti della provincia, della regione, d'Italia e del mondo come si parla in questa specie di seconda capitale dialettale della nostra zona.


Dialetto bolognese ieri e oggi. Raffronti fra vocaboli, Bologna : Pendragon 2011, ISBN 978-8865980774; prezzo: 13 euro

Dialetto bolognese ieri e oggi - Raffronti fra vocaboli Al prmm lber ed Gign Lvra al f "Dialetto bolognese ieri e oggi. Raffronti fra vocaboli", ch'al vgn fra dal 1986 publich da Tamari. Da cla vlta, Gign l scrtt dimnndi vulmm sura al bulgnaiṡ, ch'a in cat l recensin int al nster St, ttt n pi bl e interesnt che cl ter. Quasst che qu per l inpurtnt parch al spiga cum as pl dscrrer adruvnd l parl gissti dal nster dialtt, invzi che snper di vocbol itaglin dialetiż, in md e manra che ala Pendragon i an dezṡ ed turnrl a publichr, anc parch ormi in gr an s catva pi. Alura Gign al s mss a preparr sta versin nva dal s lber: prmma d nna, l' scrtta int l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna, che ads ttt i lber bn scrtt i l'adrven (cunpgna Al St Bulgnaiṡ, naturalmnt), e p par cunpimnt dal mz ai dimnndi parl ch'l manchven int la prmma edizin dal 1986, arivnd a 651 parl! E acs, frza pr ragz: bra dr Nascst mo Arpiat, bra Salumr mo Lardarl, bra Inteliginza mo Capss, bra mid mo Slda e v ed ste ps!

Il primo libro di Luigi Lepri stato "Dialetto bolognese ieri e oggi. Raffronti fra vocaboli", uscito nel 1986 per i tipi di Tamari. Da allora, il nostro autore ha scritto diversi volumi sul bolognese, di cui potete trovare le recensioni sul Sito, uno pi bello e interessante dell'altro. Questo per particolarmente importante perch spiega come parlare in bolognese con parole genuine, e non con vocaboli italiani dialettizzati: pertanto, la Pendragon ha deciso di ripubblicarlo, anche perch era esaurito. Gign allora ha preparato questa nuova versione del suo libro: anzitutto scritta nell'Ortografia Lessicografica Moderna, usata ormai da tutti i libri bolognesi di buona qualit (e da questo sito, naturalmente), inoltre vi si trovano numerose parole mancanti nella prima edizione del 1986, per un totale di 651 vocaboli! E allora forza e coraggio: non diciamo Nascst ma Arpiat, non Salumr ma Lardarl, non Inteliginza ma Capss, non mid ma Slda e cos via!

Recensin in vrs dl ltum lber ed Gign Lvra
fta da Silvn ed Rca, dṡmmber dal 2011

A Gign,
arsusitadur dal vc’ dialtt

Gign, con la s ṡghssa ed vc’ dialtt,
l vl, subitni, l parl arsusitr
caz, par picnndria, int un castt
ch’as f na gran ṡgangh a vlairli druvr.

Chi inc al dṡ: al pchr, al lardarl,
al marangn, l astnt, l arcurdadur,
al chelcafi, la scafatta, al culazl,
ṡlapazcc, in patja, inventadur?

Con ste bl gner ch’al n mi dṡuvr
parch an fga al zff mo un bl zriṡn
ṡmitn ed dr acrt invzi che ad,

mi druvr drp in lg ed zindaln,
e par fri g’, mo prpri puras,
giṅni indrtt al mustz: tersu, Gign!

 

Int un’ustar (trssta)

Nuter a n s fn brṡa inbarbajr
dal st ch’as vl dr vn bastun,
parch a inspultr la gula a sn avi
con dl bni pcun par adacer

cla burgunżla acat da Tanburn
con ttti cli incivv acs sal
e masmamnt un parstt bn staṡun,
che la sfitladura l' taj bl fn.

Cs'l quasst? Un ṡvanzi ed turciadra?
Saggna int n’ustar o int un bevil?
Stivo! S'a vln andr a psta sicra

curn a bvver l par l int un ril,
che sinchen a finn ttt intuṡgh
e ala findga dla fla a sn ariv.

 

La canbiazin

Al pr ed dr na gnggṡa, mo butir
parch a Bulggna ai st una canbiazin
e i qi d na vlta an s i pl pi catr
l un qul da matarlcc, da sanpagnn.

Dnca, an i biṡggn ed str a ṡbrajr
par vlair fr, intinimd, al zizern,
al tnp al psa in frazza e al vl dstlr
incsa, e fr di scudz col tradizin.

Acs a se dscrr un dialtt inzingan,
al le bacja ognn a s dscherzin,
an i pi gsst a fr bli dardl

snza mi dr parcantgglia e bużarn,
in gavardṅna, bagnl, tvla amanv,
e dpp andr a cubir e prilr galn.

L armu

L ra arṡg
turn a c
a bl ṡi
al sgnr Nu

che al cat
int l armu
un brtt scailter
ch’l ra l.

Ala spuṡa
s al suf
ch’l’ra in p
d tr al caf

e a magnr
di flanbu
col mustz
ttt inzufl

l ai tir
sta ṡ-giarun:
Chra Gigglia,
t an t ad

che un t amg
l ra qu asr?
Am d avṡ
ch’at l r dscurd!


Loriano Macchiavelli, Ṡgunbi, I segrt dla Zit, Bologna : Pendragon 2011, ISBN: 978-8865980460, prezzo: 16 euro - traduzione di Federico Galloni, revisione di Amos Lelli, consulenza linguistica di Luigi Lepri e Daniele Vitali

Ṡgunbi, I segrt dla ZitṠgunbi, I segrt dla Zit l un lber scrtt in itaglin (col tttol Sgumbi, Le porte della citt nascosta) parcc' n f da Loriano Macchiavelli, ch'l cgnus in ttt'Itglia par v di s lber żl, ch'i n st adat par la televiṡin. Al s parsung' pi cgnus l al polizit Sarti Antonio, ch'al s vadd anc int n di epiṡdi ed ste Ṡgunbi. L defti un vg lber a punt, con un naratur ch'al prva snper d arivr int una zit ch'as capss ch'l' Bulggna mo ch'la n vn mi numin e che al n i arva mi d ura ed catrla parch par la str al f una mccia d incnter es l inpra un vaniżn ed qu misteriṡ: tant par dr, ai anc la stria d un dssc vulnt sura ala Trr di Aṡn durnt al mediovo! Al lber l st tradtt in bulgnaiṡ da Federico Galloni, e l st p tlt a man da mos Lli, e dpp da Dagnl Vitli e Gign Lvra. Insmm ai anc un CD con l vuṡ ed qu dla Bla dal Bulgnaiṡ ch'i lżen n di epiṡdi. Al lber l ttt in dialtt, mo l tradtt bn e scrtt int l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna (qualla ed ste St), sich dnca se n al cgnss un p al bulgnaiṡ al le pl lżer puld e ai anc chṡ ch'l inpra una qulca parla o espresin nva. L un bl vulmm bn rilegh, con la s bla copertṅna misteriuṡa, per l editur al s dscurd ed mttri l nndiz, sich dnca vttal qu! E p a v dn anc un ter ligm, quall dal vddeo dla preṡentazin!

 

Ṡgunbi, I segrt dla Zit un libro scritto in italiano (col tttol Sgumbi, Le porte della citt nascosta) diversi anni fa da Loriano Macchiavelli, giallista conosciuto in tutt'Italia, anche per gli adattamenti televisivi. Il suo personaggio pi conosciuto il poliziotto Sarti Antonio, che compare anche in uno degli episodi di questo Ṡgunbi. Infatti, si tratta di uno strano libro a puntate, con un narratore che cerca tutto il tempo di arrivare in una citt (Bologna, ma non viene mai nominata come tale) e non ci riesce mai perch lungo il cammino fa tanti incontri e viene a sapere un sacco di cose misteriose: per fare un esempio, c' anche la storia di un disco volante sulla Torre degli Asinelli durante il medioevo! Il libro stato tradotto in bolognese da Federico Galloni, e poi rimaneggiato da Amos Lelli, nonch da Daniele Vitali e Luigi Lepri. In allegato c' un CD con le voci dei componenti della Bla dal Bulgnaiṡ che leggono uno degli episodi. Il libro tutto in dialetto, ma stato tradotto bene e scritto nell'Ortografia Lessicografica Moderna (usata anche da questo Sito), per cui chi conosca un po' il bolognese pu leggerlo abbastanza facilmente, e pu anche imparare qualche vocabolo o espressione nuovi. un bel volume ben rilegato, con la copertina dall'immagine misteriosa, ma l'editore si dimenticato l'indice, che potete quindi consultare qui. Aggiungiamo il link al video della presentazione.


Lunario bolognese 2011, Anno n. 14, Emilia-Romagna e zone limitrofe, ISSN: 1971-9728, prezzo: 3 euro

Al lunaritt bulgnaiṡ L ble quall di 14 n ch'ai vn fra ste lunaritt da mttr in bisca. Al l publich Giuliano Piazza (fil ed Piazza Marino Poeta Contadino, al cantastri ed Bażn dimnndi popolr int l pruvnzi ed Bulggna e d Mdna), con l ajt ed Silvano Rocca. Ai dl poeṡ, i sggn dl'astrolog, dl curioṡit sura Bulggna, al lunri di march, al significht di insnni eteztera. Ste librtt, ttil da purtr sg ttt l n int la tradizin dal Barbanra, l scrtt int l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna.

Siamo ormai al 14 anno di uscita di questo calendarietto tascabile, pubblicato da Giuliano Piazza (figlio del cantastorie bazzanese Piazza Marino Poeta Contadino, molto popolare nelle province di Bologna e Modena) con l'aiuto di Silvano Rocca. Ci sono varie poesie, i segni zodiacali, curiosit su Bologna, il calendario dei mercati, il significato dei sogni eccetera. Il fascicoletto, che conviene portare con s tutto l'anno e s'inserisce nella tradizione del Barbanera, scritto nell'Ortografia Lessicografica Moderna.


Luisa Ragagni, Ascultum bn! Poesie in dialetto bolognese, Bologna : Tinarelli 2009, ISBN 978-88-96127-07-0, prezzo: 10 euro

Ascultum bn! La Luisa Ragagni l' una sgnura senptica ch'ai piṡ dimnndi ed scrver, sich dnca apanna ch'la pl la s mtt a strulghr dl poeṡ, dl zirudl e, sicmm ch'la lavura coi cnno, anc dl fl par lur. l su poeṡ e l su zirudl li n bn e spass in bulgnaiṡ. Ads ai vgn fra un lber con la s produzin, in dvv l' vl mtter incsa int l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna ed ste St, parch anc la Luṡa l' fra i tant ch'i an cap l'inpurtanza ed marcr ttt dezṡ insmm par fr dal bn al nster dialtt. Ads, par drv un'ida ed quall ch'a pr catr in ste lber, a v mitn qu la prmma zirudla:

Luisa Ragagni una signora simpatica a cui piace molto scrivere, per cui appena pu si mette a comporre poesie, zirudelle e, poich lavora coi bambini, anche delle favole a loro dedicate. Le poesie e le zirudelle sono spesso in bolognese. Adesso uscito un libro con la sua produzione, in cui ha voluto usare l'Ortografia Lessicografica Moderna di questo Sito, perch anche lei fra i tanti che hanno capito l'importanza di andare tutti nella stessa direzione per il bene del nostro dialetto. Per darvi un'idea del contenuto del libro, copiamo qui la zirudella iniziale.

 

 

 

Am piaṡrv

Am piaṡrv d avair na gmma
ch'la dscanzla ttt i ml,
par psair dr con ttt: insmma,
zrt che quasst l un gran bl qul!

Am piaṡrv d avair na cla
ch'l'ajustss ttt i qu rtt,
am piaṡrv d avair na mla
par saltr pi in lt ed ttt.

Am piaṡrv cme un acuiln
psair vulr snza pi paiṡ
e da in vatta a un bl nuvln
vaddr al sul tante pi ataiṡ.

Am piaṡrv con na mag
fr in md ch'sppen ttt san,
fr sparr l malat
e guarr con quter man.

Am piaṡrv p, ttti l sr,
cme una lzzla iluminr
i litn e i brtt pinsr
d ttt i fangn andr a rubr!

Am piaṡrv mo a l savn ttt
che l' sul na fantaṡ,
par dscurdres i qu brtt
e avanzr sul con chi b.

Am piaṡrv, mo an s pl bṡa fr,
l nnic qul, cardm a m,
l savaires cuntintr
e tr la vtta par quall ch'l'!

Giovanna Grossi Pulzoni, Dọ int una vlta. Commedia in tre atti nel dialetto marinaresco di Rimini. Trascrizione ortografica di Davide Pioggia. Con un saggio introduttivo di Daniele Vitali e Davide Pioggia sul dialetto di Rimini. In appendice una ricerca sui luoghi di Rimini nella toponomastica popolare, Santo Stefano di Ravenna : Associazione "Istituto Friedrich Schrr" e Cesena : Societ Editrice "Il Ponte Vecchio" 2010, 128 pp., ISBN: 978-88-6541-050-9, prezzo: 10 euro

Dọ int una vlta La Giovanna Grossi Pulzoni l' un'autrz riminaiṡa ch'la scrv, la f la regssta es la rzita int l su cumdi. Piotst senptica e pṅna d idi, l'ra la parlanta idel par fr un stdi sura al dialtt ed Rmmin. Acs, Davide Pioggia al l' intervist una sfilar ed vlt, e Dagnl Vitli l ascult e trascrtt al s dialtt. Sti d i an registr anc una gran mccia d ter parlnt ed Rmmin e di dintren (e fn ala Vl Maraccia, ala Vl Cunca, a San Marn e a Pṡer), es i an ft una descrizin conplta dla fonolog riminaiṡa, con socuanti spiegazin anc dla fontica e p i an prupst un'urtugraf, cme dr una manra ed scrver al riminaiṡ par ttt, mo baṡ sura ste stdi e, par quasst, coernta. I prinzppi ed st'urtugraf i n qu d un ter lavurr ed Dagnl Vitli, "L'Ortografia Romagnola", naturalmnt aplich al particolarit dal riminaiṡ. P Davide Pioggia l trascrtt la cumdia dla Giuna con st'urtugraf, acs che fenalmnt anc qu ch'i n dscrren brṡa al riminaiṡ i la pran lżer pulidn. Parch al vl la panna, l prpi un bl cupin! E p la n mgga fin qu, n n: Pioggia al i żunt un stdi sura la geograf ed Rmmin (acs i letr ch'i n cgnssen brṡa puld la zit i pran capr mi ed cus'a se dscrr dignd, pr eṡnpi, che la Barafnnda l' un dialtt un puctn difarnt da quall dla Via Covignano), e p snper l l ft un st par la Raid, www.dialettiromagnoli.it , in duv ai un vaniżn ed materel, tacnd dala traduzin itaglina dla cumdia fn al poeṡ d una mccia d autr dialetl rumagn, cunpraiṡ i grand cme Gianni Fucci ed Santarcnżel, e p as pl anc sntri a rezitr, parch ai ttti l su registrazin in vatta. Insmma, l un lavurr multimedil conplt, ch'al pl dr da bn un'ida ed cum i n ft i dialtt dla prt ed sra dla nstra regin, e ttt quasst a grtis, parch l int la Raid! Se p a vl cunprr al lber, ch'al cssta sul 10 franc dl'Eurpa mo al n in vl dimnndi, mo dimnndi de pi, a ps scrver al editur Il Ponte Vecchioopr al Istitt "Friedrich Schrr" ch'l ft anc socuanti tri publicazin inpurtanti e interesanti sura i dialtt rumagn!

Par lżer la descrizin fonolgica dal riminaiṡ fta da Dagnl Vitli e Davide Pioggia
Presentazin dal lber

Giovanna Grossi Pulzoni un'autrice riminese che scrive commedie e ne anche regista e attrice. Simpatica e vivacissima, era la parlante ideale per studiare il dialetto di Rimini. Cos, Davide Pioggia l'ha intervistata diverse volte, e Daniele Vitali ha ascoltato le registrazioni per trascriverne il dialetto. I due hanno registrato anche un gran numero di altri parlanti di Rimini e dintorni (fino alla Valmarecchia, alla Valconca, a San Marino e a Pesaro), descrivendo in modo completo la fonologia riminese, con cenni di fonetica e una proposta di ortografia, ossia un sistema di scrittura per tutti ma basato sugli studi fatti e, quindi, coerente. I principi di quest'ortografia vengono da un altro lavoro di Daniele Vitali, "L'Ortografia Romagnola", ovviamente applicati al sistema specifico del riminese. Poi Davide Pioggia ha trascritto la commedia con quest'ortografia, cos che finalmente anche chi non parla riminese la potr leggere senza problemi. Perch ne vale la pena, data la bont del copione. E non finisce qui: Pioggia ha aggiunto al ilbro uno studio sulla geografia cittadina (in modo che i lettori non pratici di Rimini capiscano cosa s'intende dicendo che, ad esempio, la Barafonda parla in modo leggermente diverso dalla zona di Via Covignano), e poi ha messo in rete il sito www.dialettiromagnoli.it che contiene tantissimo materiale, partendo dalla traduzione italiana della commedia fino a un buon numero di poesie di autori dialettali romagnoli, compresi quelli noti anche fuori dalla Romagna, come Gianni Fucci di Santarcangelo, e si possono anche ascoltarne le voci recitanti, perch il sito contiene anche il sonoro delle poesie. Insomma, un lavoro completo e multimediale, che pu dare un'idea reale di come sono fatti i dialetti della parte orientale della nostra regione, e tutto ci gratuitamente, trattandosi di Internet! Chi poi volesse acquistare il libro, che costa solo 10 euro ma ne vale tantissimi di pi, pu rivolgersi all'editore Il Ponte Vecchiooppure all'Istituto "Friedrich Schrr", che ha pubblicato anche altro materiale importante e interessante sui dialetti romagnoli!

Per leggere la descrizione fonologica del riminese fatta da Daniele Vitali e Davide Pioggia
Presentazione del libro


Daniele Vitali, Ettore Rulli, Grammatica del dialetto di Compiano. Parlata ligure della Valle del Taro, Compiano/Strepeto : Compiano Arte e Storia/Rupe Mutevole 2010, ISBN: 978-88-96418-82-6, prezzo: 14 euro

Grammatica del dialetto di Compiano Compiano l un pajaiṡ int la muntgna ed Prma in duv an se dscrr brṡa un dialtt emiglin, mo lggur. Quassta l' snper st la teor dl archittt Ettore Rulli, ch'al dscrr in dialtt, l scrtt dimnndi lber (stra qussti, anc un vocabolri dal cunpianaiṡ), l salv al bl burg antg es l anc al presidnt d un'asociazin ciam "Compiano Arte e Storia" ch'la f l ṡen e al bja par la cultra e la conservazin dla blazza ed cal pajaiṡ e anc di s dintren. Socunt n f, studind i dialtt dl'Emgglia-Rumgna, Dagnl Vitli al pas par d ed l e al scapuz in ste parsung' fra dal urdinri. Insmm i fnn una mccia ed registrazin di dialtt ed cla żna, e p i dezidnn ed scrver una gramtica dal dialtt dl archittt Rulli, anc parch l intnt, anc s'l 78 n, l un stracantn d idi e l tach a insgnr al dialtt ai cnno. Sich dnca, ste lber al sruv da insgnr al dialtt mo anc par vdder cum l ft, e ch'l lggur da bn (as f socunt parangn col genovaiṡ e col parmṡn, e as pl vdder ch'l un dialtt lggur perifric). Pr urdnr ste lber 

Compiano un paese della montagna parmense in cui si parla un dialetto non emiliano ma ligure. Cos ha sempre sostenuto l'architetto Ettore Rulli, che parla dialetto, ha scritto vari libri (fra cui un dizionario compianese), ha salvato il bel borgo antico ed anche presidente di un'associazione denominata "Compiano Arte e Storia" che smuove mari e monti per la cultura e la tutela delle bellezze di quel paese e dei suoi dintorni. Alcuni anni fa, studiando i dialetti dell'Emilia-Romagna, Daniele Vitali passato da quelle parti e si imbattuto in quel personaggio straordinario. Insieme hanno fatto un gran numero di registrazioni dei dialetti locali, per poi decidere di scrivere insieme una grammatica del dialetto di Rulli il quale, a 78 anni, ha un sacco di idee e ha iniziato a insegnare il dialetto ai bambini. Cos, questo libro serve a insegnare il dialetto ma anche a mostrare com' fatto, e che ligure per davvero (ci sono vari paragoni col genovese e col parmigiano, e si pu vedere che si tratta di un dialetto ligure periferico). Per ordinare il libro


Amos Lelli, Luigi Lepri e Daniele Vitali, I proverbi di Bologna e dintorni. Pruvrbi Bulgn con appendice "inversa", Bologna : Pendragon 2010, ISBN: 978-8883428517, prezzo: 15 euro

Ste lber l quall di tr "prudtt deriv dal Dizionri bulgnaiṡ-itaglin itaglin-bulgnaiṡ, dpp al Rimri dal Vocabolri e al lber ed Gign Lvra suvra la fraṡeolog. Stavlta i tr coautr mos Lli, Gign Lvra e Dagnl Vitli in an cav fra dal Dizionri ttti i pruvrbi e s i i an mss in urden alfabtic e numer, insmm a socunt ter ch'i n i ren bra int al Dizionri mo ch'i n adruv da bn dai bulgn: par fr quasst, i an interogh la memria ed Gign e d mos, e p i n and a vdder int i tst vc', come pr enpi Proverbi Bolognesi d Albrto Mnarn, ch'l dal 1975. Pst che ste lber l tante vc', l ra al mumnt ed fr un agiornamnt, anc parch ai dimnndi nuvit: prmma d nna, ste lber nv l int l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna adruv ormi da ttt i lber bulgnṡ ft pulidn, p la preṡentazin di pruvrbi (ch'i n tradtt e spiegh) l' difarnta, parch al lber ed Mnarn l andva pr argumnt, e p anc ai un'apendz coi pruvrbi itaglin pi adruv e l su traduzin in bulgnaiṡ. Pr eṡnpi s'a vl savair cum as dṡ in bulgnaiṡ "L'abito non fa il monaco", bsta ch'anddi a zarchr in cl'apendz. Un'introduzin la spiga come adruvr al lber, i dsggn ed Mauro Daviddi i al fan anc pi bl. Par finr, ai un nndiz con ttti l "parl cv" di pruvrbi, acs catri al dvnta anc pi fzil. Frza pr ragz che, quand a dscur int un'tra lngua, prpi i pruvrbi e la fraṡeolog i fan da vdder che cla lngua a la sav bn! E, se quasst al vl par l inglaiṡ o al franzaiṡ, al vl anc pr al nster dialtt!

Questo libro il terzo "prodotto derivato" del Dizionario bolognese-italiano italiano-bolognese, dopo il Rimario del Vocabolario e il libro di Luigi Lepri sulla fraseologia. Stavolta i tre coautori Amos Lelli, Luigi Lepri e Daniele Vitali hanno estratto dal Dizionario tutti i proverbi, per poi metterli in ordine alfabetico e numerarli, insieme a vari che non si trovavano nel Dizionario ma sono nell'uso effettivo dei bolognesi: per far ci, hanno attinto alla memoria di Luigi e di Amos e hanno consultato i vecchi testi, come il classico Proverbi Bolognesi di Alberto Menarini, uscito nel 1975. Trattandosi di un libro piuttosto vecchiotto, era ora di fare un aggiornamento, che per di pi presenta diverse novit: anzitutto, questo nuovo libro scritto con l'Ortografia Lessicografica Moderna utilizzata ormai da tutti i libri bolognesi di qualit, poi la presentazione dei proverbi (tradotti e spiegati) diversa, dal momento che il libro di Menarini seguiva una struttura tematica, inoltre c' un'appendice coi proverbi italiani pi correnti e le relative traduzioni in bolognese. Se ad esempio volete sapere come si dice in bolognese "L'abito non fa il monaco", basta che lo cerchiate in appendice. Un'introduzione spiega come usare il libro, impreziosito dai disegni di Mauro Daviddi. Infine, segnaliamo l'indice con le "parole chiave" dei proverbi che rende anche pi facile ritrovarli. Forza coi proverbi: sono proprio loro, assieme alla fraseologia, a mostrare un buon livello di padronanza di una lingua straniera, e se ci vale per l'inglese o il francese, vero anche per il nostro dialetto!

Al lber int al Tb - Il libro su Youtube
Al diri int la Raid ed Mauro Daviddi - Il blog di Mauro Daviddi
I artccol di fi - Rassegna stampa
L invd ala preentazin di 8 ed żggn dal 2010 - Invito alla presentazione dell'8 giugno 2010


Giacomino Gherardi - Mirko Moretti, Il dialetto di Argenta - L'Arżantŋ. Vocabolario, glossario etimologico, fonetica, grammatica, sintassi e curiosit del dialetto argentano, Bologna : Pendragon 2009, ISBN: 978-8883428128, prezzo: 39 euro

Un gran bl lber sura al dialtt d Arżnta Giacomino Gherardi, numin "Zimo", socunt n f al mit int la Raid una gramtica dal dialtt d Arżnta, un pajaiṡ grustn dla pruvnzia ed Frra al cunfn col pruvnzi ed Ravanna e d Bulggna. Cal lavurr l ra interesnt prmma d nna parch l arżintn l un dialtt particolr, ch'l arcrda al bulgnaiṡ mo l anc dl caratersstic fraraiṡi e infn rumagnli (Arżnta stra l ter l' int la diceṡi ed Ravanna), e p parch l ra ft prpi bn, ch'al srv a dr ch'al dva da bn un'ida ed cum al sppa ste dialtt, descrtt stra l ter con dimnndi garbtn e senpat. Ztt e chit, al nster Zimo al s mss a scrver un qul pi grs, con l ajt d un s amg, e ads, dpp a tant n d una gran strmma, i d autr i an av la sudisfazin ed vdder a vgnr fra ste stdi conplt, col vocabolri, li etimolog, la gramtica, una prupsta d urtugraf e socuanti curioṡit. E biṡggna dr ch'i n prpi st brv, parch i dscrren un p d ttt in manra cra e ch'la dṡ incsa, e p con l'ssta d evitr i luvtt che bn e spass ai csca dnter qu ch'i scrven sura i dialtt. Pr eṡnpi, una mccia d autr i sustṅnen dl gran stranpalar sura l'etimolog, in st mnter che lur prmma ed tachr a dscrrer ed ste qul tant delicht i mtten un'avertnza dignd acs che biṡggna str atnti: e i an prpi raṡn! Ste lber, ch'l 868 pgin, l fondamentl par ttt qu ch'i in vlen savair de pi sura un pajaiṡ e un dialtt ed cunfn: un ringraziamnt a Giacomino Gherardi e Mirko Moretti, ch'i an stup un bṡ int i stdi di dialtt emiglin-rumagn, e anc a Pendragon che, avnd publich una mccia ed b lber sura al dialtt bulgnaiṡ (bsta pinsr al gran Dizionri che ormi l ble ariv ala secnnda edizin), e ultmamnt anc sura al rumagnl, l dvint quṡi l "editur ufizil" di dialtt dl'Emgglia-Rumgna!

Giacomino Gherardi, detto "Zimo", alcuni anni fa caric su Internet una grammatica del dialetto di Argenta, paesone della provincia di Ferrara al confine con le province di Ravenna e Bologna. Si trattava di un lavoro interessante, anzitutto perch l'argentano un dialetto particolare, che ricorda il bolognese ma possiede anche tratti ferraresi e romagnoli (Argenta fra l'altro si trova sotto la diocesi di Ravenna), e poi perch era fatto veramente bene, cio d un'idea reale di com' fatto questo dialetto, descritto con garbo e ironia. Discretamente, il nostro Zimo si messo a scrivere un'opera pi grossa, con l'aiuto di un amico, e dopo tanti anni di intenso lavorio i due hanno finalmente dato alle stampe questo studio completo, col vocabolario, le etimologie, la grammatica, una proposta ortografica e varie curiosit. Va detto che sono stati davvero bravi, perch trattano la materia in modo chiaro ed esauriente, con l'abilit di evitare le tipiche trappole in cui cadono vari autori dialettali: molti di loro sostengono etimologie indifendibili, mentre i nostri, prima di addentrarsi in un simile ginepraio, avvertono addirittura il lettore sulla prudenza necessaria in queste cose, e con ragione! Il libro, che conta ben 868 pagine, uno strumento fondamentale per chi voglia conoscere meglio un paese e un dialetto di frontiera: un grazie a Giacomino Gherardi e Mirko Moretti, che hanno colmato una lacuna degli studi emiliano-romagnoli, e anche a Pendragon che, avendo pubblicato tanti libri sul bolognese (basti pensare al grande Dizionario ormai giunto alla seconda edizione), e ultimamente anche sul romagnolo, si trasformato in una sorta di "editore ufficiale" dei dialetti dell'Emilia-Romagna!


Luigi Lepri (Gign Lvra), Bacajr a Bulggna. Fraseologia dialettale bolognese, Bologna : Pendragon 2009, ISBN: 978-88-8342-793-0, prezzo: 15 euro

Bacajr a BulggnaAl ds acs Gign Lvra che quasst l al s ltum lber da par l, e che dpp al far soltnt al coautur con di ter amg dla Bla dal Bulgnaiṡ. Defti, in ste lber ed fraṡeolog as vadd ch'al bda ed dscumiatres dal letur parch l vc' e lsa pr dr, e p al nmina ttti l parsn, tacnd con s pder e finnd con i amg ch'avn dtt, insmma, ttta la żnt ch'i l an acunpagn in ste viż dal dialtt bulgnaiṡ, che p l anc st la s vtta, una vtta che l al definss furtun e che defti l' st pṅna d incnter e d esperinz straurdinri, che stra l ter i l an ft dvintr al persong' pi inpurtnt dal dialtt bulgnaiṡ dal d d inc. Nuter dal St per a spern ch'l andar ed lng a regalres dla rba ed qualit cunpgna quassta: ste lber s la fraṡeolog l scrtt prpi bn, int un stl che al d d inc l rr (ter che scritr ala mda, ch'i n n gnanc bn d adruvr al congiuntv in itaglin!), e l adrva la fraṡeolog dal gran Dizionri ch'a in dn la recensin qu stta (defti l al s secnnd "prudtt deriv", dpp al Rimri d mos Lli), mo spiegh con dl bli sturil e di eṡnpi, e p con dl spiegazin ch'li n un gudil. Al lber, naturalmnt, l int l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna mo ormi, pr i lber ed qualit, quassta l' dvint la raigla, sich dnca a n avn gnanc pi biṡggn ed drel...

Luigi Lepri dichiara che questo il suo ultimo libro e che poi si accontenter di fare il coautore di eventuali libri scritti dagli amici della "Bla dal Bulgnaiṡ": in quest'ultimo lavoro sulla fraseologia in effetti si congeda dal lettore col pretesto dell'et e cita tutte le persone, da suo padre agli amici suddetti, che l'hanno accompagnato nel viaggio del dialetto bolognese, che poi anche quello della sua vita, una vita da lui definita fortunata e che infatti stata piena d'incontri ed esperienze straordinari, che fra l'altro l'hanno fatto diventare il personaggio pi importante del dialetto bolognese di oggi. Noi del Sito Bolognese per speriamo che l'autore continuer a regalarci lavori di qualit come questo: si tratta di un libro scritto veramente bene, in uno stile raro oggiogiorno (altro che scrittori alla moda, che non sanno neanche usare il congiuntivo italiano!), che utilizza la fraseologia del Dizionario sotto recensito (di cui questo libro il secondo "prodotto derivato", dopo il Rimario di Amoso Lelli), ma spiegata con aneddoti ed esempi godibilissimi. Il libro naturalmente nell'Ortografia Lessicografica Moderna, ma ormai questo un requisito dei libri bolognesi di qualit, per cui non serve quasi pi segnalarlo...


Luigi Lepri, Daniele Vitali - Dizionario Bolognese-Italiano Italiano-Bolognese, Dizionri Bulgnaiṡ-Itaglin Itaglin-Bulgnaiṡ, con l'aiuto di Amos Lelli e Roberto Serra, Bologna : Pendragon 2009, con un rimario del dialetto bolognese a cura di Amos Lelli. Seconda edizione corretta e integrata del volume uscito nel 2007, pagg. XVII + 723, ISBN: 978-88-8342-750-3, prezzo: 39 euro

La secnnda edizin dal Dizionri bulgnaiṡ!Vgn fra e preṡent in Cmṅna int l autn dal 2007, al Dizionri ed Gign Lvra e Dagnl Vitli al s vind a ttt'nnda, e acs, un n dpp, i d autr i an prepar la secnnda edizin, ch'l' vgn fra in mż dal 2009: ai socuanti corezin e żnt, per al lber l snper quall (con un culur difarnt in copertṅna), parch l ra ble st lim e infiuct durnt la prmma edizin. Mo con una żnta inpurtanta: al "strulgn eletrnic" mos Lli al l strapril, utgnnd acs un rimri! Defti, stra la prt bulgnaiṡ-itaglin e la prt itaglin-bulgnaiṡ, a catar una sezin con ttti l parl dla prmma edizin elench in manra ed fr rmma: acs, s'avssi mi da scrver una qulca zirudla, o dl poeṡ, and bn a vdder int al rimri pr un ajutn! Mo prmma ragz, par pieṡair, liż li introduzin, sa qualla dal Dizionri che qualla dal Rimri, parch dimnndi dmand ch'li n ariv al St l psven ser arsparmi fagnd acs. Guard bn che i d autr i an pins prpi a incsa, sich dnca ste Dizionri, publich da Pendragon, al st al inpra con qu dl lngv furastri!

Uscito e presentato in Comune nell'autunno 2007, il Dizionario di Luigi Lepri e Daniele Vitali si venduto come il pane, per cui un anno dopo i due autori hanno preparato la seconda edizione, uscita nel maggio 2009: sono state introdotte alcune correzioni e aggiunte, ma si tratta in fondo dello stesso libro (con un diverso colore di copertina) perch era gi stato molto curato durante la prima edizione. Vi per una novit importante: il mago dell'informatica Amos Lelli lo ha girato, ottenendo un rimario! Infatti, tra la parte bolognese-italiano e quella italiano-bolognese c' ora una sezione con tutti i lemmi della prima edizione elencati in modo da fare rima: un ottimo aiuto per chi volesse scrivere zirudelle e poesie! Prima per si consiglia di leggere entrambe le introduzioni, sia quella del Dizionario sia quella del Rimario: le introduzioni spiegano le modalit di consultazione, e consentono quindi di risparmiare tempo e domande. I due autori infatti hanno pensato a tutto, producendo, per i tipi di Pendragon, un Dizionario che si colloca allo stesso livello di quelli di lingua straniera!

Par lżer la recensin dla prmma edizin - Per leggere la recensione della prima edizione

Pr andr ala pgina ed ste St dedich al Dizionri - Per visitare la pagina di questo Sito relativa al Dizionario

Par vdder socuanti pgin dal Dizionri - Per un saggio del Dizionario


Daniele Vitali, L'ortografia romagnola. Storia. La pianura ravennate-forlivese. Il dialetto di Careste e il "sarsinate", Santo Stefano di Ravenna : Associazione "Istituto Friedrich Schrr" e Cesena : Societ Editrice "Il Ponte Vecchio" 2009, pagg. 47, ISBN: 978-88-8312-889-9, prezzo: 5 euro

L'urtugraf rumagnla, ed Dagnl VitliL dal 2000 che Dagnl Vitli al gra par l'Emgglia-Rumgna e i s dintren registrnd i anzin ch'i dscrren scadagnn int al s dialtt. L'ida l' d ardṡer dimnndi materil ed prmma man par fr un atlnt lingusstic regionl (e, quand l ra a Santarcnżel, l anc st intarvist da RAI3 ), mo intnt l tach a publichr socunt riṡultt ed ste gran lavurr. Esnd stra qu ch'i an unifich l'urtugraf dal bulgnaiṡ, insmm al profesur Luzin Canepri fonetssta al'universit ed Venzia, Vitli al s mss a studir anc l'urtugraf dal rumagnl, snper insmm a Canepri, e l cunclṡ che al sistma adruv fn ads dala rivssta la Ludla (publich dal Istitt "Friedrich Schrr" par la difaiṡa dal rumagnl) l dimnndi fedl ai sn efetv pr l vuchl ch'i s fan in bcca. P al prupnn ed mttres d acrd pr l vuchl naṡl e anc pr l cunsunnt, magarado dliżnd dl convenzin ch'l vghen d acrd anc con chi ter dialtt dla Regin, tacnd col bulgnaiṡ. P al prva d aplichr al sistma a un dialtt che fn ads an se scrivva brṡa, quall ed Careste int la Cmṅna ed Srsna. Par fr quasst biṡggna ażuntr al'urtugraf rumagnla nurml, qualla adruv par la pianra ed Ravanna e Furl, di sggn de pi, pr eṡnpi , œ opr per l un qul ch'as pl fr: adruvnd i sggn gisst pr i fonma di dialtt rumagn difarnt, as pl scrver pulidn gni dialtt dla Rumgna, tgnand per preṡnt al stass sistma fondamentl.

Dal 2000 Daniele Vitali gira l'Emilia-Romagna e dintorni registrando gli anziani e facendoli parlare nei rispettivi dialetti. L'obiettivo raccogliere tanto materiale di prima mano per arrivare a un atlante linguistico regionale (e, quand'era a Santarcangelo di Romagna, stato intervistato da RAI3 su questo progetto), ma nel frattempo ha cominciato a fare delle pubblicazioni intermedie. Essendo fra coloro che hanno unificato l'ortografia del bolognese, insieme al professor Luciano Canepari fonetista all'universit di Venezia, Vitali si occupato anche dell'ortografia romagnola, sempre con Canepari, concludendo che il sistema finora seguito dalla rivista la Ludla (pubblicazione dell'Istituto "Friedrich Schrr" per la tutela del patrimonio linguistico romagnolo) piuttosto fedele ai suoni effettivi per quanto riguarda le vocali orali. Poi propone delle convenzioni per le vocali nasali e le consonanti, magari cercandone di compatibili con gli usi degli altri dialetti regionali, a partire dal bolognese. Prova in seguito ad applicare il sistema a un dialetto finora privo di scrittura, quello di Careste in comune di Sarsina. A tal scopo occorre aggiungere all'ortografia normale, quella valida per la pianura ravennate-forlivese, dei segni aggiuntivi come , œ oppure , ma l'operazione riesce: adoperando i segni adatti ai fonemi di ciascun dialetto, si pu scrivere con lo stesso sistema ma fedelmente ogni dialetto della Romagna.

Ligm par lżer al librtt - Link al testo


Daniele Vitali, Dscrret in bulgnai? Manuale e grammatica del dialetto bolognese, Tavole verbali di Roberto Serra, consulenza linguistica di Luigi Lepri, Prefazione di Luciano Giannelli, Bologna : Airplane 2009, pagg. XX + 328, ISBN: 978-88-8372-395-7, prezzo: 20 €, con 2 CD allegati. Seconda edizione riveduta e corretta del volume uscito nel 2005

Fenalmnt la secnnda edizin dla Gramtica Bulgnaiṡa!Vrs la fn ed żggn dal 2005 ai vns fra un lber che frsi in ttta l’Itglia l eistva sul pr al dialtt bulgnai: una gramtica con ttti l su tabl coi vrb, la concordanza di agetv, l rgol par scrver cum v secnnd l’urtugraf lesicogrfica eteztera. Ste lber l st adut dal Curs ed bulgnai dal teter di Alemn e al s vind benssum in ttti l librar ed Bulggna tant che, int l prmmi du stmn dpp ch'l ra st preṡent, l vind de pi che "The Broker" ed John Grisham, nonostnt che ste autur americn al fss vgn a Bulggna a preentr la s stria, che par de pi la suzd prpi int la nstra zit! Sich dnca, in avrll dal 2009, l editur Perdisa l mss fra una secnnda edizin, in dvv che l autur Dagnl Vitli l ft socuanti curezin cinṅni e p l mss a pst l nndiz analttic, che prmma l ra un p trp generl e ads invzi al f i p ai musn. Par capr mi ttta la partda, a cupin qu quall ch'l scrtt Vitli int la s "Introduzin ala secnnda edizin":

Verso fine giugno del 2005 usc un libro che forse in tutta Italia esisteva solo per il dialetto bolognese: una grammatica con tanto di tabelle verbali, concordanza degli aggettivi, norme per l'uso corretto dell'ortografia lessicografica eccetera. Il libro poi stato adottato dal Corso di bolognese del teatro Alemanni e ha avuto un bel successo in tutte le librerie di Bologna al punto che, nelle prime due settimane dopo la sua presentazione, si venduto pi di "The Broker" di John Grisham, nonostante l'autore fosse venuto apposta dagli Stati Uniti a presentare il suo lavoro nella nostra citt, che anche la scena dell'azione! Cos, nell'aprile 2009, l'editore Perdisa ha fatto uscirre una seconda edizione, cui l'autore Daniele Vitali ha apportato alcune piccole modifiche rifacendo anche l'indice analitico, che prima era troppo generale e adesso invece molto particolareggiato. Per capire meglio l'intera operazione, copiamo qui sotto quanto lo stesso Vitali scrive nella sua "Introduzione alla seconda edizione":

    "Nell’Introduzione del 2005 parlavo di un “risveglio”, o meglio di una rinascita, del dialetto bolognese, cui il presente Manuale voleva contribuire fornendo un sussidio didattico agli allievi dei Corsi di bolognese guidati da Roberto Serra. Gli sviluppi susseguitisi nel frattempo hanno superato le pi rosee previsioni.
    La prima edizione del Manuale gi terminata, tanto che ne diamo alle stampe una seconda con un indice analitico migliorato e qualche piccola modifica qua e l, il libro stato adottato quale libro di testo dei Corsi e si trova ora nelle case di migliaia di bolognesi. Sulla stessa scia, stato nel frattempo pubblicato un grande
Dizionario bolognese-italiano italiano-bolognese o Dizionri bulgnaiṡ-itaglin itaglin-bulgnaiṡ, compilato da Luigi Lepri e da me con l’aiuto di Amos Lelli e Roberto Serra, anch’esso gi alla seconda edizione. Nel frattempo, Claudio Mazzanti con la Loop Produzioni ha prodotto due strepitosi cartoni animati digitali in bolognese, Pizunra 1 e 2 (www.piccionaia3d.com), accompagnati da due documentari: sullo stato attuale del dialetto e sul grande Dizionario.
    L’Ortografia Lessicografica Moderna (OLM), utilizzata dai Corsi, dal periodico
Al Pnt dla Binnda, dai DVD Pizunra, dal Sito Bolognese (www.bulgnais.com, sempre pi ricco di contenuti e con una sezione interamente dedicata al Manuale), da tanti libri di qualit e naturalmente dal Manuale e dal Dizionario, si nel frattempo diffusa anche in provincia: con adattamenti al sistema fonetico locale, si scrive in OLM non pi soltanto il budriese, ma anche i dialetti di Rocca Pitigliana (in comune di Gaggio Montano), S. Gabriele di Baricella (grazie alle poesie di Stefano Rovinetti Brazzi) e Castel San Pietro Terme (grazie al libro Al dialtt Castln, di Giorgio Biondi). Aggiungo che il Manuale ha ispirato la stesura della prima grammatica del dialetto reggiano, ad opera di Denis Ferretti, con un’impostazione editoriale diversa ma con lo stesso metodo grammaticale ed espositivo.
    Il Comune di Bologna poi ha messo in rete delle pagine proprie sul dialetto bolognese, cui chi scrive ha contribuito, all’indirizzo www.comune.bologna.it/bulgnais, e il cantautore dialettale Fausto Carpani stato insignito del Nettuno d’Oro, massimo riconoscimento cittadino, per la sua attivit a favore della nostra lingua e della nostra cultura. Comincia a farsi strada in vari comuni dell’Emilia-Romagna, e ora anche della provincia di Bologna, l’idea di mettere una segnaletica bilingue indicante i nomi delle localit anche in dialetto.
    Ho chiamato questi sviluppi “globalizzazione inclusiva”, perch la riscoperta del dialetto da parte dei bolognesi un fenomeno positivo, in cui si torna consapevoli delle proprie radici non per contrapposizione, ma per avvicinamento e conoscenza con le altre lingue e culture. Ed significativo che, ai Corsi di bolognese, partecipino anche stranieri extracomunitari: da Bhutan, Uzbekistan, Stati Uniti, Cuba, Brasile... un piccolo contributo del bolognese a rendere pi solidale la nostra societ, superando non solo la barriera generazionale (giovani e anziani riuniti la sera a studiare insieme l’ortografia e la grammatica del nostro dialetto), ma anche quella geografica.
    A tutti voi, che volete imparare o conoscere meglio il dialetto bolognese, per tenere vive le note del nostro ottavino nella composita orchestra della globalizzazione, dedico questo libro".

Par lżer la recensin dla prmma edizin - Per leggere la recensione della prima edizione

Pr andr ala pgina ed ste St dedich ala Gramtica - Per visitare la pagina di questo Sito relativa alla Grammatica


AA.VV., Gaggio Montano. Storia di un territorio e della sua gente, Gaggio Montano : Comune e Gruppo di Studi "Gente di Gaggio" 2009, 2 volumi, 49 euro (Scritti di: Giampaolo Arienti, Walter Bellisi, Francesco Berti Arnoaldi Veli, Gian Paolo Borghi, Adelfo Cecchelli, Marco Cecchelli, Nicola Ciancabilla, Francesco Crovetti, Mario Facci, Paola Foschi, Daniele Giacobazzi, Alfeo Giacomelli, Anna-Maria Guccini, Andrea Mantovani, Luigi Mantovani, Bruno Rovena, Luigi Samoggia, Stefano Santagata, Giampaolo Venturi, Daniele Vitali, Renzo Zagnoni. Fotografia: Aniceto Antilopi, Luigi Riccioni. Introduzione di Gian Paolo Brizzi)

Gaggio Montano Sti d b librn i n al lavurr ft insmm da una frta d autr ch'i an studi al teritri e la comunit ed Gg' da ttt i pnt ed vssta: la stria, la geograf, l tradizin, l'imigrazin, l'econom, al paeg', l c e v ed ste ps. Fra sti autr, ai anc Dagnl Vitli, che in 25 pgin al f da vdder cum l ft al dialtt ed Gg', col su difarnz stra al pajai pi grand e l su frazin. Par fr sta descrizin al dscrr di sn, dl'urtugraf, dla gramtica, dl parl e anc dla stria dal dialtt e al f di gran parangn stra al gagiai e al bulgnai, al mudnai, al liżanai e al rumagnl. In prtica, l' un'ilustrazin conplta dal md ed dscrrer ed Gg', ch'la srv anc par tirr dl consegunz stric. Un ringraziamnt al grpp ed stdi "Gente di Gaggio", ch'l ft un lavurr da fres ler al pail, e che, frsi, al sarvir da ispirazin par di ter st dla nstra pruvnzia! Par vdder l nndiz ed sta bla publicazin  Par l artccol ed Dagnl Vitli

Questi due bei volumi sono opera collettiva di un folto gruppo d'autori che hanno studiato il territorio e la comunit di Gaggio Montano sotto tutte le angolazioni: storia, geografia, immigrazione, economia, paesaggio, pievi ecc. Fra gli autori c' anche Daniele Vitali che, in 25 pagine, descrive il dialetto di Gaggio, le differenze tra capoluogo e frazioni, la fonetica e l'ortografia, la morfologia e la sintassi, il lessico e l'aspetto delle parole, nonch la storia del gaggese, paragonato continuamente al bolognese, al modenese, al lizzanese e al romagnolo, arrivando a una descrizione completa del sistema linguistico di Gaggio, da cui poi si tirano conclusioni storiche. Un ringraziamento al gruppo di studi "Gente di Gaggio", che ha fatto un lavoro magnifico il quale, forse, potr ispirare altri luoghi della provincia di Bologna! Per vedere l'indice della pubblicazione Per l'articolo di Daniele Vitali

Giorgio Campi, Baci da caf. Poesie in dialetto bolognese, Bologna : Tinarelli 2008, 10 euro, ISBN 978-88-96127-06-3

Baci da caf, al secnnd lber ed Giorgio Campi Quand, dal 2005, ai vns fra al prmm lber ed Giorgio Campi, Al sumarnaz, n a scrivnn ch'an psva bra manchr int una bibliotca bulgnaia cum v "e grzie ala s sustanza e ala s furma al s f anc pardunr l’urtugraf un p fta a s md [...]. Frza Żrż, che st ter lber al sr bl cme quasst mo magarado int l’urtugraf lesicogrfica!". Defti a i sn: grzie al ajt ed Gign Lvra, ch'l ft anc una bla introduzin e la nta sura l'urtugraf, quall di d lber ed Giorgio Campi l scrtt cunpgna ste St, e l un gudil par la vssta, in pi che pr al gsst potic. S, parch al nster Żrż l ft znter un'tra vlta con ste Baci da caf (al tttol al riprnnd nna dl poeṡ, mo anc l'ida generl che, a str al mnnd, ai vl dl'irun e p anc dla paznzia, par ttti l stranpalar che n l da snter da chi ter). Anc stavlta l su poe li an un stl ch’l arcrda Raffaello Baldini, pota rumagnl ed Santarcnżel, cum al d anc Gign Lvra int la s introduzin, mo li n anc vri, pr eṡnpi ai n socuanti ch'l fan pinsr a un lmmeric (o "limercc", cum al dṡ Sandrn Sarmng) pi lng dal nurml:

Quando nel 2005, usc il primo libro di Giorgio Campi, Al sumarnaz, noi scrivemmo che non poteva mancare in una biblioteca bolognese coi fiocchi e "grazie a sostanza e forma, si fa perdonare anche l’ortografia un po’ casalinga [...]. Forza Giorgio, il prossimo libro, bello come questo, magari sar nell’ortografia lessicografica!". E cos stato: grazie all'aiuto di Luigi Lepri, che ha anche preparato una bella introduzione e la nota sull'ortografia, il secondo libro di Giorgio Campi scritto come questo Sito, diventando un piacere per la vista, oltre che per il gusto poetico. Infatti, il nostro Giorgio ha fatto di nuovo centro con questo Baci da caf ("Chiacchiere da bar", che il titolo di una delle poesie, ma serve anche a veicolare l'idea di fondo che, per vivere, serva molta ironia e anche pazienza, per ascoltare tutte le stupidaggini di certi altri...). Anche stavolta le sue poesie hanno uno stile che ricorda Raffaello Baldini, poeta romagnolo di Santarcangelo, come specifica lo stesso Luigi Lepri nella sua introduzione, ma c' una bella variet, ad esempio alcuni pezzi fanno pensare a un limerick prolungato a dismisura:

Fr ala Ptria

Al inzzi dla gura
quand i vgnnn fra con la nuvit
dla rba ed fr da dr ala Ptria,
m a n avva gnnte da purtr;

e sicmm i m cunpgn
i purtven ttt qul,
a dezid ed purtr una pgnta,
d cucr, du furzn e un tegamn.

Apanna m mder la dscruv
che la pgnta l'ra spar,
la scap a scla e la piant un can
che i militr i i dnn indr la pgnta
i cucr, l furzn e al tegamn;

che m mder l'ra bna cmm al pan,
anzi cmm un pann,
bsta lasri str i s tegm,
i cucr, l furzn e i tegamn.

Par vdder dli tri poe ed ste librtt, clich qu! - Per vedere altre poesie del volumetto, cliccate qui!

Stefano Rovinetti Brazzi, Venerazione per un verso d'anatra, Bologna : Il Capitello del Sole 2008, 10 euro, ISBN 88-86763-59-X

Al lbr ed Stven int al dialtt ed San Gabaril

Stefano Rovinetti Brazzi l un profesur ed latn e grc al lico Galvn. Pst che s mder l' d San Gabaril ed Barila e s pder dla Mżulra, al s intarsa ai dialtt dla canpgna da matṅna, e l ble ft un stdi s la cultivazin e lavurazin dal furmintn, ch'l st publich in ste St. LINK In pi, Stven l scrtt un bl rz ed poe int al dialtt ed San Gabaril, adruvnd una s varint dl'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna. Ads stl poe, fenalmnt, li n st publich, con un'introduzin dal s colga e studiu Roberto Fiorini. Par cunprr ste volumtt, and bn ala librar Al Capitl dal Sul int l Cartlar al nmmer 20 B!

Stefano Rovinetti Brazzi insegna latino e greco al liceo Galvani. Poich sua madre di San Gabriele di Baricella e suo padre di Mezzolara di Budrio, s'interessa ai dialetti rustici orientali, e ha gi compiuto uno studio sulla coltivazione e lavorazione del mais, pubblicato da questo Sito. Inoltre, Stefano ha scritto un ricco fascio di poesie nel dialetto di San Gabriele, utilizzando una propria variante dell'Ortografia Lessicografica Moderna. Queste poesie sono state finalmente pubblicate, con un'introduzione del suo collega, lo studioso Roberto Fiorini. Per comprare il volumetto, rivolgersi alla libreria Il Capitello del Sole, di Via Cartolerie 20 B!

Luigi Lepri (Gign Lvra), Mica solo tortellini! - Una volta a Bologna si mangiava cos: 70 ricette della tradizione popolare, in dialetto bolognese con traduzione a fronte, Bologna : Pendragon 2008, 15 euro, ISBN 978-88-8342-685-8

Dpp al gran suzs ed "Una volta a Bologna si mangiava cos", ch'a in ps lżer la recensin ala s pgina, Gign Lvra l registr ter 20 rizt (acs li n dvint 70), par la żja dal nster pal... almnc s'av vjja ed mttruv a fr da magnr! Un lber pn ed tanta tradizin e scrtt da un autur ed sta fta, naturalmnt, l sa in bulgnai che in itaglin. Sich dnca l ttil pr l rizt, par fr prtica col bulgnai scrtt (int l’urtugraf lesicogrfica, as capss!) e anc par turnr indr e cgnsser mi la vtta d una vlta. In particolr, scrvrel l st una spzie ed slt al indr par Gign, ch’l adruv al stl ed quand s nna, s mder e l su zini l dscurvn ed magnarn ptrugnn in c. L’arżdura d inc, s mujr Lella, la tn s la tradizin (e qu ch’scrv sta recensin i an ft la prva) es l’ d una man a s mar par cuntrulr che al sl al fss gisst. Bn aptt!

Dopo il grande successo di "Una volta a Bologna si mangiava cos", di cui potete leggere la recensione alla pagina apposita, Luigi Lepri ha registrato altre 20 ricette (portando il numero complessivo a 70) per la gioia del nostro palato, almeno per chi ha voglia di cucinare! Un libro cos all’insegna della tradizione e scritto da un personaggio simile non poteva che essere in bolognese e italiano, per cui utile per le ricette, per far pratica col bolognese scritto (nell’ortografia lessicografica, naturalmente!) e anche per tornare indietro nel tempo e conoscere meglio la vita che fu. In particolare, scriverlo stato una specie di flashback per Lepri, che ha seguito il modo di raccontare e parlare di cucina di sua nonna, di sua madre e delle sue zie. La massaia e cuoca di oggi, sua moglie Lella, tiene alta la tradizione (parliamo per esperienza personale...) e ha dato una mano al marito per controllare che tutto fosse a puntino. Buon appetito!

Carlo Calzolari "Mazzi", Vocabolario del dialetto di Monghidoro - Diziuneri dei dialett ed Schirgalesen, Bologna : Lo Scarabeo 2007, 18 euro, ISBN 88-8478-105-1

Diziunri dei dialĕtt ed Schirgalṡen Carlo Calzolari, dtt Mazzi int al s pajaiṡ dla muntgna bulgnaiṡa urientl, l nd dal 1918 e l spir dal 2006, sich dnca ste lber l vgn fra dpp ala s mrt, grzie al cuntribt dla Cmṅna ed Scargalṡen e d socuanti banc. Durnt la s vtta Mazzi, studiuṡ ed mṡica e dal s pajaiṡ, l ft di ter lavurr sura al dialtt, pr eṡnpi la traduzin ed Pnc' e p dl poeṡ. Pr eṡnpi, int al vocabolri i an mss quassta (int la s graf): Un dialett che cum'ei noster / Un se sint in t'anciun sit / U se scriv senza l'incioster / L' parl perfin dai prit // Enc se ades in s'disen pi / Cal parli a purt d'men / Ieren beli gim d'no / Forsi mej che in italien. Cum as pl vdder, al dialtt ed Scargalṡen al rapreṡnta bn la muntgna urientl col su infiltrazin rumagnli e l su caratersstic muntanri armiṡd insmm, e in pi as vadd che, anc se la graf l' senplifich e dnca la n pl brṡa mustrr ttt i trt fontic ed ste dialtt, per l' st pins pulidn prmma ed scrver, e defti ala pgina nmmr 11 as cta una nta dal profesur Carlo Agostini ch'la spiga un p al sistma e la d anc di eṡnpi interesnt. Biṡggna anc dr che, par quall ch'a in savn nuter, ste lber l al prmm vocabolri publich d un dialtt dla muntgna bulgnaiṡa, e l' anc un tr aspt interesnt: al v dal itaglin al bulgnaiṡ invzi che al'arvrsa, acs al pl anc sarvr ai żven ch'i vlssen inparr al dialtt.

Carlo Calzolari, detto Mazzi nel suo paese della montagna bolognese orientale, nato nel 1918 e scomparso nel 2006, per cui questo libro uscito postumo, grazie al contributo del Comune di Monghidoro e di alcune banche. Nel corso della sua vita Mazzi, studioso di musica e del suo paese, ha prodotto altri lavori sul dialetto, ad esempio ha tradotto Pinocchio e composto varie poesie. Nel dizionario hanno messo questa (la traduzione nostra): "Un dialetto che ome il nostro / non si sente da nessuna parte / si scrive senza inchiostro / e lo parlano anche i preti // Anche se adesso non si dicono pi / quelle parole a portata di mano / erano belle, non potete negarlo / forse meglio che in italiano". Come si vede, il monghidorese rappresenta bene la montagna orientale, con la sua convivenza di infiltrazioni romagnole e caratteristiche montane, inoltre si nota che, anche se la grafia semplificata e dunque non pu mostrare tutti i tratti fonetici di questo dialetto, per frutto di una riflessione preliminare, e infatti a pagina 11 vi una nota del prof. Carlo Agostini che spiega a grandi linee il sistema e fornisce esempi interessanti. Va anche sottolineato che, a nostra conoscenza, questo il primo dizionario edito di un dialetto della montagna bolognese, e c' anche un altro aspetto interessato: i lemmi sono dall'italiano al bolognese anzich il contrario come di solito si verifica, per cui pu servire a giovani interessati a imparare il dialetto.

Cesare Malservisi, Che bn udur - Che buon odore, a cura di Francesca Ciampi, Bologna : Alberto Perdisa Editore 2008. 72 canzoni in dialetto bolognese con traduzioni. 3 CD con 42 canzoni. 28 euro, ISBN 978-88-8372-429-9.

Che bn udur Zaiṡer Malservisi, purtrp, l mrt dal 2005, mo ads s mujr Francesca Ciampi, con l ajt ed Gign Lvra, l' tgn dr a ste lber preziuṡ publich da Perdisa, n di d editr bulgnṡ ch'i fan dla bla rba dialetl, in dvv l' ardtt 72 canzuntt, ch'as pl lżren i tst int al lber e l s plen anc snter int i tr CD (brṡa ttti, parch socuanti li n st scrtt mo mi registr - par la verit ai n nna, "Canzone impegnata", ch'l eṡsst anc in versin cant mo l'amanca dal lber: as vadd ch'i s l'n dscurd!). Al bl l che l'introduzin l' prpi ed Malservisi, parch d un lber col su canzuntt i n avven dscurs anc quand l ra anc al mnnd. L' un'introduzin particolr, pṅna d arcrd e d poeṡ, una spzie ed riasnt dla s vtta e dl su amizzzi. E i s amg i an scrtt, n dpp a cl ter, un arcrd ed l. Al pi bl par m l quall ed Carlo Loiodice, ala pgina nmmer 34-35, ch'al cnta d una sra che l al sunva int un grpp muṡichl napuletn (anc s'l un pugliaiṡ cars a Bulggna) quand ai f urganiż una spzie ed cunfrnt in mṡica stra Npol e Bulggna, e par la nstra zit ai ra Malservisi ch'al cantva l su canzuntt: da cla vlta, Loiodice al tach a acunpagnr Malservisi con la s fiṡarmnica. Frsi m a l s qul l' la sra cunt da Loiodice: dal 1995, m a intarvistva di bulgnṡ stit par scrver un artccol ed fontica dal nster bl dialtt, e dpp avair registr di bulgnṡ dal znter a dezid ed spustrm in perifer e, cunsi dal m amg Gign Lvra, and a c da Malservisi, ch'l avva al dialtt dl Arclż. Dpp ft l'intarvssta, la Franzassca la m g che prpi cla sra in San Flṡ ai ra un spetcol ciam "Bna l" (BO = Bulggna e NA = Npol), e la m invid a andri. E l a incuntr Gign Lvra e la f una gran bla serta: stra l ter, una vlta che al pbblic l ra and v, Zaier al m invid a vgnr in vatta al plc con Gign e, acunpagn da Paio, al s cant in anteprmma "La sezin". Dpp a fin a lavurr a Miln e Malservisi a n l pi vsst, anc s'a i mand, pian piann, l m publicazin. E ai chr che anc par di ter cla serta la sppa avanz un bl arcrd. cco cus'al scrv Loiodice: "Ed ecco perch quella sera Cesare Malservisi, accompagnato dall'inseparabile Paio alla chitarra, mi regal un momento indimenticabile di felicit. I contenuti, certo. Ma come non sottolineare alcuni piccoli capolavori di forma? Non so in altre lingue e paesi, ma direi che in Italia nessuno mai stato capace di concepire due versi rimanti in 'ab'. E l am pr al capitn Acb / al barcarl dal Trabb. Il capodoglio e il pesce gatto... Melville e Bacchelli... altro che cuore e amore!". E l' prpi acs, Malservisi in pi ed savair bn al dialtt bulgnaiṡ l ra anc bn ed druvrel, ed fr dl rmm stra bulgnaiṡ e lngv furastri con na bravit che dl vlt l'arcrda Dante Alighieri. L nnic qul da dr al letur ch'an s brṡa al bulgnaiṡ (e par l Francesca Ciampi e Gign Lvra i an prevsst un ajt, mitnd l traduzin in itaglin) l che dl vlt Zaiṡer, traspurt da quall ch'al vlva dr e dala poeṡ, l inventva dl parl in bulgnaiṡ, come "parlr" ch'l eṡsst a Rażż Emgglia mo brṡa da n, duv as dṡ "dscrrer" (a prt i pruvrbi). Mo par qu che al bulgnaiṡ i al san ble, e ch'i plen gustr l canzuntt ed Malservisi int la versin uriginl, ste lber l un gudil, e un bl arcrd par chi al cgnusva, grzie anc al fotograf. A finss dignd che Bertn Sra l control la scritra, parch al lber l anc al mrit d ser scrtt int l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna.
Dagnl Vitli

Cesare Malservisi, purtroppo, mancato nel 2005, ma adesso sua moglie Francesca Ciampi, con l'aiuto di Luigi Lepri, ha curato questo libro prezioso pubblicato da Perdisa (uno dei due editori bolognesi che fanno libri dialettali di qualit), in cui ha riunito 72 canzoni, di cui si possono leggere i testi nel libro e che si possono ascoltare nei tre CD (non tutte, perch alcune sono state s scritte ma mai registrate, e poi ce n' una, "Canzone impegnata", che esiste anche in versione cantata ma manca dal libro: sar stata una dimenticanza). Il bello che l'introduzione dello stesso Malservisi, dal momento che di un libro con le sue canzoni se n'era parlato anche quand'era ancora in vita. un'introduzione particolare, piena di ricordi e poesia, una specie di riassunto della sua vita e delle sue amicizie. E i suoi amici hanno scritto, in una lunga fila, un ricordo di lui. Quello che pi mi piace di Carlo Loiodice, a pagina 34-35, che racconta di una sera in cui lui suonava in un gruppo musicale napoletano (anche se pugliese e cresciuto a Bologna), quando organizzarono una specie di tenzone musicale fra Napoli e Bologna, e per la nostra citt c'erano Malservisi e le sue canzoni: da allora, Loiodice cominci ad accompagnare Malservisi con la sua fisarmonica. Forse io so di quale sera si tratta: nel 1995, stavo intervistando dei bolognesi genuini per scrivere un articolo sulla fonetica del nostro bel dialetto e, dopo aver registrato dei parlanti del centro citt, decisi di spostarmi in periferia; consigliato dal mio amico Luigi Lepri, andai a trovare Malservisi, che parlava il dialetto dell'Arcoveggio. Dopo l'intervista, la Francesca mi disse che proprio quella sera in Via San Felice si sarebbe tenuto uno spettacolo dal titolo "Bna l" (BO = Bologna e NA = Napoli), e m'invit ad assistervi. L incontrai Luigi, e fu una gran bella serata: fra l'altro, uscito il pubblico, Cesare invit me e Luigi sul palco e, accompagnato da Paio, ci cant in anteprima "La sezin". Poi finii a lavorare a Milano e Malservisi non l'ho pi incontrato, anche se, di volta in volta, gli ho mandato le mie pubblicazioni. Mi fa piacere che quella serata sia rimasta un bel ricordo anche per altri. Ecco cosa scrive Loiodice: "Ed ecco perch quella sera Cesare Malservisi, accompagnato dall'inseparabile Paio alla chitarra, mi regal un momento indimenticabile di felicit. I contenuti, certo. Ma come non sottolineare alcuni piccoli capolavori di forma? Non so in altre lingue e paesi, ma direi che in Italia nessuno mai stato capace di concepire due versi rimanti in 'ab'. E l am pr al capitn Acb / al barcarl dal Trabb. Il capodoglio e il pesce gatto... Melville e Bacchelli... altro che cuore e amore!". Ed proprio cos, Malservisi oltre a saper bene il dialetto bolognese era anche capace di usarlo e comporre rime fra bolognese e lingue straniere con una bravura che a volte ricorda Dante Alighieri. L'unica segnalazione da fare al lettore non avvezzo al bolognese (per il quale Francesca Ciampi e Luigi Lepri hanno previsto l'aiuto delle traduzioni in italiano) che a volte Cesare, trasportato dai contenuti e dalla poesia, creava parole come "parlr" che esiste a Reggio Emilia ma non a Bologna, dove si dice "dscrrer" (tranne nei proverbi). Per, per quanto il bolognese lo sanno gi, per coloro che possono gustare le canzoni di Malservisi in versione originale, questo libro un vero piacere, nonch un gran bel ricordo per chi lo conosceva, anche grazie alle fotografie. Termino notando che Roberto Serra ha controllato la scrittura, perch il libro ha anche il merito di essere scritto nell'Ortografia Lessicografica Moderna.
Daniele Vitali

Fausto Carpani, Al Sgnr Pirn 2000 - Disavventure di un omarino del terzo millennio, Bologna : Pendragon 2008, 12 euro, ISBN 978-88-8342-634-6

Al Sgnr Pirn du mlla Fusto Carpn l n che con la parla l snper st bn ed fr dl dragh, bsta pinsr ala poe dl su canzuntt in dialtt opr al'irun e al divartimnt ed quand al scrv int una lngua ch'la n esst bra, ch'la srv p un itaglin invent e bn e spass tradtt dal bulgnai pr arivr a un livl ed bufia che par n l difzzil anc sul gurri i garlatn, cum as vsst quand al s invent la vacamata. Pst ch'l snper st inamur di scrtt d Antonio Fiacchi (1842-1907), un umurssta bulgnai dla fn dl Otznt - prinzppi dal Novznt e autur dal Sgnr Pirin, Fusto l pins d andr ż par cla cavdgna scrivnd "Al Sgnr Pirn 2000", che prmma al f publich a epidi (ch'i srnn p dl ltter ch'l tchen con "Cvsta volta che cv ci voglio raccontarci di cvlla volta..." e l finssen con e tersu a lur sgnuri) int al s giurnaln Al Pnt dla Binnda, e p ads dal editur Pendragon int un bl librtt con in copertna i d Sgnr Pirn, quall dl Otznt e quall dal 2000, al prmm dsgn da Nasica, al secnnd da Matitaccia (Giorgio Serra). Ste Sgnr Pirn l una mujr, "la mia diretta consorte Iana (diminotivo di Poiana)" e un fil "il nostro figlio unigmito Mingne, che ha fondato il circolo dei Maiali della Notte". Esnd che al Sgnr Pirn l in pensin, al prva ed fr una mccia d iniziatv (crrer in biziclatta, fr al volontri par la Cmna, tgnr dr a un rt di anzin pr avair di "ortacci biologi senza grittognici" ttt l n, ecz.), mo ttti l vlt ai v incsa a tarc e a l ai tcca ed ciapr un frc ed stangh, opr ed nmm, o ancura ed paghr un vaniżn ed bajc. Mo ttta sta ddtta an l mgga trasfurm int un incaz sozil, n, al Sgnr Pirn, con inuznza e mudstia, al se sfuga sul scrivnd dl ltter par cuntr i s ft a un pbblic imażinri. E l ai tca ttt al nster divartimnt, parch stl ltter, in pi ed fr rdder par quall ch'ai dnter e par la lngua adruv, a gratri un puctn li n anc un chp lavur d anlii stilsstica. Eh s, parch quand al nstr umarn al scrv, al d s dl stranpalar, mo pruvnd ed fr pulidn e fagnd di bli ch'i essten da bn, e che pr enpi i s cten int i tma di cnno dl scl cni, come quand al spiga: "Dovete stare da sapere che io non ci ho sempre avuto gli ani che ci ho adesso, mo una volta ne avevo di meno". Opr quand al cnta di particolr ch'i n srven bra a spieghres mi, e ch'as i prv anc lasr indr: quand al vl rastlr al s rt al s inzcca int al rastl e al s f ml, e alura al spiga che "Per essere adesivo alle raccomandazioni dell'amico, in quel mentre che piantavo i semini, non perdevo di vista il candido astro che rischiava la notte, ma non abbastanza da impedirmi di pestare il rastello che si liv s come se ftte stato vivente, poscia andando a terminare la sua corsa propio nel bel mezzo del mio cranio frontale, la quale comincipi a svilupparsi una pi fatta bergnccola, che oltre alla luna vedevo anche dei altri corpi sederali". Anc quassta l' un'ingenuit fta da dimnndi żnt pc avir a esprmmres in pbblic, e lżerla con in pi cal ft lingug' al d un divartimnt inteligint, bra tant par v ed quall che al Sgnr Pirn l dr a cuntr, mo parch i ft i n spiegh int una manra pna d irun e d capss. S, parch Fusto al n mgga inuznt come al Sgnr Pirn, e anzi i particolr ch'al spargjja i n st mss l con dl'ssta, par realiżr al s eft, ch'l anc quall ed fr da vdder al mnnd bulgnai stit dal nstr umarn: par rimedir ala rastl, al s f di bagn, mo con csa? "Ripresomi dalla rastrellata con socuanti impacchi di Carlino intento nell'acqua da adacuare, proseguii la mia opera di seminagione". L vaira che sfurtna e ingenuit, inuznza (dal Sgnr Pirn) e cativria e zaclunia (ed chi ter) i n di qu che purtrp i s cten daparttt, per ai anc la lngua, che nuter bulgn a n la dscurn bra acs mo a sn bn ed caprla puld, e ch'la f ed st umarn un prudtt dla nstra tra, ch'a s al sintn avn. Mo s'ai fss di letr ed fra v ch'i an vjja d avinres a ste ingredint tppic dl'argzzia ptrugnna, ala fn dal lber ai un glusri ed Gign Lvra. Par cunpimnt dal mz, biggna dr che Bertn Sra l d una man par l'urtugraf dal dialtt bulgnai (cal bn).

Fausto Carpani con la parola sempre riuscito a fare miracoli, basti pensare alla poesia racchiusa nelle sue canzoni in dialetto o all'ironia giocosa di quando scrive in una lingua che in fin dei conti non esiste, vale a dire un italiano inventato e spesso tradotto dal bolognese, per arrivare a risultati di divertimento a nostro parere inarrivabili, come si visto ai tempi de la vacamata. Poich sempre stato un entusiasta dei lavori di Antonio Fiacchi (1842-1907), umorista bolognese di fine Ottocento - inizio Novecento e autore del Sgnr Pirin, Fausto ha pensato di seguire le orme di quell'autore scrivendo "Al Sgnr Pirn 2000", pubblicato prima a puntate (sotto forma di lettere che cominciano con Cvsta volta che cv ci voglio raccontarci di cvlla volta... e terminano con e tersu a lur sgnuri) nel suo giornalino Al Pnt dla Binnda, e adesso dall'editore Pendragon in un bel libretto raffigurante in copertina i due Sgnr Pirn, quello dell'Ottocento e quello del 2000, il primo disegnato da Nasica, il secondo da Matitaccia (Giorgio Serra). Questo "Signor Pierino" ha una moglie, la mia diretta consorte Iana (diminotivo di Poiana) e un figlio, il nostro figlio unigmito Mingne, che ha fondato il circolo dei Maiali della Notte. Poich in pensione, il Sgnr Pirn s'imbarca in una serie d'iniziative (correre in bicicletta, fare volontariato in Comune, curare un orto anziani per avere ortacci biologi senza grittognici tutto l'anno, ecc.), ma ogni volta un disastro, che termina con botte, insulti o notevoli esborsi di denaro. Ma tanta sfortuna non lo ha affatto trasformato in una specie di attempato angry young man, anzi, il Sgnr Pirn, con candore e modestia, si limita a sfogarsi scrivendo una serie di lettere in cui narra l'accaduto a un pubblico immaginario. E l comincia il nostro divertimento, perch queste lettere, oltre a far ridere per il contenuto e la forma, a guardarle in profondit sono anche un capolavoro di analisi stilistica. Infatti, il nostro eroe scrivendo commette s errori marchiani, ma cercando di avere un bello stile, e alcuni di questi strafalcioni sono reali, si trovano ad esempio nei temi delle elementari, come quando spiega, con eclatante tautologia: Dovete stare da sapere che io non ci ho sempre avuto gli ani che ci ho adesso, mo una volta ne avevo di meno. O ancora quando racconta dettagli che non servono alla comunicazione, e che potrebbero quindi essere omessi - volendo rastrellare nell'orto, ha un doloroso incidente col rastrello, che riferisce cos: Per essere adesivo alle raccomandazioni dell'amico, in quel mentre che piantavo i semini, non perdevo di vista il candido astro che rischiava la notte, ma non abbastanza da impedirmi di pestare il rastello che si liv s come se ftte stato vivente, poscia andando a terminare la sua corsa propio nel bel mezzo del mio cranio frontale, la quale comincipi a svilupparsi una pi fatta bergnccola, che oltre alla luna vedevo anche dei altri corpi sederali. Anche questa ingenuit commessa da molte persone poco abituate a esprimersi in pubblico, e leggerla in quelle forme linguistiche procura un divertimento intelligente, non tanto per i fatti raccontati, ma per lo stile pieno d'ironia e d'astuzia: Fausto ben pi smaliziato del suo personaggio, e anzi i particolari che dissemina nel testo sono frutto di uno studio sapiente, volto a realizzare un effetto preciso, consistente fra l'altro nel mostrare il mondo tipicamente bolognese del nostro "omarino" - in reazione al colpo di rastrello si fa degli impacchi, ma con cosa? Ripresomi dalla rastrellata con socuanti impacchi di Carlino intento nell'acqua da adacuare, proseguii la mia opera di seminagione. vero che sfortuna e ingenuit, innocenza (la sua) e cattiveria e cialtroneria (degli altri) sono purtroppo universali, ma c' anche la lingua usata, che noi bolognesi non parliamo certo cos ma che capiamo bene, a fare del personaggio un prodotto della nostra terra, cui facile affezionarsi. Se poi ci fossero dei lettori non bolognesi desiderosi di avvicinarsi a questa componente tipica dell'arguzia petroniana, alla fine del libro troveranno un glossario di Luigi Lepri. Infine, diremo che Roberto Serra ha controllato l'ortografia delle frasi in dialetto bolognese (quello vero).

Luigi Lepri, Daniele Vitali - Dizionario Bolognese-Italiano Italiano-Bolognese, Dizionri Bulgnaiṡ-Itaglin Itaglin-Bulgnaiṡ, con l'aiuto di Amos Lelli e Roberto Serra, Bologna : Pendragon 2007, 29 €, ISBN 978-88-8342-594-3

Al gran Dizionri bulgnaiṡ ed Gign Lvra e Dagnl Vitli Gign Lvra e Dagnl Vitli i n d autr ch'i an ble ft un dizionri tascbil dal 1999-2000, mo stavlta i an mss fra un strz d un qul che, par quall ch'al parmtt ed fr e par quant l grand, al st al inpra ed qu ed dimnndi lngv furastri: ai pi ed 33 000 parl, al v int l du direzin ala stassa manra (dal bulgnaiṡ al itaglin e dal itaglin al bulgnaiṡ), ai dnter parl d una vlta e parl nvi, ai una mccia ed frṡ e d eṡnpi, i pruvrbi bulgnṡ e itaglin, i grg bulgnṡ, i diminutv, acresitv e spregiatv, dli indicazin par savair cum fr al plurl, al feminl, a druvr i vrb ecz., ai du apendz coi nmm di st e dl parsn, e p l scrtt int l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna, qualla ch'l' adruv anc dai Crs ed Bulgnaiṡ, da ste St, dal DVD Pizunra e da chi ter materil pr insgnr e inparr ch'i van insmm a st'vra. Ste bl librn, con la copertṅna cartun, la chrta ed bna qualit e ch'al paiṡa un chllo e 250 grm (s, mgga par dr), l st ft par ttt i bulgnṡ e qu ch'i s intarsen al bulgnaiṡ, e par chi vl as pl adruvr insmm al manul ed Dagnl Vitli "Dscrret in Bulgnaiṡ?". S'a vlssi mi savair cus'as vjja dr una parla bulgnaiṡa ch'a n av mi sint, cunpgna cagiartt, ranzinla, spartra, stracantn, parcantaigla, pavra o trabiscn, bsta ch'anddi ala prmma prt dal lber, se invzi a vl dr "carota, forfora, fossetta, imbuto, orbettino, piselli" in bulgnaiṡ e a n s brṡa bn, bsta andr a qualla dl du prt. S, parch al Dizionri l bidirezionl, e al d d inc, quand i żven i dscrrn in itaglin mo i n san brṡa al bulgnaiṡ, par ttt qu ch'i al vln inparr l un qul da tgnr da cnt cme una rilcchia! In pi dal Dizionri ai una pgina int la Raid dl Raid, e d'ed l as pl anc scrvr ai autr.

Luigi Lepri e Daniele Vitali sono gli stessi autori del dizionario tascabile del 1999-2000, ma questa volta il frutto del loro lavoro rivaleggia per potenzialit e dimensioni con quelli di tante lingue straniere: ci sono oltre 33 000 lemmi, pienamente bidirezionale (dal bolognese all'italiano e dall'italiano al bolognese), contiene dai termini tradizionali a quelli recentissimi, ha una ricca fraseologia, proverbi bolognesi e italiani, i gerghi bolognesi, le forme diminutive, accrescitive e spregiative, indicazioni grammaticali su plurale, femminile, coniugazioni verbali ecc., due appendici coi nomi geografici e di persona, ed scritto nell'Ortografia Lessicografica Moderna, usata anche dai Corsi di Bolognese, da questo Sito, dal DVD Pizunra e dagli altri supporti didattici con cui interagisce l'opera. Questo bel librone, dalla copertina rigida, dalla carta di buona qualit e dal bel peso di un chilo e 250 grammi, pensato per tutti i bolognesi e gli interessati al bolognese, e volendo pu interagire col manuale di Daniele Vitali "Dscrret in Bulgnaiṡ?". Se volete scoprire il significato di una parola bolognese che non avete mai sentito, come cagiartt, ranzinla, spartra, stracantn, parcantaigla, pavra o trabiscn, basta andare alla prima parte del libro, se invece volete dire "carota, forfora, fossetta, imbuto, orbettino, piselli" in bolognese e non sapete come fare, basta andare alla seconda parte. Perch il Dizionario bidirezionale, e in questi tempi in cui i giovani conoscono l'italiano ma non sanno il bolognese, per i tanti che vorrebbero impararlo si tratta di una risorsa preziosa! Associata al Dizionario c' una pagina Internet, dalla quale si pu anche scrivere agli autori.

Giorgio Biondi, Al dialtt castln - Il dialetto di Castel S. Pietro Terme, Citt di Castel San Pietro Terme 2007, 10 euro

Al dialtt ed Castl San Pr Ste lber l un enpi rius ed cmm i stdi ft fn ads sura al dialtt bulgnaiṡ zitadn i plen ser ttil anc ai dialtt dla pruvnzia, bsta avair vjja ed colaborarr! In ste St avn ble cunt che Tiziano Casella l adrva l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna (naturalmnt adat al sistma ed Bdri), e avn anc publich i stdi ed Dagnl Vitli sura i dialtt dla Rca e d Puratta, ft in cunfrnt col bulgnaiṡ zitadn. Ads ai vgn fra ste bl lber sura al dialtt ed Castl (San Pr), in dvv Giorgio Biondi al spiga l'urggin dal s dialtt, al dscrr di scutmi, dla prunnzia, di grg, di pruvrbi, al mtt di eṡnpi ed leteratra dialetl e al d anc un pccol dizionri! Ttt quasst adruvnd anca l l'Urtugraf Lesicogrfica Mudrna, adat ala fontica dal castln, ch'l un dialtt ed tp bulgnaiṡ dla canpgna ed matṅna (cum al dṡ ala pgina 14 zitnd la clasificazin dal dizionri Vitli-Lvra dal 1999). Par l'urtugraf l autur l colabor con Bertn Sra, al profesur dal Curs ed Bulgnaiṡ, e al s ft lṡer al pail! Grzie ala s ssta e vjja ed fr ads al castln l st descrtt in manra che ttt i plen capr cum l ft, quant al s arvṡa al bulgnaiṡ e quant al rumagnl, qu i n i s carter pi inpurtnt ecz. Insmma, l un lber ch'al far dimnndi piaṡair ai castln ch'i s intarsen dal s dialtt, mo anc ai studiṡ che, s'i n n brṡa d'ed l, i an biṡggn d un'vra scrtta bn e con critri par savair cum l ft ste dialtt tante interesnt pr al mutv ch'al s cta ataiṡ a un cunfn lingusstic (quall stra al bulgnaiṡ e al rumagnl ed Immla). A fn ttt i nster cunplimnt a Giorgio Biondi, e anc ala Cmṅna ed Castl, ch'l' dimustr d avair cap l'inpurtanza culturl dal dialtt fagnd da editur dal vulmm (e la prefazin l' dal snndic, Vincenzo Zacchiroli, un bulgnaiṡ inamur ed Castl e dal s dialtt). Grzie!

Questo libro un esempio riuscito di come gli studi fatti finora sul dialetto bolognese cittadino possano risultare utili anche ai dialetti della provincia, se c' voglia di collaborare! In questo Sito abbiamo gi raccontato che Tiziano Casella utilizza l'Ortografia Lessicografica Moderna (naturalmente adattandola al sistema di Budrio), e abbiamo pubblicato gli studi di Daniele Vitali sui dialetti di Rocca Pitigliana e Porretta, fatti in confronto col bolognese cittadino. Adesso uscito questo bel libro sul dialetto di Castel San Pietro Terme, in cui Giorgio Biondi spiega l'origine del suo dialetto, parla dei soprannomi, della pronuncia, dei gerghi e dei proverbi, e fornisce esempi di letteratura dialettale e anche un piccolo dizionario! Tutto questo utilizzando la gi citata Ortografia Lessicografica Moderna adattata alla fonetica del castellano, che un dialetto bolognese della campagna orientale (come dice a pagina 14 citando la classificazione del dizionario Vitali-Lepri del 1999). Per l'ortografia l'autore ha collaborato con Roberto Serra, professore del Corso di Bolognese, e ha ottenuto risultati ottimi: grazie alla sua bravura e al suo attivismo, adesso il castellano stato descritto in modo che tutti possano capire com' strutturato, quanto somigli al bolognese e quanto al romagnolo, quali siano i suoi caratteri pi importanti ecc. Insomma, un libro che far molto piacere ai castellani interessati al proprio dialetto, ma anche agli studiosi che, se non del posto, hanno bisogno di un'opera scritta secondo i crismi per sapere com' fatto questo dialetto reso cos interessante dal frangente di trovarsi vicino a un confine linguistico (quello fra il bolognese e il romagnolo d'Imola). I nostri pi vivi complimenti a Giorgio Biondi, e anche al Comune di Castel San Pietro Terme, che ha capito l'importanza culturale del dialetto e l'ha dimostrato facendo da editore al volume (la prefazione del sindaco, Vincenzo Zacchiroli, bolognese innamorato di Castel San Pietro e del suo dialetto). Grazie!

Par dli tri recensin clich qu - Per altre recensioni cliccare qui


Vocabolri ed bulgnai e dintren - Dizionari di bolognese e dintorni

ter lber e stdi sura al bulgnai e dintren - Altri libri e studi sul bolognese e dintorni

Vocabolri e stdi sura i dialtt emiglin, rumagn e dintren - Dizionari e studi sui dialetti emiliani, romagnoli e vicini

Leteratra bulgnaia - Letteratura bolognese

ter - Altro


Ala prmma pgina
V s